Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione »Rubriche »Very Important Planet » Paolo Hendel, da Carcarlo a Dante contro lo spreco di acqua:

Paolo Hendel, da Carcarlo a Dante contro lo spreco di acqua

Da Carcarlo Pravettoni ai personaggi storici simbolo di Firenze. Paolo Hendel smette i panni dell’“uomo con gli affari nel sangue ma non nel cervello” che lo ha reso famoso negli anni Novanta, ai tempi di Mai dire gol, per indossare quelli di Dante Alighieri, Francesco Petrarca, Leonardo da Vinci. Il risultato è, come sempre, divertentissimo, e il fine è nobile: sensibilizzare i cittadini a un utilizzo più oculato dell’acqua. Il comico fiorentino è infatti il protagonista della nuova campagna di Publiacqua – l’azienda che gestisce i servizi idrici in 49 comuni toscani – e Regione Toscana contro lo spreco, dal titolo Acqua, usiamola a modino!”. Cartelloni, spot televisivi e radiofonici in cui Dante e Beatrice, Leonardo e la Gioconda, Petrarca e Laura sono tutti impegnati ad insegnare il risparmio e l’uso responsabile di questa risorsa, ma anche a sottolineare l’ottima qualità dell’acqua del rubinetto. “Oh Beatrice ma il rubinetto chiudilo, sprecona!” è l’esclamazione dell’autore della Divina Commedia per ammonire la sua musa (Chiara Francini) un po’ sbadata. Leonardo, intento a dipingere il suo capolavoro dice al suo aiutante: “Io dipingo a olio, l’acqua buona del rubinetto la bevo, non la spreco per la Gioconda! Hai capito, cervellone?!”. Così come Laura riprende il poeta sognante ma distratto che apre il rubinetto e guarda l’acqua scorrere: “Chiare, fresche, dolci…sì, finché ce n’è!”.

D) Paolo Hendel mette da parte il personaggio dell’imprenditore cinico e un po’ spietato e veste i panni di Dante per richiamare i cittadini a un utilizzo più oculato dell’acqua. Da dove è cominciato tutto?

R) Publiacqua mi ha chiamato per costruire insieme una campagna contro lo spreco dell’acqua. In Toscana, la mia regione, nonostante le piogge di questo periodo, gli invasi hanno un basso livello di acqua e d’estate c’è il rischio siccità. Insieme a Publiacqua, al regista Giancarlo Torri della Vertigo Film e al mio co-autore Piero Metelli abbiamo quindi pensato a questi spot, che vogliono avere una funzione sociale facendo ridere. Oltre agli spot con Dante, Petrarca e Leonardo da Vinci ce n’è in progetto un altro, per ora rimasto nel cassetto, con Girolamo Savonarola sul rogo che grida: “Aiuto, brucio! Acquaaa!!!”. E i fiorentini in coro: “Sì, con la penuria che c’è, figurati se la si spreca per te l’acqua!”.

D) Già un anno fa, per il portale E-coop, aveva realizzato altri spot su temi di valenza ambientale, dal riciclo della plastica all’uso delle sporte di tessuto…

R) Sì, per il portale della Coop ho impersonato Carcarlo Pravettoni, che è l’anti-Coop per eccellenza, l’incarnazione del mondo Coop al contrario. Nei vari spot pubblicizzava i suoi supermercati pieni di prodotti del tutto inutili e nocivi. La pubblicità costruita su una chiave comica è un modo efficace per far arrivare un messaggio. Di solito infatti lo spot è un’interruzione fastidiosa, ma se fa ridere diventa piacevole guardarlo, a maggior ragione se è di pubblica utilità come quelli contro lo spreco dell’acqua.

D) Segue da vicino le questioni ambientali, su cui sono basate le campagne a cui partecipa?

R) Sì, assolutamente. Già alcuni anni fa, per esempio, avevo partecipato a una campagna di sensibilizzazione contro gli incendi nei boschi. Cerco sempre di contribuire per quanto posso a progetti che abbiano un senso e che siano utili, come questi. Nel costruire la campagna di Publiacqua, io stesso mi sono un po’ guardato allo specchio e mi sono reso conto di comportamenti da correggere. Chiudendo il rubinetto mentre ci si lava i denti, per esempio, si risparmia acqua preziosa: chi lo lascia sempre aperto, ne consuma fino a 30 litri. E ancora, si può evitare un consumo eccessivo facendo più attenzione quando siamo sotto la doccia e quando laviamo la macchina, magari sostituendo il tubo collegato a un rubinetto sempre aperto con un semplice secchio.

D) I problemi ambientali, dalla carenza di acqua all’inquinamento, entrano poco nella satira, che spesso si occupa esclusivamente di politica. Perché secondo lei?

R) In quest’ambito, in realtà, è difficile distinguere la satira politica da quella non politica. Io parto sempre da qualcosa che non mi piace, o che mi fa paura o mi fa arrabbiare. Ridere delle cose brutte della vita, delle cose che non vanno per il verso giusto – e ce ne sono in abbondanza – diventa un modo per esorcizzarle: è una forma di igiene mentale, mi fa stare meglio.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende