Home » Prodotti »Prodotti »Provati per voi »Recensioni » Consigli per eco-mamme, seconda puntata: il cibo è meglio bio:

Consigli per eco-mamme, seconda puntata: il cibo è meglio bio

Prosegue, con la seconda puntata di “Eco-mamme” il viaggio della nostra corrispondente (e mamma) Cristina Gentile tra i prodotti e i servizi per l’infanzia. Il tema di oggi è: cibo, bio o non bio? Dal latte allo svezzamento.

Mi raccomando, niente sale né zucchero fino a un anno”. Mi accosto agli scaffali di supermercati e farmacie, alle ricerca dei primi biscottini e omogeneizzati, con l’eco delle apodittiche parole del pediatra ancora nelle orecchie. A cinque-sei mesi bisogna affrontare lo svezzamento del piccolo, un bel problema.

E mai come ora mi accorgo di quanto siano fuorvianti gli slogan dei grandi marchi, molto diffusi e pubblicizzati: l’alimentazione “sana” di Plasmon o Mellin prevede omogeneizzati in cui la carne è solo il 40 per cento del composto, ma oltre all’amido di riso e agli aromi naturali c’è il fatidico “cloruro di sodio” tanto vietato dal pediatra.

E che dire del biscotto granulato? Se è facile trovarne “senza glutine”, nessuna marca, né Plasmon né Milupa né Mellin, lesina in zuccheri. E, con stupore della stessa farmacista interpellata, compaiono fra gli ingredienti del biscotto da sciogliere nel latte perfino i grassi saturi, in percentuale minima (6 su 100 grammi di prodotto), ma ci sono. E derivano da olii vegetali non meglio specificati.

Così pure nelle porzioni di purea di frutta, le etichette la dicono lunga: si salvano solo quelle di Hipp, azienda tedesca che da oltre 50 anni produce rigorosamente biologico, i vasetti della linea “Crescendo bio” di Coop e quelli di “Natura Nuova Bio”, un’azienda di Bagnacavallo, nel ravennate, nata negli anni Novanta, che non ha una distribuzione molto diffusa, ma propone frutta al 100 per cento, da agricoltura biologica certificata Bioagricert. Questi marchi non mettono zuccheri nei vasetti di pera, mela, prugna e frutta mista. Analoghi prodotti di marchi ben più noti ne sono invece provvisti. Come mai? A che pro, verrebbe da chiedersi, se la malizia non facesse temere il peggio: frutti dolcificati sono più allettanti per un palato innocente, che quindi ne mangia a volontà. Risultato? Genitori appagati, e schiere di ignari consumatori fidelizzati, a scapito della salute.

E’ una bella scoperta, invece, il buon rapporto qualità-prezzo dei prodotti Hipp, per esempio, anche se poco diffusi nei supermercati e a volte da ordinare anche presso farmacie. Un esempio? La coppia di vasetti omogeneizzati di pollo o tacchino costa sui 2.89 euro, la frutta è in genere a 1.65 euro la confezione da due. Gli omogeneizzati Coop bio costano meno di 2 euro (ma negli Ipercoop sono stati oggetto di offerte interessanti: 1.62 euro la confezione da due).

Eppure, benchè abbiano un prezzo medio più alto, sembra che nutrire i nostri babies con i liofilizzati possa essere una scelta ancora migliore: un farmacista che ci fa infatti notare come la lista ingredienti dei liofilizzati sia molto più breve di quella degli omogeneizzati. In pratica, nei liofilizzati c’è solo carne omogeneizzata liofilizzata e farina di riso precotta. Sono pochi però i marchi che li producono: li abbiamo trovati solo Mellin e Plasmon. I liofilizzati Mellin sono in commercio a prezzi molto diversificati a seconda del punto vendita: in farmacie, sanitarie e supermercati i prezzi oscillano dai 3.83 euro agli oltre 5, per la confezione da 3 vasetti da 10 grammi ciascuno. La Hipp non pare produrne, per esempio. Né ne abbiamo trovati di altri marchi biologici.

Il liofilizzato conviene soprattutto all’inizio dello svezzamento, quando al piccino basta un quantitativo minimo di carne nella pappa. L’omogeneizzato infatti va consumato entro 24 ore dall’apertura, per cui si presta a 2 razioni soltanto, mentre il liofilizzato può essere richiuso e conservato in frigo per più giorni.

Ma è soprattutto una scelta salutare, quella che ci guida a preferire i liofilizzati: composti solo da carne e farina di riso, appunto, anziché amidi, acqua di cottura e aromi. Purtroppo però non riesce nemmeno qui l’equazione perfetta: tra i liofilizzati non abbiamo infatti trovato prodotti biologici, almeno per ora. Attendiamo fiduciose che le aziende recepiscano le esigenze di mamme e papà sempre più scrupolosi e attenti alla salute dei loro bambini e ci segnalino un nuovo prodotto.

In fatto di farine per pappe, poi, si trovano varie marche biologiche, anche nei supermercati: le creme di riso, o mais e tapioca, multicereali, e semolino, ci sono sia di Hipp che Holle. Quest’ultima marca svizzera però, è stata avvistata solo su scaffali di supermercati specializzati bio, come la catena Natura Sì, o in farmacia.

Hipp infine produce latte artificiale bio liquido, per lattanti dal 6° mese, con gran liberazione dei genitori, che con il latte in polvere da sciogliere in acqua bollente, per poi raffreddarlo a bagno maria in acqua fredda, sono molto meno liberi di muoversi. Un appuntamento dal pediatra può diventare una corsa a ostacoli tra orari di preparazione del latte, tempi di raffreddamento e fame puntualissima del poppante. Un analogo latte liquido è prodotto da Mellin, per lattanti sin dal primo mese, ma si tratta di un prodotto non biologico. I prezzi? Il latte Hipp Bio 2, per bimbi dai 6 mesi in poi, oscilla dai 2 ai 2.25 euro per il bric da 500 ml, salvo offerte per periodi limitati (la catena Farmacia Comunale di Bologna lo ha messo in vendita, ad esempio, a 1.49 euro il bric, nel mese di giugno).

In definitiva, quale consiglio dunque per le eco-mamme? Scegliete bio, non vergognatevi di fare scorte da carestia quando un prodotto valido e salutare è in offerta, ma soprattutto: leggete le etichette, grande conquista dell’informazione al consumatore e unico mezzo per una scelta consapevole.

 Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con AIGAE sul sentiero del Morteratsch, il ghiacciaio simbolo che perde 200 metri ogni decennio

marzo 1, 2017

Con AIGAE sul sentiero del Morteratsch, il ghiacciaio simbolo che perde 200 metri ogni decennio

AIGAE, l’associazione delle guide ambientali escursionistiche – alla quale aderiscono numerosi geologi e glaciologi – lancia l’allarme: la situazione dei ghiacciai italiani è, senza mezzi termini, “drammatica”. Negli ultimi anni si è persa una superficie pari al Lago di Como. Ma il dramma non è solo nazionale. Se c’è infatti un luogo dove, secondo le [...]

All’Università di Siena un corso interdisciplinare sulla “sostenibilità” aperto al pubblico

marzo 1, 2017

All’Università di Siena un corso interdisciplinare sulla “sostenibilità” aperto al pubblico

Lo sviluppo sostenibile e la sostenibilità ambientale, ma anche economica e sociale, sono tra i temi più attuali che interessano i governi a livello globale. Un approccio complesso che coinvolge aspetti giuridici, energetici, urbanistici e sociologici, e che richiede competenze interdisciplinari per essere adeguatamente affrontato. L’ottica interdisciplinare è dunque stata scelta dal corso in “Sostenibilità” [...]

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

febbraio 28, 2017

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

Negli ultimi dieci anni, la produzione e lo smaltimento di smartphone hanno avuto un impatto significativo sul nostro pianeta, secondo un rapporto diffuso ieri da Greenpeace USA, all’inaugurazione del “World Mobile Congress” di Barcellona. Il rapporto “From Smart to Senseless: The Global Impact of Ten Years of Smartphones” fornisce una panoramica dell’aumento dell’uso degli smartphone [...]

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

febbraio 28, 2017

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

Prevenire con efficacia i danni provocati dai terremoti e dalle catastrofi naturali comporta un cambiamento culturale, sociale e tecnico che coinvolge le istituzioni, i cittadini, le imprese e i professionisti. Un radicale cambiamento che dall’emergenza ci deve portare alla gestione ordinaria dei rischi naturali e a progettare e realizzare città capaci di adattarsi ai cambiamenti climatici e [...]

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

febbraio 28, 2017

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

L’appello è arrivato alla vigilia della riunione dei Ministri dell’Ambiente della UE, in programma oggi a Bruxelles. Un appuntamento importante perché al primo punto all’ordine del giorno, è prevista la revisione dell’Emission Trading Scheme (ETS), il meccanismo europeo di scambio delle emissioni il cui obiettivo dovrebbe essere quello di far pagare gli emettitori di CO2 per [...]

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

febbraio 27, 2017

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

Aboca, Stefano Mancuso e i DeProducers tornano insieme con lo spettacolo Botanica per continuare ad unire musica e scienza e raccontare le meraviglie del mondo vegetale. Un progetto innovativo e coinvolgente che vede la consulenza scientifica di uno dei più importanti ricercatori botanici internazionali, il Prof. Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia [...]

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

febbraio 27, 2017

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

EVE – Electric Vehicle Energy è un progetto che nasce dalla collaborazione tra tre grandi realtà toscane, come Enegan, trader di luce e gas che opera a livello nazionale, il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) – realtà composta da 60 imprese hi-tech – e Dielectrik, che lavora alla progettazione e alla produzione di prototipi di generi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende