Home » Normative »Prodotti »Prodotti » Sacchetti per la spesa: basta con i finti compostabili “additivati”:

Sacchetti per la spesa: basta con i finti compostabili “additivati”

gennaio 16, 2012 Normative, Prodotti, Prodotti

A un anno dal bando dei sacchetti non biodegradabili, è l’ora di tracciare un bilancio. Che è pieno di luci e ombre, sfumature, notizie buone e cattive. La rivoluzione, in poche parole, è iniziata, ma per adesso appare ancora incompiuta. Lo stop alle buste di plastica tradizionali ha cambiato le abitudini dei cittadini ed è stato accolto con un certo favore favore anche dai negozianti, come dimostra un’indagine realizzata da Renato Mannheimer per Assobioplastiche.

Restano però alcune criticità, che fanno capo a un unico grande problema: attualmente, in circolazione, oltre ai sacchetti biodegradabili e compostabili, ce ne sono altri – i cosiddetti “additivati” – ottenuti aggiungendo degli additivi alle plastiche tradizionali, che non possono essere smaltite con l’organico e sono almeno il 10% meno biodegradabili degli altri. In molti, dai produttori di bioplastica agli ambientalisti, chiedono quindi che si faccia chiarezza su uno scenario ad oggi ambiguo: la legge, infatti, non spiega in maniera inequivocabile che cosa si intenda per “biodegradabile”, le interpretazioni sono varie e questi sacchetti “di serie B”, di conseguenza, oggi non sono illegali.

In occasione della presentazione, nei giorni scorsi, della ricerca di Mannheimer, il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha rassicurato: «Vogliamo andare fino in fondo sui sacchetti. Sulla questione non c’è nemmeno da aprire una discussione, è così e basta. Il messaggio deve essere chiaro: i sacchetti con caratteristiche che non permettano la loro dispersione come materiale naturale, rimangono a tutti gli effetti materiale plastico». Tradotto: gli shopper non compostabili saranno vietati, perché assimilabili a quelli tradizionali non biodegradabili.

«Chiediamo al ministro Clini di recuperare al più presto l’articolo del Decreto Milleproroghe, approvato dal Consiglio dei Ministri ma poi inspiegabilmente scomparso prima della firma del Presidente Napolitano, che prevedeva la regola dello spessore al di sotto del quale i sacchetti devono essere realizzati con materiali biodegradabili e compostabili secondo la norma EN 13432», è l’appello del direttore generale di Legambiente Rossella Muroni .

La confusione sulle buste additivate si riflette anche nel settore del compostaggio, dove crea non pochi problemi. Come spiega Massimo Centemero, coordinatore del Comitato tecnico del Consorzio Italiano Compostatori, quando i rifiuti organici vengono raccolti in un sacchetto di plastica tradizionale piuttosto che in una busta compostabile, per uno strano fenomeno aumentano anche le impurità, in media dell’8%. «8% significa potenzialmente 180.000 tonnellate all’anno di plastica di scarto, che in parte sono sacchetti e in parte impurità dovute al “trascinamento”: il cittadino, quando raccoglie l’umido in una busta non biodegradabile, è portato a immettere nell’organico anche altri manufatti plastici». Gli impianti di compostaggio si trovano così a smaltire ogni anno 100.000 tonnellate di plastiche da imballaggi.

Gli stessi negozianti, che insieme a cittadini e produttori stanno facendo questa piccola rivoluzione italiana, sono assediati dai dubbi. Secondo la ricerca condotta dall’Ispo di Mannheimer su un campione rappresentativo di 400 commercianti di generi alimentari, la quasi totalità degli intervistati conosce la legge che ha messo al bando i sacchetti di plastica (solo l’1% non ne ha mai sentito parlare) e circa il 90% la approva per le sue implicazioni ambientali. Ma i problemi arrivano quando si va a focalizzare l’utilizzo: usa regolarmente le buste biodegradabili l’82% dei commercianti, il 14% solo marginalmente e il 4% mai. Ma biodegradabile non è sempre anche compostabile, e infatti, chiarisce Mannheimer, «considerando le informazioni fornite dagli intervistati riguardo all’utilizzo dei sacchetti, alla loro certificazione e al materiale,  risulta che solo il 10% utilizza autentici shoppers compostabili. Nel 60% dei casi non si può dire con certezza che si tratti di compostabile, mentre il 26% usa biodegradabile non compostabile».

Se non si sceglie il prodotto giusto, spesso è per scarsa conoscenza della materia: il 41% degli intervistati (in maggioranza commercianti di Sud e isole, proprietari di piccole attività) pensa che l’opera di informazione non sia stata sufficiente. Il 26% non conosce la differenza tra biodegradabile e compostabile, mentre un altro 16% sa che non sono la stessa cosa, ma non sa della certificazione dei sacchetti compostabili. I margini di miglioramento, però, chiarisce l’esperto, ci sono: «Questi commercianti non sono nemici, ma neanche proattivi. Bisogna dire però che siamo in un momento di crisi gravissima, in cui uno non mette al primo posto gli shopper, anche se mi sentirei di dire loro che i sacchetti compostabili sono anche uno strumento di marketing». Sono infatti le buste smaltibili con l’organico quelle che soddisfano di più i clienti, almeno secondo l’opinione degli stessi negozianti: nel caso dei normali sacchetti biodegradabili, hanno un atteggiamento positivo tre clienti su 10, contro i quasi sei su 10 per i sacchetti compostabili.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il 6 e 7 giugno Torino invasa dai Bike Days

maggio 29, 2015

Il 6 e 7 giugno Torino invasa dai Bike Days

Sabato 6 e domenica 7 giugno 2015, Le associazioni Bike Pride Fiab Torino e Verticalife organizzano la prima edizione dei “Bike Days“, due giorni di festival in Piazza Vittorio Veneto a Torino dedicati al mondo della bici, tra sport, mobilità nuova e cicloturismo, con il patrocinio del Comune di Torino, nell’ambito di Torino Capitale Europea [...]

Banca Etica azionista critico all’assemblea di Enel

maggio 29, 2015

Banca Etica azionista critico all’assemblea di Enel

La Fondazione Culturale Responsabilità Etica (FCRE) è tornata a fare azionariato critico nei giorni scorsi all’assemblea degli azionisti di Enel assieme all’Associazione Re:Common. Nel mirino, quest’anno, ci sono le centrali a carbone che rimarranno aperte in Italia nonostante il piano di dismissione presentato alla fine del 2014. Il piano prevedeva la chiusura di 23 impianti [...]

Quanto costa produrre carne di qualità? Lo racconta Slow Food all’Expo

maggio 28, 2015

Quanto costa produrre carne di qualità? Lo racconta Slow Food all’Expo

Un lungo ponte all’insegna del “cibo buono” è quello che offre lo Slow Food Theater (estremità Est Decumano, vicino alla Collina Mediterranea) ai visitatori di Expo 2015, con incontri e degustazioni tutti all’insegna della scoperta della biodiversità. Tra gli appuntamenti in programma (consultabili dal sito di Slow Food), giovedì 29 maggio, alle 15, l’incontro e [...]

Posterheroes 5: ecco i vincitori dell’edizione sul cibo

maggio 28, 2015

Posterheroes 5: ecco i vincitori dell’edizione sul cibo

Hanno in media 24 anni e, prevalentemente, vengono da Italia, Cina, Stati Uniti, Portogallo, Iran e Turchia, per un totale di 56 paesi. Sono designer e appassionati di grafica ed esprimono, attraverso un poster, un messaggio importante. Parliamo dei partecipanti al concorso di comunicazione sociale Posterheroes, che ieri ha annunciato ufficialmente i poster vincitori dell’edizione [...]

Contrordine: semaforo verde al piano casa sul Colle dell’Infinito di Leopardi

maggio 27, 2015

Contrordine: semaforo verde al piano casa sul Colle dell’Infinito di Leopardi

Il Tar delle Marche, camera di Consiglio giudici Bianchi, Morri, Capitanio, ha annullato di nuovo (la prima volta il 6 giugno 2013) il parere negativo, espresso per la seconda volta, dalla Soprintendenza alle Belle Arti ed al Paesaggio per le Marche del Ministero dei Beni Culturali, sulla ristrutturazione del rustico della famiglia Della Casapiccola a [...]

GuidaGiardini.it, a ciascuno il suo spazio verde

maggio 26, 2015

GuidaGiardini.it, a ciascuno il suo spazio verde

Secondo uno studio del 2009 della Commissione Europea, in Italia, nelle città capoluogo di provincia sono presenti all’incirca 30 metri quadrati di spazio verde per persona, mentre in Europa le città con la media più alta giungono fino a 300 metri quadrati di aree verdi pro capite, tra giardini pubblici e privati. L’ISTAT ha confermato [...]

Le nuove frontiere dei sistemi ibridi secondo Viessmann

maggio 26, 2015

Le nuove frontiere dei sistemi ibridi secondo Viessmann

Il Gruppo Viessmann, leader nella produzione di sistemi per l’efficienza energetica, ha diffuso i risultati del convegno annuale organizzato il 23 aprile a Lodi, per approfondire i diversi aspetti dell’efficienza con sistemi ibridi. I sistemi “ibridi” sono il risultato del mix di diverse fonti di energia nel tentativo di garantire la massima efficienza. L’utilizzo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO