Home » Idee »Prodotti » La pianificazione energetica chiama? Il software risponde:

La pianificazione energetica chiama? Il software risponde

aprile 6, 2010 Idee, Prodotti

Enea, Courtesy of Andrea ForniCostruire a Roma nord o a Roma sud? Scegliere la Tuscolana o la Casilina? E soprattutto, quali materiali impiegare? A fornirci queste e tante altre risposte viene ora in aiuto un algoritmo, applicato ad un software, realizzato nei laboratori del Centro Ricerche ENEA di Frascati e presentato a Grottaferrata a margine dell’incontro “Il territorio vitivinicolo alle porte di Roma, la scienza e la tecnologia per uno sviluppo sostenibile”.

A prima vista solo una semplice interfaccia uomo-macchina,come tante altre nell’era del digitale. In realtà dietro questo studio, curato dal ricercatore Andrea Forni, ci sono importanti novità in materia di politiche per la riqualificazione urbana e nuovi orientamenti per la pianificazione territoriale.

Forni ha spiegato a Greenews.info quali sono le potenzialità di questo strumento, in quali campi potrà essere applicato e come potrà combattere l’attuale emergenza ambientale e gli effetti climalteranti.

 D) Su quali presupposti è nato questo studio?

R) L’assunto di base è costituito dalla fine della disponibilità di energia illimitata. Le capacità di calcolo per l’analisi energetica delle città erano fuori scala, per precisione e costi, fino ad oggi, perché l’efficienza energetica e il risparmio di energia non erano delle priorità. Oggi, allo scopo di avere una maggiore efficienza energetica e controlli molto precisi e puntuali sui consumi e sulle prestazioni degli edifici e degli impianti, sono richieste capacità di calcolo molto avanzate, e la situazione ne giustifica i costi. La città presenta, a causa della sua forma, una sua inerzia energetica, sia per quanto concerne il range di temperatura che per i tempi di perdita-acquisizione di energia (inerzia termica e di potenza).

 D) Nello specifico, quali indicatori sono basilari per la progettazione urbana?

R) Lo studio prende in considerazione i seguenti indicatori: caratteristiche tipologiche dell’insediamento e disposizione reciproca degli edifici; aspetti distributivi in relazione all’orientamento; controllo della radiazione solare in regime estivo ed utilizzo della stessa in regime invernale; presenza di sistemi solari passivi; ventilazione naturale (azione dei venti dominanti) in relazione alle infiltrazioni invernali e al raffrescamento estivo; condizioni di contesto per l’illuminamento naturale; il traffico urbano, pubblico e privato. In particolare questa analisi  evidenzia che, per misurare e controllare l’efficienza energetica di un sistema urbano, è necessario valutare l’insieme di tre aspetti: le strutture edilizie, gli impianti energetici urbani, il contesto climatico e morfologico della città.

 D) A quali risultati siete giunti applicando questo studio alla città di Roma e quali sono i margini di errore del software?

R) Utilizzando un approccio multidisciplinare integrato, confrontando dati ufficiali da centraline di monitoraggio con dati climatici, misure di temperatura sul campo, descrizioni degli impianti termici presenti nella città, indicatori qualitativi della forma urbana, dati di radiazione solare diretta, dati di uso del suolo, dati demografici e di contesto socioeconomico, siamo riusciti a tracciare una mappa della distribuzione dell’energia solare sulla Capitale. Il sistema messo a punto dall’equipe ENEA presenta un margine di errore solo dell’1 per cento. È evidente che questo dato può avere un’importante ricaduta economica e indirizzare in campo eolico, microvoltaico, solare fotovoltaico e biomasse, scelte sempre più efficaci e sostenibili sul territorio.

 D) Oltre a quello della pianificazione urbana, in quali campi può trovare applicazione questo software?

R) Sicuramente nel campo agricolo: l’algoritmo riesce a identificare quale terreno è più adatto a un determinato tipo di coltivazione. Quale microclima è ideale, ad esempio, alla produzione di uno Chardonnay piuttosto che un Trebbiano. Contribuendo ad una riqualificazione del territorio.

Valentina Massenti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende