Home » Prodotti »Prodotti » Giocattoli ecologici, tra la nostalgia del legno e i nuovi materiali:

Giocattoli ecologici, tra la nostalgia del legno e i nuovi materiali

dicembre 16, 2011 Prodotti, Prodotti

Quest’anno, un po’ per crescente sensibilità ambientale, un po’per necessità di riciclo, aumentano sul mercato i giocattoli ecologici, fatti con materiali di recupero e privi di sostanze derivate dal petrolio. E sono sempre di più i genitori che li scelgono: così che i bambini possano giocare più sicuri e divertirsi, toccare e avvicinare al viso i loro oggetti preferiti, dalle bambole ai trenini. Un aspetto non di poco conto, considerando anche l’importanza che i giocattoli rivestono per lo sviluppo del bambino.

«Il gioco in generale, e soprattutto il gioco simbolico o di finzione, che compare entro i due anni di vita, permette al bambino di esprimere fantasie, emozioni, desideri e conflitti e di elaborarli attraverso l’immaginazione», spiega Antonella Marchetti, professore ordinario di Psicologia dello Sviluppo e Psicologia dell’Educazione all’Università Cattolica di Milano. «I giocattoli in generale potenzialmente stimolano la creatività infantile e molto spesso sono studiati con tale obiettivo. Ciò che conta è che il gioco, qualunque esso sia,  sia vissuto come tale, nel contesto di relazioni affettive ed educative con adulti, che sappiano monitorare se e quanto il bambino sia in grado di tenere distinta la realtà dalla fantasia», continua l’esperta.

La preoccupazione per la sicurezza dei giochi, vista appunto la loro straordinaria importanza per i piccoli, è condivisa dall’Unione Europea, che proprio in questo periodo ha lanciato una campagna sul tema. Il marchio CE è la garanzia che il giocattolo soddisfa tutti i requisiti di sicurezza europei. La nuova Direttiva sui giocattoli 2009/48/CE, che sostituisce quella del 1988, recepita in Italia a marzo scorso, inoltre, rafforza gli standard di sicurezza, stabilendo che le sostanze cosiddette CMR (Carcinogenic, Mutagenic or toxic for Reproduction) non siano più ammesse nelle parti accessibili del giocattolo. E sono vietate tutte le fragranze che hanno un forte potenziale allergenico; per quelle meno dannose, ne deve essere specificata la presenza sull’etichetta del giocattolo. Qualche sostanza potenzialmente tossica, però, è permessa: alcune categorie di ftalati (famiglia di composti chimici usati nell’industria delle materie plastiche come agenti plastificanti) che non rientrano tra i CMR, per esempio,  sono vietati solo nei giocattoli che possono essere messi in bocca dal bambino.

Per chi vuole cercare di evitare anche i pericoli più nascosti, una strada può essere quella di ricorrere a giocattoli con più componenti naturali possibile, dai giochi in legno a quelli in cotone biologico. I serviti da tè di Green Toys , per esempio, sono prodotti in California con le bottiglie del latte riciclate e non contengono ftalati, mentre Ecotoys produce i famosi Happy Mais, i mattoncini ricavati dall’amido di mais e colorati con coloranti alimentari atossici. E non mancano le bambole e i pupazzetti in cotone biologico, prodotte da diversi marchi. «Quando parlo ai miei clienti di questi giocattoli – racconta Kendra Vittorini, proprietaria del negozio torinese Fior di Bimbo Bio – rimangono sempre molto colpiti, sia per la maggiore sicurezza del bambino, sia anche per gli aspetti ambientali».

Per i più nostalgici ci sono poi i giocattoli in legno, che in Italia hanno una vera e propria tradizione. Alcune fabbriche, come Il Leccio, sono riuscite a sopravvivere alla delocalizzazione e alla concorrenza dei giochi in plastica da pochi euro. E non mancano giovani designer come Arcangelo Favata, che con il marchio Alicucio crea giocattoli in legno di recupero acquistabili sul portale di e-commerce Greencommerce.it. Macchine fotografiche, cavalli a dondolo, camioncini nati, spiega lui, «da un ricordo nostalgico del passato, quando da piccolo insieme ad altri bambini giocavo con delle macchinine trasformate appositamente per essere spinte su di una pista disegnata con il gesso sul asfalto. I primi lavori che ho realizzato sono i ri-tagli, utilizzando lo scarto di complementi d’arredo realizzati sempre all’interno del laboratorio: quindi lo scarto dello scarto, successivamente ho realizzato Lallo, il cavalluccio che si ribalta divenendo un piccolo piano da disegno ed un contenitore porta-giochi attraverso l’utilizzo di un pallet, e poi è stata la volta dellle Wood Machines e della collezione dei camioncini Sannaka, che hanno riscosso un certo interesse sia da parte dei bambini che dai più grandi. Attualmente sto lavorando ad una nuova collezione, gli Ali-cucio, la prima compagnia aerea ad emissioni zero…».

E per quelli che considerano i giocattoli una vera passione, al Gran Palais di Parigi è in corso addirittura una mostra che, fino a gennaio, raccoglie mille giochi dall’Antichità ai giorni nostri. Bambole, palle, trottole, aeroplanini. Alcuni, come le pupe di pezza, sono rimaste praticamente identiche nello scorrere dei secoli, mentre altri sono cambiati adattandosi ai tempi. Una gioia per i nostalgici dei vecchi giocattoli, e l’occasione per un viaggio a ritroso nella propria infanzia.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende