Home » Eventi »Progetti » Assemblea Nazionale Coldiretti, l’agricoltura in buona salute:

Assemblea Nazionale Coldiretti, l’agricoltura in buona salute

luglio 8, 2011 Eventi, Progetti

Mentre la crisi economica continua a imperversare, l’agricoltura si scopre in buona salute. L’assemblea nazionale di Coldiretti, cui sono accorsi 15.000 agricoltori da tutta la penisola, è l’occasione per celebrare l’orgoglio agricolo, la consapevolezza che campi coltivati e allevamenti sono una parte importante del dna italiano. Dal palco del Palalottomatica di Roma, applaudito e salutato da una schiera di bandiere gialle, il presidente Sergio Marini parla delle prospettive e delle criticità del settore e lancia la novità dei prossimi mesi: la nascita della prima catena di vendita diretta dei prodotti agricoli. «Da luglio a settembre – ha annunciato Marini – si apriranno centinaia di Botteghe con un unico format in tutte le province italiane, dove sarà possibile acquistare una vasta gamma di prodotti degli agricoltori esclusivamente con il marchio Campagna Amica». Un progetto che nasce dai farmer’s market di Coldiretti, avviati due anni fa proprio per valorizzare la filiera italiana a chilometro zero. «Un vantaggio per i produttori, che potranno finalmente vendere al prezzo giusto e concordato, ma anche per i consumatori, che in ogni Bottega potranno acquistare l’intera gamma di prodotti garantiti al cento per cento come italiani, con le intermediazioni dal campo alla tavola ridotte al minimo».

L’agricoltura è l’unico settore che nel 2011 vede aumentare il valore aggiunto (+1,2%), il numero di dipendenti (+6%) e il valore delle esportazioni (+11%), in netta controtendenza rispetto all’andamento generale dell’economia. Ed è anche l’unico in cui, sottolinea Marini, negli ultimi quindici anni è rimasta stabile la percentuale di giovani sotto i trent’anni. Uno scenario che fa ben sperare: secondo Coldiretti, il settore primario «è in grado di offrire, nei prossimi dieci anni, opportunità occupazionali a 250.000 lavoratori. A crescere sarà la domanda di livelli più elevati di professionalità, con particolare riguardo a figure specializzate in grado di seguire lo sviluppo di specifiche coltivazioni, la conduzione di macchinari o la gestione di attività che oggi si sono integrate con quella agricola all’interno dell’azienda».  Un fenomeno in forte aumento e che inizia a dare i suoi frutti. L’azienda agricola di Donatella Di Cola, in provincia di Frosinone, per esempio, alleva farfalle con metodo biologico, che potranno essere usata per realizzare il Butterfly wedding, cioè il volo delle farfalle durante il giorno delle nozze. Angelo Madaio, di Eboli, è invece specializzato nell’affinazione dei formaggi, che durante il tempo passato in cantina vengono girati regolarmente, inseminati di muffe o lavati, assumendo così sapori particolari. E ancora, a Pienza, l’agriturismo Casa Picchiata è diventato anche un centro benessere dove si utilizzano solo prodotti a chilometro zero: olio, argilla, lavanda, cetrioli, rosmarino e fiori d’arancio.

Dal palco romano, Marini lancia anche un appello per la difesa del Made in Italy da contraffazioni, allarmi infondati e Ogm. Nel primo trimestre di quest’anno, sottolinea Coldiretti, l’Italia ha esportato più specialità alimentari che auto e moto, riuscendo anche a scalfire il monopolio di vini e formaggi nazionali in Francia, della birra inglese in Gran Bretagna o della Vodka in Russia. Ma la forza del comparto, insiste il presidente, va difesa da innumerevoli insidie, a partire proprio dal cosiddetto Italian sounding (cioè i prodotti finti-italiani):  «Non c’è  una norma internazionale che ci difenda da questo fenomeno. Un anno fa, è stata Coldiretti a denunciare che una società dello stato aveva finanziato un’azienda per la delocalizzazione. Questa azienda produce all’estero con materie prime non italiane. Eppure dallo stato non è ancora arrivata una risposta», denuncia Marini. «L’Italia – continua – deve avere il coraggio di applicare la legge nazionale sull’obbligo di indicare la provenienza in etichetta su tutti gli alimenti approvata dal Parlamento all’unanimità lo scorso anno».  Nei diversi casi di emergenze alimentari, i nostri sistemi di controllo ci permettono di stare tranquilli: l’agricoltura italiana, ha sottolineato il ministro della Salute Ferruccio Fazio, «è garantita da un rigoroso sistema di sicurezza alimentare». Quindi, «no ad allarmismi: gli allevatori italiani sono costretti a rispettare i requisiti di igiene più severi del mondo». Dall’assemblea giunge anche la chiusura totale agli Ogm: «L’Italia non deve puntare sulla produttività, che ha alti costi sociali e ambientali, ma piuttosto sull’unicità dei suoi prodotti», dice Marini. E un netto no agli organismi geneticamente modificati arriva anche dal ministro dell’Agricoltura Saverio Romano: «Se anche fossimo gli unici al mondo a non volere gli Ogm, questo rappresenterebbe solo un’occasione di crescita per il mercato».

La strada è segnata: rafforzare il Made in Italy e sostenere la nuova via dell’agricoltura, fatta di giovani, creatività, prossimità e qualità. Marini dà la parola d’ordine: «Facciamo emergere l’Italia del buon senso. Purtroppo oggi la rappresentazione che si dà dell’Italia si riduce alla mancanza di etica, ma è giunto il momento di tirare fuori, ostentare il buon senso. Noi che siamo capaci di seminare, seminiamolo e raccogliamolo».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende