Home » Eventi »Idee »Progetti » Andiamo a giocare bambini! (Su una foglia di insalata):

Andiamo a giocare bambini! (Su una foglia di insalata)

novembre 18, 2010 Eventi, Idee, Progetti

Save the children, Courtesy of Veronica UliveriUna foglia di insalata e non di più. È questa la superficie di verde che i bimbi di Taranto hanno a disposizione. Va meglio, ma si fa per dire, ai bimbi di città di media grandezza, come Lecco, Imperia, Olbia, dove lo spazio verde è più piccolo della loro cameretta. Sono i dati contenuti nel rapporto presentato stamani alla Banca d’Italia dall’associazione Save the Children, dal titolo “L’isola dei tesori. Atlante dell’infanzia (a rischio) in Italia”.

Lo studio si occupa di vari aspetti: dai nomi più diffusi alle situazioni di povertà e sfruttamento, fino agli asili nido e alle scuole. Una parte interessante è dedicata a bambini e adolescenti «poveri di aria pulita e di verde». E i dati che emergono sono preoccupanti.

L’Italia settentrionale spicca per gli alti tassi di inquinamento dell’aria, anche in rapporto al resto d’Europa. Torino, Milano, Brescia, Padova, Modena, Bergamo, Pescara, Napoli, Venezia, Rimini e Reggio Emilia sono le città prime in Italia per il maggior  numero di giorni in cui viene superato il limite di polveri sottili nell’atmosfera. Piccole particelle sospese nell’aria che penetrano nelle vie respiratorie causando problemi cardio-polmonari e asma. E in molte di queste città risultano oltre i livelli di guardia anche le concentrazioni di biossido di azoto. «Come possiamo dire che Cagliari, dove ci sono 6 auto per bambino, è una città attenta all’ambiente? A Roma ce ne sono 5,2, a Milano 4,5», sottolinea il direttore generale di Save the Children Italia Valerio Neri.

Rispetto dell’ambiente, però, «non significa solo aria pulita, ma anche suolo libero dal cemento, che le nuove generazioni avranno a disposizione come risorsa». E da questo punto di vista, le cose non vanno meglio. L’Italia infatti, si legge nell’Atlante, viene cementificata a un ritmo di più di 100 ettari al giorno. Tra i il 1998 e il 2006, la cementificazione del suolo ha raggiunti livelli altissimi e davvero preoccupanti in molte città italiane grandi e piccole. In testa alla classifica Roma, con un incremento annuo di 336 ettari di suolo “impermeabilizzato”, per un totale di 23 chilometri quadrati di costruzioni, seguita da Venezia, con una media annua di 151 ettari, Parma (116), Milano (82), Taranto (78). Napoli, pur non essendo nella top ten delle città con la maggiore crescita annua di suolo costruito, ha il triste primato di città italiana con più cemento e con meno aree verdi attrezzate: più del 65% della superficie è occupato da costruzioni. E la situazione di Milano non è molto dissimile da quella della città partenopea. «Bisogna iniziare a pensare alle generazioni future. I bambini vivono oggi in città sempre più squallide, con aria sporca e pochi spazi verdi. Senza parlare di come vivranno i bimbi di domani».

In media, in Italia, ogni persona ha a disposizione uno spazio verde pari a 106 metri quadri. Ma la cifra si abbassa terribilmente già in città di media grandezza come Imperia, Savona, Lecco, Ascoli Piceno, Chieti, Crotone e Olbia, dove gli abitanti non hanno più di 5 mq di verde ciascuno. Per non parlare di Taranto: qui i cittadini si devono accontentare di una foglia di insalata (0,2 mq)  per ognuno. «L’Italia – spiega Valerio Neri – è una realtà molto parcellizzata e frammentata. Spesso le opportunità a disposizione di un bambino dipendono dalla provincia in cui nasce. Ma dal punto di vista della cementificazione, non ci sono differenze tra nord e sud. Se per esempio in pianura Padana una buona parte del suolo è occupata da zone industriali, al sud, dove c’è un grave ritardo di industrializzazione, c’è stata comunque una cementificazione molto rapida».

La città più virtuosa è L’Aquila, dove gli abitanti hanno a disposizione 2.787 metri quadri di verde a testa, seguita da Pisa (1.521 mq), Ferrara (1.259) e Matera (1.140). Ci sono poi, soprattutto nel meridione, aree ancora abbastanza immuni dal cemento: «Pensiamo a certe zone del Molise, alla Sicilia centrale, al Tavoliere delle Puglie. Questo non è dovuto ad amministrazioni virtuose, ma allo scarso interesse dei gruppi di investimento a costruire in queste aree. E poi abbiamo ancora i parchi naturali e le aree protette».

In Italia, sottolinea Neri, non c’è un Garante dell’Infanzia e il mandato dell’Osservatorio Nazionale Infanzia è scaduto ad agosto scorso. Un Piano Nazionale per l’Infanzia manca dal 2004: «Stava per essere varato, ma se adesso cade il governo non avremo neanche quello». E comunque la nomina di questi organi non potrebbe bastare a garantire a un bambino uno spazio verde che sia più grande della sua cameretta, o almeno della foglia di insalata di Taranto. «La politica non parla mai di ambiente in relazione all’infanzia. E’ come se si pensasse che i bambini possono anche non respirare. E invece gli amministratori devono iniziare a considerare anche l’ambiente tra i valori importanti per i bambini. Bisogna cominciare ad avere una visione più ampia dell’infanzia, non bastano i pediatri e gli asili nido».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende