Home » Prodotti »Prodotti »Provati per voi »Recensioni » Consigli per eco-mamme, seconda puntata: il cibo è meglio bio:

Consigli per eco-mamme, seconda puntata: il cibo è meglio bio

Prosegue, con la seconda puntata di “Eco-mamme” il viaggio della nostra corrispondente (e mamma) Cristina Gentile tra i prodotti e i servizi per l’infanzia. Il tema di oggi è: cibo, bio o non bio? Dal latte allo svezzamento.

Mi raccomando, niente sale né zucchero fino a un anno”. Mi accosto agli scaffali di supermercati e farmacie, alle ricerca dei primi biscottini e omogeneizzati, con l’eco delle apodittiche parole del pediatra ancora nelle orecchie. A cinque-sei mesi bisogna affrontare lo svezzamento del piccolo, un bel problema.

E mai come ora mi accorgo di quanto siano fuorvianti gli slogan dei grandi marchi, molto diffusi e pubblicizzati: l’alimentazione “sana” di Plasmon o Mellin prevede omogeneizzati in cui la carne è solo il 40 per cento del composto, ma oltre all’amido di riso e agli aromi naturali c’è il fatidico “cloruro di sodio” tanto vietato dal pediatra.

E che dire del biscotto granulato? Se è facile trovarne “senza glutine”, nessuna marca, né Plasmon né Milupa né Mellin, lesina in zuccheri. E, con stupore della stessa farmacista interpellata, compaiono fra gli ingredienti del biscotto da sciogliere nel latte perfino i grassi saturi, in percentuale minima (6 su 100 grammi di prodotto), ma ci sono. E derivano da olii vegetali non meglio specificati.

Così pure nelle porzioni di purea di frutta, le etichette la dicono lunga: si salvano solo quelle di Hipp, azienda tedesca che da oltre 50 anni produce rigorosamente biologico, i vasetti della linea “Crescendo bio” di Coop e quelli di “Natura Nuova Bio”, un’azienda di Bagnacavallo, nel ravennate, nata negli anni Novanta, che non ha una distribuzione molto diffusa, ma propone frutta al 100 per cento, da agricoltura biologica certificata Bioagricert. Questi marchi non mettono zuccheri nei vasetti di pera, mela, prugna e frutta mista. Analoghi prodotti di marchi ben più noti ne sono invece provvisti. Come mai? A che pro, verrebbe da chiedersi, se la malizia non facesse temere il peggio: frutti dolcificati sono più allettanti per un palato innocente, che quindi ne mangia a volontà. Risultato? Genitori appagati, e schiere di ignari consumatori fidelizzati, a scapito della salute.

E’ una bella scoperta, invece, il buon rapporto qualità-prezzo dei prodotti Hipp, per esempio, anche se poco diffusi nei supermercati e a volte da ordinare anche presso farmacie. Un esempio? La coppia di vasetti omogeneizzati di pollo o tacchino costa sui 2.89 euro, la frutta è in genere a 1.65 euro la confezione da due. Gli omogeneizzati Coop bio costano meno di 2 euro (ma negli Ipercoop sono stati oggetto di offerte interessanti: 1.62 euro la confezione da due).

Eppure, benchè abbiano un prezzo medio più alto, sembra che nutrire i nostri babies con i liofilizzati possa essere una scelta ancora migliore: un farmacista che ci fa infatti notare come la lista ingredienti dei liofilizzati sia molto più breve di quella degli omogeneizzati. In pratica, nei liofilizzati c’è solo carne omogeneizzata liofilizzata e farina di riso precotta. Sono pochi però i marchi che li producono: li abbiamo trovati solo Mellin e Plasmon. I liofilizzati Mellin sono in commercio a prezzi molto diversificati a seconda del punto vendita: in farmacie, sanitarie e supermercati i prezzi oscillano dai 3.83 euro agli oltre 5, per la confezione da 3 vasetti da 10 grammi ciascuno. La Hipp non pare produrne, per esempio. Né ne abbiamo trovati di altri marchi biologici.

Il liofilizzato conviene soprattutto all’inizio dello svezzamento, quando al piccino basta un quantitativo minimo di carne nella pappa. L’omogeneizzato infatti va consumato entro 24 ore dall’apertura, per cui si presta a 2 razioni soltanto, mentre il liofilizzato può essere richiuso e conservato in frigo per più giorni.

Ma è soprattutto una scelta salutare, quella che ci guida a preferire i liofilizzati: composti solo da carne e farina di riso, appunto, anziché amidi, acqua di cottura e aromi. Purtroppo però non riesce nemmeno qui l’equazione perfetta: tra i liofilizzati non abbiamo infatti trovato prodotti biologici, almeno per ora. Attendiamo fiduciose che le aziende recepiscano le esigenze di mamme e papà sempre più scrupolosi e attenti alla salute dei loro bambini e ci segnalino un nuovo prodotto.

In fatto di farine per pappe, poi, si trovano varie marche biologiche, anche nei supermercati: le creme di riso, o mais e tapioca, multicereali, e semolino, ci sono sia di Hipp che Holle. Quest’ultima marca svizzera però, è stata avvistata solo su scaffali di supermercati specializzati bio, come la catena Natura Sì, o in farmacia.

Hipp infine produce latte artificiale bio liquido, per lattanti dal 6° mese, con gran liberazione dei genitori, che con il latte in polvere da sciogliere in acqua bollente, per poi raffreddarlo a bagno maria in acqua fredda, sono molto meno liberi di muoversi. Un appuntamento dal pediatra può diventare una corsa a ostacoli tra orari di preparazione del latte, tempi di raffreddamento e fame puntualissima del poppante. Un analogo latte liquido è prodotto da Mellin, per lattanti sin dal primo mese, ma si tratta di un prodotto non biologico. I prezzi? Il latte Hipp Bio 2, per bimbi dai 6 mesi in poi, oscilla dai 2 ai 2.25 euro per il bric da 500 ml, salvo offerte per periodi limitati (la catena Farmacia Comunale di Bologna lo ha messo in vendita, ad esempio, a 1.49 euro il bric, nel mese di giugno).

In definitiva, quale consiglio dunque per le eco-mamme? Scegliete bio, non vergognatevi di fare scorte da carestia quando un prodotto valido e salutare è in offerta, ma soprattutto: leggete le etichette, grande conquista dell’informazione al consumatore e unico mezzo per una scelta consapevole.

 Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

21° Cinemambiente: dall’arca di Anote al nulla di Iggy Pop

giugno 1, 2018

21° Cinemambiente: dall’arca di Anote al nulla di Iggy Pop

La 21°edizione del Festival Cinemambiente è stata inaugurata ufficialmente giovedì 31 maggio al Cinema Massimo di Torino, dove si è esibito dal vivo, in apertura, il meteorologo Luca Mercalli, nel suo ormai tradizionale appuntamento con “Il punto“, l’annuale rapporto  sullo stato del Pianeta stilato appositamente per il pubblico del Festival. Mercalli si è soffermato, in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende