Home » Internazionali »Politiche »Progetti » Avvicinare il campo al laboratorio. All’agricoltura sostenibile serve più ricerca:

Avvicinare il campo al laboratorio. All’agricoltura sostenibile serve più ricerca

Per un’agricoltura più sostenibile, investire in ricerca e innovazione è fondamentale. Legambiente, Firab e Flc Cgil sono d’accordo su questo punto: a norme che riconoscano il valore delle aziende impegnate per rendere più green la loro agricoltura, la PAC, la Politica Agricola Comunitaria dell’UE in corso di riforma, dovrà affiancare una maggiore attenzione alla ricerca. «Dobbiamo avvicinare il campo all’innovazione, rendere questi due mondi più vicini», dicono agricoltori, studiosi e ambientalisti.

«Nella definizione della PAC post 2013 – spiega Vincenzo Vizioli, presidente di Firab (Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica) – non solo bisogna promuovere, in modo deciso, i modelli agricoli sostenibili e virtuosi, come il biologico, ma bisogna rinnovare profondamente il sistema di produzione di conoscenze e innovazione, dedicandovi risorse adeguate. Di più. La PAC del futuro deve investire in reti di conoscenze capaci di premiare la partecipazione dei produttori e la specificità ecologica e sociale dei territori e di offrire idee innovative per un cambiamento di paradigma economico».

Un concetto affermato anche dalla stessa Unione Europea pochi giorni fa, quando sono stati lanciati i Parternariati europei per l’innovazione, vere e proprie «piattaforme comuni di cooperazione» dedicate a diversi settori, tra cui l’agricoltura, a cui partecipano commissari europei, rappresentanti degli Stati, membri del Parlamento, industriali, ricercatori, la società civile e altre parti interessate. L’obiettivo è «affrontare le debolezze, le strozzature e gli ostacoli nel sistema europeo di ricerca e innovazione che impediscono o rallentano lo sviluppo di buone idee e il loro sbocco sul mercato».  Uno strumento, insomma, sottolinea Aiab con soddisfazione, «per la produttività e la sostenibilità in agricoltura che apre le porte al potenziale trasferimento di conoscenze fra produttori agricoli, mondo della ricerca e le altri parti interessate della società. Uno scambio di saperi che ha un ruolo strategico, ma che è spesso poco preso in considerazione».

E proprio il coinvolgimento degli agricoltori nella ricerca è uno degli ambiti in cui c’è ancora molto da fare. «A fianco di chi coltiva la terra – racconta Vizioli – in Italia non c’è più nessuno. Sono state smantellate le agenzie governative, i tecnici si sono chiusi negli uffici a passare carte e spesso i ricercatori sono gli unici consulenti che ha un’azienda. Deve iniziare un percorso nuovo e diverso: gli agricoltori hanno bisogno di essere sostenuti e informati sulle procedure da adottare per intraprendere la strada della sostenibilità». I versanti su cui intervenire, in realtà, sono due: da una parte c’è l’agricoltore, che «da solo – sottolinea Maria Grazia Mammuccini, coordinatrice del comitato scientifico di Firab – non ce la fa, c’è bisogno della ricerca per indirizzarlo verso la sostenibilità”, e dall’altra la formazione. Nel nostro Paese, infatti, continua Vizioli, «non esiste più un corso di laurea o un master in agricoltura biologica, e spesso nei programmi accademici non c’è neanche un esame sull’argomento».

Ma qual è il modello di azienda agricola che più si adatta al nuovo corso dell’agricoltura? «In Italia – evidenzia Giorgio Zampetti della segreteria nazionale di Legambiente – si continua a perdere terreno agricolo e fertilità dei suoli, a consumare territorio e risorse idriche con gravi conseguenze ecologiche e ambientali, accentuate dai mutamenti climatici in corso. Una risposta forte a tutto questo può arrivare da un modello agricolo multifunzionale che ha un ruolo sempre più importante nella tutela del territorio dal rischio idrogelogico, nella gestione sostenibile delle risorse idriche e nella mitigazione dei cambiamenti climatici. Obiettivi da raggiungere nell’interesse, oltre che della collettività, degli agricoltori stessi». Che con questa strategia riescono anche ad affrontare meglio la crisi economica: «Le aziende più in difficoltà oggi – dice Maria Grazia Mammuccini di Firab –  sono quelle monoculturali, mentre sono più forti quelle che producono in maniera differenziata e puntano alla multifunzionalità. Quello che è meglio per l’economia, è meglio anche per l’ambiente».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende