Home » Internazionali »Politiche »Progetti » Avvicinare il campo al laboratorio. All’agricoltura sostenibile serve più ricerca:

Avvicinare il campo al laboratorio. All’agricoltura sostenibile serve più ricerca

Per un’agricoltura più sostenibile, investire in ricerca e innovazione è fondamentale. Legambiente, Firab e Flc Cgil sono d’accordo su questo punto: a norme che riconoscano il valore delle aziende impegnate per rendere più green la loro agricoltura, la PAC, la Politica Agricola Comunitaria dell’UE in corso di riforma, dovrà affiancare una maggiore attenzione alla ricerca. «Dobbiamo avvicinare il campo all’innovazione, rendere questi due mondi più vicini», dicono agricoltori, studiosi e ambientalisti.

«Nella definizione della PAC post 2013 – spiega Vincenzo Vizioli, presidente di Firab (Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica) – non solo bisogna promuovere, in modo deciso, i modelli agricoli sostenibili e virtuosi, come il biologico, ma bisogna rinnovare profondamente il sistema di produzione di conoscenze e innovazione, dedicandovi risorse adeguate. Di più. La PAC del futuro deve investire in reti di conoscenze capaci di premiare la partecipazione dei produttori e la specificità ecologica e sociale dei territori e di offrire idee innovative per un cambiamento di paradigma economico».

Un concetto affermato anche dalla stessa Unione Europea pochi giorni fa, quando sono stati lanciati i Parternariati europei per l’innovazione, vere e proprie «piattaforme comuni di cooperazione» dedicate a diversi settori, tra cui l’agricoltura, a cui partecipano commissari europei, rappresentanti degli Stati, membri del Parlamento, industriali, ricercatori, la società civile e altre parti interessate. L’obiettivo è «affrontare le debolezze, le strozzature e gli ostacoli nel sistema europeo di ricerca e innovazione che impediscono o rallentano lo sviluppo di buone idee e il loro sbocco sul mercato».  Uno strumento, insomma, sottolinea Aiab con soddisfazione, «per la produttività e la sostenibilità in agricoltura che apre le porte al potenziale trasferimento di conoscenze fra produttori agricoli, mondo della ricerca e le altri parti interessate della società. Uno scambio di saperi che ha un ruolo strategico, ma che è spesso poco preso in considerazione».

E proprio il coinvolgimento degli agricoltori nella ricerca è uno degli ambiti in cui c’è ancora molto da fare. «A fianco di chi coltiva la terra – racconta Vizioli – in Italia non c’è più nessuno. Sono state smantellate le agenzie governative, i tecnici si sono chiusi negli uffici a passare carte e spesso i ricercatori sono gli unici consulenti che ha un’azienda. Deve iniziare un percorso nuovo e diverso: gli agricoltori hanno bisogno di essere sostenuti e informati sulle procedure da adottare per intraprendere la strada della sostenibilità». I versanti su cui intervenire, in realtà, sono due: da una parte c’è l’agricoltore, che «da solo – sottolinea Maria Grazia Mammuccini, coordinatrice del comitato scientifico di Firab – non ce la fa, c’è bisogno della ricerca per indirizzarlo verso la sostenibilità”, e dall’altra la formazione. Nel nostro Paese, infatti, continua Vizioli, «non esiste più un corso di laurea o un master in agricoltura biologica, e spesso nei programmi accademici non c’è neanche un esame sull’argomento».

Ma qual è il modello di azienda agricola che più si adatta al nuovo corso dell’agricoltura? «In Italia – evidenzia Giorgio Zampetti della segreteria nazionale di Legambiente – si continua a perdere terreno agricolo e fertilità dei suoli, a consumare territorio e risorse idriche con gravi conseguenze ecologiche e ambientali, accentuate dai mutamenti climatici in corso. Una risposta forte a tutto questo può arrivare da un modello agricolo multifunzionale che ha un ruolo sempre più importante nella tutela del territorio dal rischio idrogelogico, nella gestione sostenibile delle risorse idriche e nella mitigazione dei cambiamenti climatici. Obiettivi da raggiungere nell’interesse, oltre che della collettività, degli agricoltori stessi». Che con questa strategia riescono anche ad affrontare meglio la crisi economica: «Le aziende più in difficoltà oggi – dice Maria Grazia Mammuccini di Firab –  sono quelle monoculturali, mentre sono più forti quelle che producono in maniera differenziata e puntano alla multifunzionalità. Quello che è meglio per l’economia, è meglio anche per l’ambiente».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

I premi del 20° Cinemambiente. Vince l’angoscia per la plastica

giugno 6, 2017

I premi del 20° Cinemambiente. Vince l’angoscia per la plastica

Il 20° Festival CinemAmbiente si è concluso nella Giornata Mondiale dell’Ambiente con la cerimonia di premiazione, al Cinema Massimo di Torino, e la proiezione del film La Vallée des loups di Jean-Michel Bertrand (Premio “Movies Save the Planet”). Pur in assenza degli eventi “di piazza” in cartellone nell’edizione 2016, anche quest’anno il Festival ha registrato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende