Home » Progetti » “A scuola dagli alberi”, per un’alfabetizzazione sul mondo naturale:

“A scuola dagli alberi”, per un’alfabetizzazione sul mondo naturale

agosto 7, 2014 Progetti

Fai crescere il ramo su cui sei seduto” è il motto del progetto promosso da Anna Cassarino, lombarda di origini ma toscana di adozione e grande viaggiatrice per il mondo. E proprio scoprendo il mondo è riuscita a conoscere meglio la natura, la cultura di ecologia e umanità, l’universo sorprendente degli alberi, “gli esseri viventi più efficaci per il risanamento dell’ambiente e la bellezza del paesaggio”.

Si chiama “A scuola dagli alberi” ed è un progetto di sensibilizzazione e alfabetizzazione sul mondo naturale in tutte le sue forme – piante, animali, umanità – e su come questi elementi si mescolano, incastrano e condizionano reciprocamente.

“Questa idea è nata esattamente 12 anni fa, durante uno dei miei lunghi viaggi di ascolto e conoscenza”, ci racconta. Guatemala, Messico, Madagascar sono alcune delle mete che hanno avvicinato l’autrice alle nature e alle loro specificità. “Girando per questi Paesi ho capito che anche tra le popolazioni che vivono una grande simbiosi con la loro terra manca una visione d’insieme che forse una volta, quando la natura aveva molto più spazio, non era necessario avere. Adesso, di fronte ad un pianeta al collasso, è importante avere consapevolezza di quanto il piccolo influenzi il globale e della responsabilità di ogni nostra singola scelta”.

E il progetto era pensato proprio per quei Paesi lontani, che vivono nella e con la natura, ma che spesso non hanno gli strumenti e i mezzi per conoscere quello che sta capitando alle altre nature intorno. “In Madagascar l’approccio alla vita quotidiana, economica e contadina segue lo stesso sistema di sempre. Ma oggi non è possibile, non è sostenibile vivere come tanto tempo fa; le conseguenze di alcune scelte sono sotto gli occhi di tutti coloro che hanno la voglia e possibilità di informarsi e conoscere. È che purtroppo manca una cultura diffusa”. Soprattutto in quei Paesi dove il contatto con l’ambiente è più stretto, e dove voleva essere realizzato questo progetto di sensibilizzazione e promozione.

“A scuola dagli alberi” è nata innanzitutto come un’iniziativa culturale che integra la conoscenza generale con quella scientifica, e lo fa a diversi livelli e in diverse forme. Al ritorno in Italia, Anna ha acquistato un camper con cui ha girato e gira costantemente per studiare, elaborare e diffondere il materiale di sensibilizzazione che man mano aggiorna e crea. La sua precedente esperienza di designer e guida turistica a Firenze l’ha avvicinata alla pittura, alla scultura e alle arti che oggi compongono e arricchiscono le sue performance.

“Gli appuntamenti variano a seconda del luogo in cui mi trovo e del pubblico a cui mi rivolgo, ma l’obiettivo è sempre quello di dare una visione d’insieme, spesso partendo dal patrimonio naturalistico locale, e di promuovere l’importanza di una natura vissuta con rispetto e delle scelte consapevoli che tutti e tutte affrontiamo quotidianamente. Voglio spiegare perché anche le piante che scegliamo per il nostro giardino devono essere selezionate con criterio e non solo secondo un senso estetico o perché il verde urbano deve essere studiato in modo professionale e non casuale, visto che determina la qualità dell’aria e della terra o la quantità di acqua necessaria”.

A cavallo tra il mese di luglio e quello di agosto è intervenuta a Ecofuturo, Festival delle ecotecnologie e dell’autocostruzione, presso la Libera Università di Alcatraz, a Gubbio (PE), con un intervento sul ruolo degli alberi in città e sulle conseguenze della pessima gestione del territorio, e a inizio settembre parteciperà a Murabilia, la mostra mercato del giardinaggio di qualità che si svolge sulle mura urbane di Lucca. I suoi appuntamenti si distinguono per l’approfondimento dei temi che ha avuto modo di studiare nel corso degli anni e dei viaggi (“Come punto di partenza per attirare l’attenzione del pubblico ho deciso di far conoscere gli alberi monumentali di tutte le provincie che ho visitato”, si legge sul sito) e per il linguaggio lineare, semplice e artistico che utilizza. Narrazioni brevi e piacevoli, installazioni di supporto e un camper tutto colorato sono gli strumenti che ha scelto in coerenza con una vita professionale e personale armoniosa.

È molto difficile lavorare sulla cultura come donna in Italia. Il progetto è stato pensato per essere realizzato in Madagascar e negli altri paesi che mi hanno stimolata a farlo nascere, ma avevo bisogno innanzitutto di capire quali risultati potevo raggiungere qui. Ed è molto difficile”. “A scuola dagli alberi” è completamente autofinanziato ed è ancora grande il disinteresse anche degli addetti ai lavori. Ma diffondere una cultura completamente svincolata dal commercio, dal profitto e dallo sviluppo, si sa, è un obiettivo audace. Ci va molta pazienza, quella che il contatto con gli alberi e la natura sa trasmettere.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende