Home » Aziende »Idee »Pratiche » Eco-innovazione: risposta vincente per le PMI in tempo di crisi:

Eco-innovazione: risposta vincente per le PMI in tempo di crisi

marzo 31, 2011 Aziende, Idee, Pratiche

Qual è l’attitudine degli imprenditori europei nei confronti dell’eco-innovazione? Ce lo spiega la Commissione Europea attraverso una ricerca statistica dell’Eurobarometro, effettuata su un totale di 5.222 manager di piccole e medie imprese (PMI) dei 27 Paesi membri dell’Unione Europea.

Gli imprenditori sono stati selezionati, in ogni Paese membro, all’interno di vari settori, come quello agricolo, manifatturiero, della gestione dei rifiuti, delle costruzioni e delle attività legate ai servizi turistici. L’obiettivo dello studio, dal titolo “FL315 Attitudes of European entrepreneurs towards eco-innovation”, è quello di indagare i comportamenti, le attitudini e le aspettative degli imprenditori nei confronti dello sviluppo dell’eco-innovazione come risposta all’aumento dei prezzi delle risorse nonché alla loro scarsità.

Il concetto di eco-innovazione si sta facendo sempre più spazio, infatti, nel mondo delle imprese. Si tratta di un processo in continua evoluzione che comporta l’introduzione sul mercato di prodotti “migliorati”, cambiamenti nella gestione aziendale e soluzioni che riducono l’uso delle risorse naturali, inclusi i materiali, l’energia, l’acqua e le terre.

Dalla ricerca statistica è emerso che, nonostante la consapevolezza del risparmio e della tutela ambientale, gli imprenditori delle PMI incontrano ancora molti ostacoli all’attuazione di processi produttivi eco-innovativi. Nel questionario presentato agli organi direttivi delle diverse aziende sono stati presentati 14 potenziali barriere allo sviluppo dell’eco-innovazione, tra cui cinque di queste sono considerate il vero problema da oltre il 30% degli imprenditori intervistati: l’incertezza della domanda dal mercato, l’incertezza sui guadagni prodotti dagli investimenti nell’eco-innovazione, la mancanza di fondi nelle imprese, l’inaccessibilità agli incentivi fiscali esistenti, la mancanza di finanziamenti esterni.

In particolare, le piccole e medie imprese italiane sono limitate soprattutto dalla mancanza di fondi interni alle imprese stesse (40% degli intervistati), dall’incertezza della domanda dal mercato (35% degli intervistati) nonché dall’incertezza dei guadagni o comunque dai tempi troppo lunghi di rientro degli investimenti effettuati (31% degli intervistati). Le preoccupazioni delle PMI nostrane sono dunque legate essenzialmente agli effetti della crisi economica, che priva di risorse finanziarie da utilizzare per i nuovi investimenti e l’introduzione sul mercato di nuovi prodotti e servizi.

Lo studio Eurobarometro distingue tra le piccole imprese da un lato, e le aziende medie dall’altro, sempre in relazione alle barriere. Infatti, seppur simili, le piccole e medie imprese hanno un livello di preoccupazione differente soprattutto per quel che riguarda la perdita di collaborazioni con altri partner del settore. E’ intuibile che questo tipo di problema sia una barriera principalmente per le piccole imprese rispetto alle medie.

Se la perdita di partnership economiche è una barriera all’eco-innovazione, di conseguenza, avere dei partner affidabili è uno degli elementi conduttori all’implementazione di politiche aziendali eco-innovative. Infatti il 45% degli intervistati in generale, e il 34% dei manager italiani in particolare, sostengono che le buone partnership economiche e finanziarie aumentano le certezze all’interno delle aziende, costituendo un input positivo per nuovi investimenti.

Ad ogni modo, nel novero delle ragioni che potrebbero spingere le aziende ad investire nell’eco-innovazione, emergono l’aumento del prezzo delle risorse energetiche – sia quello attuale (52% degli intervistati) che quello previsto nell’immediato futuro (50% degli intervistati) – e gli alti prezzi delle materie prime (45% degli intervistati). Politiche aziendali fondate su un processo produttivo eco-innovativo potrebbero infatti condurre al risparmio energetico e delle materie prime, sia in termini economici che in termini ambientali.

A dimostrarlo sono le aziende che nel corso degli ultimi due anni hanno introdotto almeno un elemento eco-innovativo nei processi produttivi, oppure nel metodo organizzativo dell’azienda, o ancora nel prodotto o servizio finale da immettere sul mercato. Seguendo le statistiche dell’Eurobarometro il 42% dei manager intervistati ha sostenuto che l’eco-innovazione nelle proprie aziende ha condotto ad una riduzione dei materiali utilizzati tra il 5 e il 19% per unità di materiali prodotti.

Si può dunque concludere che la crisi economica, pur portando con sé elementi devastanti per le economie mondiali, ha, allo stesso tempo, condotto a dinamiche (quali l’aumento del prezzo delle risorse energetiche e delle materie prime) che costringono gli economisti e ripensare un nuovo modello di crescita, basato essenzialmente sull’uso efficiente di tutte le risorse coinvolte nel ciclo di vita di un prodotto.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende