Home » Eventi »Idee »Progetti » Andiamo a giocare bambini! (Su una foglia di insalata):

Andiamo a giocare bambini! (Su una foglia di insalata)

novembre 18, 2010 Eventi, Idee, Progetti

Save the children, Courtesy of Veronica UliveriUna foglia di insalata e non di più. È questa la superficie di verde che i bimbi di Taranto hanno a disposizione. Va meglio, ma si fa per dire, ai bimbi di città di media grandezza, come Lecco, Imperia, Olbia, dove lo spazio verde è più piccolo della loro cameretta. Sono i dati contenuti nel rapporto presentato stamani alla Banca d’Italia dall’associazione Save the Children, dal titolo “L’isola dei tesori. Atlante dell’infanzia (a rischio) in Italia”.

Lo studio si occupa di vari aspetti: dai nomi più diffusi alle situazioni di povertà e sfruttamento, fino agli asili nido e alle scuole. Una parte interessante è dedicata a bambini e adolescenti «poveri di aria pulita e di verde». E i dati che emergono sono preoccupanti.

L’Italia settentrionale spicca per gli alti tassi di inquinamento dell’aria, anche in rapporto al resto d’Europa. Torino, Milano, Brescia, Padova, Modena, Bergamo, Pescara, Napoli, Venezia, Rimini e Reggio Emilia sono le città prime in Italia per il maggior  numero di giorni in cui viene superato il limite di polveri sottili nell’atmosfera. Piccole particelle sospese nell’aria che penetrano nelle vie respiratorie causando problemi cardio-polmonari e asma. E in molte di queste città risultano oltre i livelli di guardia anche le concentrazioni di biossido di azoto. «Come possiamo dire che Cagliari, dove ci sono 6 auto per bambino, è una città attenta all’ambiente? A Roma ce ne sono 5,2, a Milano 4,5», sottolinea il direttore generale di Save the Children Italia Valerio Neri.

Rispetto dell’ambiente, però, «non significa solo aria pulita, ma anche suolo libero dal cemento, che le nuove generazioni avranno a disposizione come risorsa». E da questo punto di vista, le cose non vanno meglio. L’Italia infatti, si legge nell’Atlante, viene cementificata a un ritmo di più di 100 ettari al giorno. Tra i il 1998 e il 2006, la cementificazione del suolo ha raggiunti livelli altissimi e davvero preoccupanti in molte città italiane grandi e piccole. In testa alla classifica Roma, con un incremento annuo di 336 ettari di suolo “impermeabilizzato”, per un totale di 23 chilometri quadrati di costruzioni, seguita da Venezia, con una media annua di 151 ettari, Parma (116), Milano (82), Taranto (78). Napoli, pur non essendo nella top ten delle città con la maggiore crescita annua di suolo costruito, ha il triste primato di città italiana con più cemento e con meno aree verdi attrezzate: più del 65% della superficie è occupato da costruzioni. E la situazione di Milano non è molto dissimile da quella della città partenopea. «Bisogna iniziare a pensare alle generazioni future. I bambini vivono oggi in città sempre più squallide, con aria sporca e pochi spazi verdi. Senza parlare di come vivranno i bimbi di domani».

In media, in Italia, ogni persona ha a disposizione uno spazio verde pari a 106 metri quadri. Ma la cifra si abbassa terribilmente già in città di media grandezza come Imperia, Savona, Lecco, Ascoli Piceno, Chieti, Crotone e Olbia, dove gli abitanti non hanno più di 5 mq di verde ciascuno. Per non parlare di Taranto: qui i cittadini si devono accontentare di una foglia di insalata (0,2 mq)  per ognuno. «L’Italia – spiega Valerio Neri – è una realtà molto parcellizzata e frammentata. Spesso le opportunità a disposizione di un bambino dipendono dalla provincia in cui nasce. Ma dal punto di vista della cementificazione, non ci sono differenze tra nord e sud. Se per esempio in pianura Padana una buona parte del suolo è occupata da zone industriali, al sud, dove c’è un grave ritardo di industrializzazione, c’è stata comunque una cementificazione molto rapida».

La città più virtuosa è L’Aquila, dove gli abitanti hanno a disposizione 2.787 metri quadri di verde a testa, seguita da Pisa (1.521 mq), Ferrara (1.259) e Matera (1.140). Ci sono poi, soprattutto nel meridione, aree ancora abbastanza immuni dal cemento: «Pensiamo a certe zone del Molise, alla Sicilia centrale, al Tavoliere delle Puglie. Questo non è dovuto ad amministrazioni virtuose, ma allo scarso interesse dei gruppi di investimento a costruire in queste aree. E poi abbiamo ancora i parchi naturali e le aree protette».

In Italia, sottolinea Neri, non c’è un Garante dell’Infanzia e il mandato dell’Osservatorio Nazionale Infanzia è scaduto ad agosto scorso. Un Piano Nazionale per l’Infanzia manca dal 2004: «Stava per essere varato, ma se adesso cade il governo non avremo neanche quello». E comunque la nomina di questi organi non potrebbe bastare a garantire a un bambino uno spazio verde che sia più grande della sua cameretta, o almeno della foglia di insalata di Taranto. «La politica non parla mai di ambiente in relazione all’infanzia. E’ come se si pensasse che i bambini possono anche non respirare. E invece gli amministratori devono iniziare a considerare anche l’ambiente tra i valori importanti per i bambini. Bisogna cominciare ad avere una visione più ampia dell’infanzia, non bastano i pediatri e gli asili nido».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende