Home » Prodotti »Prodotti »Progetti »Servizi » Alce Nero lancia i primi flagship store:

Alce Nero lancia i primi flagship store

settembre 17, 2010 Prodotti, Prodotti, Progetti, Servizi

Il nuovo flagship store di Alce Nero a Cesena, Courtesy of Alce NeroCibo Cucina Caffè Bio. Non è uno scioglilingua, ma il nuovo format che Alce Nero, marchio cult del biologico, inaugura domani con l’apertura, a Cesena, del primo store monomarca: negozio dove comprare i prodotti della cooperativa, ma anche ristorante e caffetteria, secondo il concept del “biologico come scelta quotidiana“, sia negli acquisti, che per un pasto fuori casa, dalla colazione all’aperitivo. Con un’attenzione particolare alla sostenibilità: ai clienti sarà servita rigorosamente acqua comunale (ulteriormente filtrata dai residui) e i carrelli della spesa saranno di plastica riciclata, realizzati da La Sphera, azienda italo-francese già fornitrice di Eataly. Tutti i prodotti, i menù e le principali informazioni a scaffale saranno inoltre disponibili anche in Braille, l’alfabeto per i non vedenti. I due punti vendita – Cesena e Bologna, che aprirà i battenti a fine ottobre – stanno per questo ottenendo la certificazione “Spreco Zero”, il nuovissimo marchio di Last Minute Market, che garantisce l’adesione ai principi del recupero e di un uso intelligente e condiviso delle risorse.

Abbiamo parlato con Nicoletta Maffini, responsabile marketing, del futuro di questa nuova formula e delle strategie del gruppo che, sull’onda dell’espansione del biologico, ha chiuso l’esercizio luglio 2009-giugno 2010 con 36 milioni di euro di fatturato (+20%).

D) Quali sono le ragioni del successo di Alce Nero?

R) Alce Nero e Mielizia sono una società di produttori. Questo è ciò che ci caratterizza: noi produciamo e distribuiamo direttamente i nostri prodotti, in Italia e nel mondo. Per quanto riguarda l’estero il paese in cui siamo più forti è il Giappone, dove Alce Nero è diffuso da circa 15 anni. Abbiamo una linea di prodotti bio tutti italiani e una linea di fair trade, sempre realizzata da produttori soci, ma all’estero: caffè, the, riso basmati, cioccolata ecc. L’80% dei nostri prodotti è realizzato da soci o comunque con materie prime fornite dai soci.

D) Come nasce l’idea di aprire dei punti vendita monomarca?

R) E’legata alla nostra missione, che è quella di valorizzare i territori e i prodotti che, sul territorio, vengono coltivati dai nostri soci. La formula “Cibo Cucina Caffè Bio” esprime bene la nostra offerta: cibo & bio sono i nostri prodotti, cucina & caffè i servizi – tenendo conto che il caffè è uno dei nostri prodotti di punta sull’equo e solidale. La gamma è comunque molto ampia perchè abbiamo oggi circa 250 referenze nostre, tra le filiere più importanti: pasta, riso, olio, miele ecc. Questo nuovo format consente di degustare un caffè o una brioches farcita al momento con la confettura che si prefersice, oppure fermarsi, fare la spesa e mangiare il proprio pasto in un ambiente confortevole, certificato contro gli sprechi, grazie al lavoro svolto insieme al prof. Segrè dell’Università di Bologna. Tutto l’arredo, curato da Costa Group di La Spezia, è inoltre realizzato con materiali naturali. Riproporremo quest’ambientazione nel nostro stand al Biofach di Norimberga, per far toccare con mano cosa Alce Nero sta facendo in Italia, ma anche perchè riteniamo di aver trovato, in questa formula, la giusta dimensione in cui identificarci. 

D) Obiettivi futuri di sviluppo della “catena”?

R) In Italia direi Roma e Milano, nel 2011. La cosa più importante adesso è però concentrarsi su queste due prime aperture (Cesena e Bologna) per capire di cosa c’è bisogno. Anche perchè, come sosteniamo sia noi che le ricerche di mercato, il consumatore italiano è molto diverso da città a città. Già tra Cesena e Bologna, che sono vicine, ci sono delle grandi differenze, che vanno rispettate. Ci sono poi differenze di alimentazione: i nostri locali avranno una proposta vegetariana, ma anche carne e salumi biologici. In Emilia Romagna non poteva mancare una proposta di questo tipo. Ci deve essere, a mio parere, una grande flessibilità, anche nelle piccole cose, come gli orari di apertura, che rispecchiano le abitudini locali. Ci saranno poi un menu Libera Terra - grazie all’adesione dei nostri soci alla cooperativa che gestisce i beni confiscati alla mafia – e un Menu Bambini, con dei giochi per imparare a conoscere la natura e la biodiversità. Su Bologna si sta infine pensando di attivare anche la consegna dei prodotti a casa, con un mezzo ecologico.

Benedetta Musso

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

febbraio 21, 2017

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

Obiettivo Alluminio giunge alla sua decima edizione e anche quest’anno si appresta a coinvolgere migliaia di studenti in oltre 5.000 scuole superiori italiane. Il progetto didattico organizzato dal CIAL (Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dell’Alluminio), in collaborazione con il Giffoni Film Festival e il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela [...]

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

febbraio 21, 2017

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

L’«alba di una nuova rivoluzione agricola»  è  lo slogan scelto dalla terza edizione di Biogas Italy, l’evento annuale del CIB, Consorzio Italiano Biogas, che si terrà a Roma il prossimo 24 febbraio allo Spazio Nazionale Eventi del Rome Life Hotel. L’evento, promosso in collaborazione con Ecomondo Key Energy, ospiterà gli “Stati Generali del Biogas e [...]

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende