Home » Idee »Prodotti » E se la Terra smettesse di girare?:

E se la Terra smettesse di girare?

luglio 20, 2010 Idee, Prodotti

nospin_10-lgGuardando una qualsiasi mappa del nostro pianeta – per non parlare poi di un mappamondo – la prima cosa che salta all’occhio è l’estensione spaziale delle aree azzurre: in termini meno cromatici e più precisi, è evidente che le terre emerse sono circondate dall’acqua, che ricopre la Terra per oltre il 70% della superficie visibile.

Questi dati ci sembrano così ovvi e scontati che forse non ci siamo mai chiesti come mai le cose stiano così e, soprattutto, se lo sono sempre state e cosa potrebbe succedere in un futuro più o meno remoto.

La linea che separa gli oceani dai continenti rappresenta, passando dalla mappa al mondo fisico, il livello del mare: perché è proprio a quel livello e non più lontano o più vicino al centro della Terra? Da diversi anni si fa un gran parlare sull’innalzamento del livello dei mari. Per capire la portata di tali cambiamenti, è però importante comprendere cosa fa sì che il livello del mare sia quello che osserviamo oggi.

Il livello del mare è, ed è sempre stato, in equilibrio con la gravità del pianeta: la rotazione della Terra su se stessa, infatti, causa una spinta delle acque verso il baricentro terrestre e, al tempo stesso, una forza centrifuga rivolta verso l’esterno. Per farla semplice: se agisse soltanto la spinta gravitazionale verso l’interno la Terra sarebbe destinata a implodere e se, per contro, agisse soltanto la forza centrifuga, tutta l’acqua degli oceani fuggirebbe verso lo spazio profondo.

Cosa succederebbe però se la velocità di rotazione del pianeta su se stesso cominciasse a rallentare fino a fermarsi? Si tratta di uno scenario apocalittico, certamente. Tuttavia, Witold Fraczek dell’ESRI (Economic and Social Research Institute) pensa che sia importante cercare delle risposte a questa domanda, dal momento che la ricerca in questo campo può fornirci molte informazioni sul nostro pianeta così come lo vediamo oggi.

L’ESRI, avendo la propria sede centrale in California, è per sua natura particolarmente attento ai “movimenti” del pianeta. I ricercatori, grazie al software ArcGIS, sono riusciti a costruire modelli attendibili che mostrano come, se la Terra smettesse di ruotare sul proprio asse (ma continuasse il proprio moto di rivoluzione annuale intorno al Sole, con il medesimo asse di inclinazione), l’unica forza in atto - scomparsa la forza centrifuga – sarebbe la forza di gravità.

Dal momento che la Terra sta girando su se stessa da qualche miliardo di anni, più che la forma di una sfera il nostro pianeta ha quella di un ellissoide, ossia una palla un po’ schiacciata ai poli; di conseguenza, la distanza tra il baricentro della Terra e l’equatore è maggiore di quella tra il centro e i Poli Nord e Sud di una ventina di chilometri.

Di conseguenza, la spinta gravitazionale verso il centro di massa del pianeta non è uniforme, anzi. Su una Terra con giorni lunghi un anno, pertanto, il rigonfiamento di circa 8 km che oggi si ha negli oceani all’altezza dell’equatore si sposterebbe là dove la gravità è più forte, ossia verso i Poli: il risultato sarebbe quello (mostrato nell’immagine) di un enorme continente equatoriale e due oceani polari: l’Oceano Nord e l’Oceano Sud! 

Sorprendentemente, il bacino polare del sud avrebbe una capacità maggiore del suo compagno settentrionale e questo causerebbe un livello del mare inferiore dell’Oceano Sud rispetto all’Oceano Nord – secondo le stime addirittura di 1 chilometro!

Tornando alla realtà, che la velocità di rotazione della Terra stia rallentando progressivamente è stato osservato sperimentalmente e ci sono spiegazioni teoriche condivise all’interno della comunità scientifica, tanto da richiedere, di tanto in tanto, di intervenire manualmente sulla regolazione degli orologi atomici. La maggior parte degli scienziati è d’accordo sul fatto che il giorno solare (il tempo che la Terra impiega a compiere una rotazione su se stessa) diventa, letteralmente, ogni giorno più lungo; alcuni modelli mostrano che nel periodo Devoniano, ad esempio, ossia 400 milioni di anni fa, il giorno era più corto di parecchie ore – e da questo possiamo supporre che, a quel tempo, il rigonfiamento delle acque a livello equatoriale fosse maggiore rispetto a oggi, e la Terra in generale fosse ancora più schiacciata a i poli di quanto non lo sia in questo preciso istante.

Prima che, nel corso della sua storia futura, la Terra venga “mangiata” dal Sole in espansione durante la fase finale della sua esistenza, è pertanto ragionevole pensare che il rallentamento della velocità di rotazione continuerà, plasmando inesorabilmente la forma della superficie e della volumetria terrestre e rendendola sempre più simile a una sfera.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende