Home » Normative »Prodotti »Prodotti » Sacchetti per la spesa: basta con i finti compostabili “additivati”:

Sacchetti per la spesa: basta con i finti compostabili “additivati”

gennaio 16, 2012 Normative, Prodotti, Prodotti

A un anno dal bando dei sacchetti non biodegradabili, è l’ora di tracciare un bilancio. Che è pieno di luci e ombre, sfumature, notizie buone e cattive. La rivoluzione, in poche parole, è iniziata, ma per adesso appare ancora incompiuta. Lo stop alle buste di plastica tradizionali ha cambiato le abitudini dei cittadini ed è stato accolto con un certo favore favore anche dai negozianti, come dimostra un’indagine realizzata da Renato Mannheimer per Assobioplastiche.

Restano però alcune criticità, che fanno capo a un unico grande problema: attualmente, in circolazione, oltre ai sacchetti biodegradabili e compostabili, ce ne sono altri – i cosiddetti “additivati” – ottenuti aggiungendo degli additivi alle plastiche tradizionali, che non possono essere smaltite con l’organico e sono almeno il 10% meno biodegradabili degli altri. In molti, dai produttori di bioplastica agli ambientalisti, chiedono quindi che si faccia chiarezza su uno scenario ad oggi ambiguo: la legge, infatti, non spiega in maniera inequivocabile che cosa si intenda per “biodegradabile”, le interpretazioni sono varie e questi sacchetti “di serie B”, di conseguenza, oggi non sono illegali.

In occasione della presentazione, nei giorni scorsi, della ricerca di Mannheimer, il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha rassicurato: «Vogliamo andare fino in fondo sui sacchetti. Sulla questione non c’è nemmeno da aprire una discussione, è così e basta. Il messaggio deve essere chiaro: i sacchetti con caratteristiche che non permettano la loro dispersione come materiale naturale, rimangono a tutti gli effetti materiale plastico». Tradotto: gli shopper non compostabili saranno vietati, perché assimilabili a quelli tradizionali non biodegradabili.

«Chiediamo al ministro Clini di recuperare al più presto l’articolo del Decreto Milleproroghe, approvato dal Consiglio dei Ministri ma poi inspiegabilmente scomparso prima della firma del Presidente Napolitano, che prevedeva la regola dello spessore al di sotto del quale i sacchetti devono essere realizzati con materiali biodegradabili e compostabili secondo la norma EN 13432», è l’appello del direttore generale di Legambiente Rossella Muroni .

La confusione sulle buste additivate si riflette anche nel settore del compostaggio, dove crea non pochi problemi. Come spiega Massimo Centemero, coordinatore del Comitato tecnico del Consorzio Italiano Compostatori, quando i rifiuti organici vengono raccolti in un sacchetto di plastica tradizionale piuttosto che in una busta compostabile, per uno strano fenomeno aumentano anche le impurità, in media dell’8%. «8% significa potenzialmente 180.000 tonnellate all’anno di plastica di scarto, che in parte sono sacchetti e in parte impurità dovute al “trascinamento”: il cittadino, quando raccoglie l’umido in una busta non biodegradabile, è portato a immettere nell’organico anche altri manufatti plastici». Gli impianti di compostaggio si trovano così a smaltire ogni anno 100.000 tonnellate di plastiche da imballaggi.

Gli stessi negozianti, che insieme a cittadini e produttori stanno facendo questa piccola rivoluzione italiana, sono assediati dai dubbi. Secondo la ricerca condotta dall’Ispo di Mannheimer su un campione rappresentativo di 400 commercianti di generi alimentari, la quasi totalità degli intervistati conosce la legge che ha messo al bando i sacchetti di plastica (solo l’1% non ne ha mai sentito parlare) e circa il 90% la approva per le sue implicazioni ambientali. Ma i problemi arrivano quando si va a focalizzare l’utilizzo: usa regolarmente le buste biodegradabili l’82% dei commercianti, il 14% solo marginalmente e il 4% mai. Ma biodegradabile non è sempre anche compostabile, e infatti, chiarisce Mannheimer, «considerando le informazioni fornite dagli intervistati riguardo all’utilizzo dei sacchetti, alla loro certificazione e al materiale,  risulta che solo il 10% utilizza autentici shoppers compostabili. Nel 60% dei casi non si può dire con certezza che si tratti di compostabile, mentre il 26% usa biodegradabile non compostabile».

Se non si sceglie il prodotto giusto, spesso è per scarsa conoscenza della materia: il 41% degli intervistati (in maggioranza commercianti di Sud e isole, proprietari di piccole attività) pensa che l’opera di informazione non sia stata sufficiente. Il 26% non conosce la differenza tra biodegradabile e compostabile, mentre un altro 16% sa che non sono la stessa cosa, ma non sa della certificazione dei sacchetti compostabili. I margini di miglioramento, però, chiarisce l’esperto, ci sono: «Questi commercianti non sono nemici, ma neanche proattivi. Bisogna dire però che siamo in un momento di crisi gravissima, in cui uno non mette al primo posto gli shopper, anche se mi sentirei di dire loro che i sacchetti compostabili sono anche uno strumento di marketing». Sono infatti le buste smaltibili con l’organico quelle che soddisfano di più i clienti, almeno secondo l’opinione degli stessi negozianti: nel caso dei normali sacchetti biodegradabili, hanno un atteggiamento positivo tre clienti su 10, contro i quasi sei su 10 per i sacchetti compostabili.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Solarexpo 2015: l’accumulo domestico di elettricità solare accelera la rivoluzione dei “prosumers”

marzo 27, 2015

Solarexpo 2015: l’accumulo domestico di elettricità solare accelera la rivoluzione dei “prosumers”

Fotovoltaico, sistemi di accumulo e veicoli elettrici sono stati definiti disruptive technologies, cioè tecnologie che con la loro diffusione, conseguente alla drastica riduzione dei loro costi, potranno ulteriormente stravolgere il sistema elettrico, portando le stesse utility a cambiare modelli di business oppure a soccombere. Diversi studi dimostrano che l’elettricità prodotta con il fotovoltaico sul tetto [...]

Biologico, BRC, denominazione di origine: un convegno di CCPB e Certiquality al Vinitaly

marzo 25, 2015

Biologico, BRC, denominazione di origine: un convegno di CCPB e Certiquality al Vinitaly

“La certificazione è la via maestra per valorizzare le qualità del vino”. Se n’è parlato ieri mattina al Vinitaly di Verona, in un convegno promosso da CCPB e Certiquality. Con l’aiuto di esperti e professionisti del settore i due organismi di certificazione, hanno passato in rassegna i principali servizi di certificazione del comparto vitivinicolo: biologico, BRC, [...]

Trento: presentazione del documento contro il declino del paesaggio rurale

marzo 24, 2015

Trento: presentazione del documento contro il declino del paesaggio rurale

L’abbandono degli spazi rurali costituisce oggi una vera emergenza per i paesaggi montani dell’arco alpino. Le dinamiche che caratterizzano l’abbandono dei campi e dei pascoli sono così evidenti da rappresentare, assieme all’espansione urbana, una vera rivoluzione per il paesaggio. L’attuale crisi del modello di sviluppo economico impone una profonda riflessione sul rapporto tra l’uomo e [...]

Profine lancia il calcolatore di impatto ambientale dell’acqua in bottiglia

marzo 23, 2015

Profine lancia il calcolatore di impatto ambientale dell’acqua in bottiglia

In quanti siete in famiglia? Quante bottiglie d’acqua consumate all’anno? Quanti soldi vengono spesi? E se bevessimo l’acqua del rubinetto quanto risparmieremmo? Sono le tante domande che ogni famiglia italiana dovrebbe porsi quando stappa una nuova bottiglia d’acqua confezionata nella propria confezione di plastica. Forse se ognuno di noi conoscesse i numeri dell’industria e della [...]

Rinasce l’Osservatorio Nazionale per il Pioppo per rilanciare la filiera italiana

marzo 23, 2015

Rinasce l’Osservatorio Nazionale per il Pioppo per rilanciare la filiera italiana

“E’ una notizia che aspettavamo da molto tempo – sottolinea il Presidente dell’Associazione Pioppicoltori Italiani, Fabio Boccalari – finalmente viene ripristinata, seppur sotto una veste diversa, la Commissione Nazionale per il Pioppo (CNP), soppressa ingiustamente nel 2012 dal governo Monti. La CNP svolgeva compiti insostituibili nell’attuazione della normativa che disciplina i materiali di propagazione forestale [...]

222 VIP per il Pianeta. I primi cinque anni della rubrica VeryImportantPlanet di Greenews.info

marzo 20, 2015

222 VIP per il Pianeta. I primi cinque anni della rubrica VeryImportantPlanet di Greenews.info

Era il 22 marzo 2010 quando, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, pubblicavamo l’intervista di Letizia Tortello alla scrittrice Alessandra Montrucchio, autrice del romanzo “E poi la sete“, in uscita quel giorno per Marsilio. Da allora, in questi primi cinque anni, abbiamo intervistato 222 personaggi più o meno noti del mondo dello spettacolo, dello sport, [...]

Earth Hour: il 28 marzo il giro del mondo della “ola di buio”

marzo 20, 2015

Earth Hour: il 28 marzo il giro del mondo della “ola di buio”

Curiosa coincidenza: mentre in Italia gira la bufala del rischio black out dovuto all’eclissi di sole del 20 marzo, inizia il conto alla rovescia per l’Ora della Terra, la più grande mobilitazione globale per fermare il cambiamento climatico, che torna sabato 28 marzo, dopo aver coinvolto l’anno scorso milioni di cittadini, istituzioni, imprese. L’azione sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO