Home » Prodotti »Prodotti »Progetti »Servizi » Alce Nero lancia i primi flagship store:

Alce Nero lancia i primi flagship store

settembre 17, 2010 Prodotti, Prodotti, Progetti, Servizi

Il nuovo flagship store di Alce Nero a Cesena, Courtesy of Alce NeroCibo Cucina Caffè Bio. Non è uno scioglilingua, ma il nuovo format che Alce Nero, marchio cult del biologico, inaugura domani con l’apertura, a Cesena, del primo store monomarca: negozio dove comprare i prodotti della cooperativa, ma anche ristorante e caffetteria, secondo il concept del “biologico come scelta quotidiana“, sia negli acquisti, che per un pasto fuori casa, dalla colazione all’aperitivo. Con un’attenzione particolare alla sostenibilità: ai clienti sarà servita rigorosamente acqua comunale (ulteriormente filtrata dai residui) e i carrelli della spesa saranno di plastica riciclata, realizzati da La Sphera, azienda italo-francese già fornitrice di Eataly. Tutti i prodotti, i menù e le principali informazioni a scaffale saranno inoltre disponibili anche in Braille, l’alfabeto per i non vedenti. I due punti vendita – Cesena e Bologna, che aprirà i battenti a fine ottobre – stanno per questo ottenendo la certificazione “Spreco Zero”, il nuovissimo marchio di Last Minute Market, che garantisce l’adesione ai principi del recupero e di un uso intelligente e condiviso delle risorse.

Abbiamo parlato con Nicoletta Maffini, responsabile marketing, del futuro di questa nuova formula e delle strategie del gruppo che, sull’onda dell’espansione del biologico, ha chiuso l’esercizio luglio 2009-giugno 2010 con 36 milioni di euro di fatturato (+20%).

D) Quali sono le ragioni del successo di Alce Nero?

R) Alce Nero e Mielizia sono una società di produttori. Questo è ciò che ci caratterizza: noi produciamo e distribuiamo direttamente i nostri prodotti, in Italia e nel mondo. Per quanto riguarda l’estero il paese in cui siamo più forti è il Giappone, dove Alce Nero è diffuso da circa 15 anni. Abbiamo una linea di prodotti bio tutti italiani e una linea di fair trade, sempre realizzata da produttori soci, ma all’estero: caffè, the, riso basmati, cioccolata ecc. L’80% dei nostri prodotti è realizzato da soci o comunque con materie prime fornite dai soci.

D) Come nasce l’idea di aprire dei punti vendita monomarca?

R) E’legata alla nostra missione, che è quella di valorizzare i territori e i prodotti che, sul territorio, vengono coltivati dai nostri soci. La formula “Cibo Cucina Caffè Bio” esprime bene la nostra offerta: cibo & bio sono i nostri prodotti, cucina & caffè i servizi – tenendo conto che il caffè è uno dei nostri prodotti di punta sull’equo e solidale. La gamma è comunque molto ampia perchè abbiamo oggi circa 250 referenze nostre, tra le filiere più importanti: pasta, riso, olio, miele ecc. Questo nuovo format consente di degustare un caffè o una brioches farcita al momento con la confettura che si prefersice, oppure fermarsi, fare la spesa e mangiare il proprio pasto in un ambiente confortevole, certificato contro gli sprechi, grazie al lavoro svolto insieme al prof. Segrè dell’Università di Bologna. Tutto l’arredo, curato da Costa Group di La Spezia, è inoltre realizzato con materiali naturali. Riproporremo quest’ambientazione nel nostro stand al Biofach di Norimberga, per far toccare con mano cosa Alce Nero sta facendo in Italia, ma anche perchè riteniamo di aver trovato, in questa formula, la giusta dimensione in cui identificarci. 

D) Obiettivi futuri di sviluppo della “catena”?

R) In Italia direi Roma e Milano, nel 2011. La cosa più importante adesso è però concentrarsi su queste due prime aperture (Cesena e Bologna) per capire di cosa c’è bisogno. Anche perchè, come sosteniamo sia noi che le ricerche di mercato, il consumatore italiano è molto diverso da città a città. Già tra Cesena e Bologna, che sono vicine, ci sono delle grandi differenze, che vanno rispettate. Ci sono poi differenze di alimentazione: i nostri locali avranno una proposta vegetariana, ma anche carne e salumi biologici. In Emilia Romagna non poteva mancare una proposta di questo tipo. Ci deve essere, a mio parere, una grande flessibilità, anche nelle piccole cose, come gli orari di apertura, che rispecchiano le abitudini locali. Ci saranno poi un menu Libera Terra - grazie all’adesione dei nostri soci alla cooperativa che gestisce i beni confiscati alla mafia – e un Menu Bambini, con dei giochi per imparare a conoscere la natura e la biodiversità. Su Bologna si sta infine pensando di attivare anche la consegna dei prodotti a casa, con un mezzo ecologico.

Benedetta Musso

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende