Home » Prodotti »Prodotti » I pannelli solari low cost potrebbero diventare realtà:

I pannelli solari low cost potrebbero diventare realtà

gennaio 9, 2012 Prodotti, Prodotti

Da oggi i pannelli solari a basso costo potrebbero diventare una realtà. La notizia arriva dal Technion-Israel Institute of Technology, dove un gruppo di ricercatori ha trovato una soluzione tecnologica per rendere meno costoso il processo di manifattura dei pannelli solari.

Il problema è infatti che, per continuare a diffondersi e competere con l’energia prodotta dai combustibili fossili, l’energia solare deve diventare più efficiente e meno costosa. Soprattutto nelle fasi di crisi economica come quella attuale. La tecnologia dominante nel campo dell’energia solare, è oggi quella dei pannelli solari a base di silicio, i cui costi sono molto elevati. Questi costi di produzione, insieme alla crisi economica, hanno provocato, negli ultimi anni, una riduzione dell’adozione di pannelli per l’energia fotovoltaica da parte sia degli enti pubblici che privati, con un conseguente rallentamento della diffusione di impianti. L’unica alternativa possibile, almeno fino alla pubblicazione dello studio del Technion-Israel Institute of Technology, sembrava essere rappresentata dall’adozione di pannelli solari che utilizzano nanocristalli inorganici o “punti quantici”, i quali però sono generalmente meno efficienti nel trasformare l’energia solare in energia elettrica.

Oggi questo limite non dovrebbe più costituire un problema, in quanto i ricercatori del Technion-Israel Institute of Technology hanno trovato una nuova modalità per generare un campo elettrico all’interno dei punti quantici, così da renderli più adatti alla costruzione di pannelli solari costituiti da nanocristalli e a basso consumo energetico.

Il professor Nir Tessler, del Nano-Electronics Zisapel Centre, presso il Dipartimento di Ingegneria Elettrica del Technion, insieme al suo gruppo di lavoro, ha condotto una ricerca, pubblicata sul numero di ottobre della rivista scientifica Nature Materials, dal titolo “Molecular control of quantum-dot internal electric field and its application to CdSe-based solar cells”, in cui vengono descritte le proprietà dei punti quantici e la loro capacità di rendere virtuoso e, allo stesso tempo, economico un pannello solare.

I punti o nanocristalli quantistici “sono dei materiali promettenti per costruire pannelli solari efficienti, a basso costo e caratterizzati dalla produzione di una grande quantità di energia solare, grazie a delle insolite proprietà elettroniche di cui sono dotati”, ha dichiarato il professor Tessler.

Ma che cosa sono e in che modo funzionano i punti quantici o nanocristalli? Si tratta di particelle che caratterizzano i materiali dei semi-conduttori elettrici, la cui taglia è talmente piccola che gli elettroni che li costituiscono non avrebbero alcun valore per la produzione di energia. Le dimensioni di un punto quantico, però, dipendono dalla quantità di luce che il punto è in grado di assorbire. Di conseguenza, tramite il cambiamento della dimensioni di un punto quantico, sarebbe possibile massimizzare la sua capacità di raccogliere la luce anche all’interno dei pannelli solari. Affinché l’energia solare possa essere trasformata in energia elettrica, i punti quantici devono condividere gli elettroni in maniera efficiente. Quest’ultimo era l’unico aspetto tecnico che non si riusciva a controllare, e che sfociava sempre in risultati non soddisfacenti nell’utilizzo dei nanocristalli nella costruzione dei pannelli solari.

Il merito dello studio del gruppo di lavoro di Tessler è stato quello di oltrepassare questo ostacolo. I ricercatori infatti hanno trovato il modo di portare una carica elettrica per i punti quantici, ciascuna di un milionesimo delle dimensioni del punto. Sul piano tecnico, questo significa che sono stati in grado di generare forti campi elettrici all’interno dei punti tramite due molecole organiche diverse. I gruppi chimici che attaccano le molecole alla superficie dei punti generano, infatti, il campo elettrico.

Al di là delle considerazioni di tipo tecnico e scientifico, i ricercatori hanno trovato un metodo per utilizzare i nanocristalli in maniera efficiente nel settore del fotovoltaico. L’obiettivo di Tessler è quello di combinare questi risultati con i loro esperimenti precedenti, al fine di scoprire metodi ancora più efficienti per la produzione di energia pulita.

La scoperta dei ricercatori del Technion-Israel Institute of Technology rappresenta un importante passo in avanti nel mondo delle energie pulite e dell’efficienza energetica, ma non solo. Considerata da un punto  di vista più ampio, potrebbe rappresentare un importante tassello anche nel campo, più in generale, della green economy. I pannelli solari low cost, caratterizzati da prezzi più accessibili, potrebbero avere una diffusione più ampia, creando così parte di quell’indotto industriale basato sul rispetto dell’ambiente, che sta alla base della stessa green economy.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende