Home » Impressioni di viaggio »Progetti »Rubriche » Da grande voglio diventare un “Conservation Hero”:

Da grande voglio diventare un “Conservation Hero”

Anna SavageLa famigliarità con gli animali alla Disney, si sa, è di casa. La conservazione della biodiversità, però, è qualcosa di più complesso che dar vita a simpatici personaggi dei fumetti. E’ un obiettivo ambizioso e la ricerca d’avanguardia, condotta nel parco a tema Disney’s Animal Kingdom, in Florida, costituisce un esempio concreto dell’impegno di Walt Disney Company nel preservare l’ambiente e la fauna selvatica per le generazioni future.

La dottoressa Anne Savage, biologa della conservazione, è l’anima ecologica del Walt Disney World Resortdi Orlando, nonché testimonial del “Proyecto Titi“, definito da lei stessa “un progetto per la conservazione a lungo termine“. Anne ci tiene infatti a distinguere gli investimenti “facili” (quick and easy) dagli investimenti “strutturati” che, al contrario dei primi, possono avere un impatto reale e continuativo. Dalle sue parole capisco subito che quando si parla di conservazione bisogna essere, prima di tutto, pazienti.

Sono passati oltre trent’anni dal giorno in cui lei ha iniziato ad occuparsi - prima per studio e poi per lavoro - della salvaguardia dei cosiddetti Cotton-Top Tamarin, i più piccoli primati al mondo. Ancora studentessa all’Università del Wisconsin, a diciannove anni, non poteva sapere che un corso di psicologia tenuto da un primatologo e un progetto di ricerca dello zoo di Milwaukee, sarebbero state le due scintille che avrebbero cambiato la sua vita professionale.

Il suo progetto di ricerca sugli orangotanghi le fece conoscere da vicino, per le prima, volta i Cotton Top. Fu amore a prima vista. Anne ricorda questo incontro come il momento in cui si accese la passione per lo studio e la salvaguardia delle specie rare, che l’ha condotta, in seguito, a sviluppare un nuovo concetto di conservazione.

Agli esordi del Proyecto Tití la neolaureata Savage svolge in Colombia, con il suo team, il primo censimento di Cotton-top Tamarin della storia, che diventa presto il più grande studio di biologia sul campo mai effettuato nel paese sudamericano. I dati sono allarmanti e dimostrano l’emergenza e l’urgenza di un’azione immediata contro l’incombente rischio di estinzione. Oggi questi primati sopravvivono nella regione nord-occidentale del paese e i continui sforzi per proteggere il loro habitat naturale (la foresta tropicale) sono più che mai essenziali per garantirne la sopravvivenza futura. Spiega Savage: “è possibile allevare in cattività specie in pericolo, ma quando si parla di conservazione, e soprattutto di una conservazione a lungo termine, bisogna andare ben oltre. Ciò che abbiamo fatto noi è creare imprenditori ambientali.”

Il concetto si capisce entrando nel suo ufficio, dove una biologa di fama mondiale – di quelle che si immaginano, con camice bianco, nei più prestigiosi laboratori di ricerca - porta avanti il suo lavoro “dietro le quinte” con piglio manageriale. Qui percepisco anche la mia reale distanza (da abitante di città di un paese occidentale) dalla natura selvaggia del terzo mondo. È ancora un esempio di Anne ad aprirmi gli occhi: “quando non si ha cibo per sostentare le proprie famiglie, l’ambiente non è certamente una priorità. Posso assicurarti che l’obiettivo della tua giornata sarebbe piuttosto quello di cacciare qualcosa per cena. Ecco perché l’economia, nei paesi in via di sviluppo, è un fattore importante per la conservazione”.Abbiamo iniziato dalle scuole, in primo luogo educando le persone, spiegandogli cose per noi basilari come l’incredibile rarità delle piccole scimmie che vedono ogni giorno arrampicarsi sugli alberi. Per loro i Cotton-top Tamarin erano animali comuni, come per noi americani lo sono gli scoiattoli. E’ stato emozionante dover spiegare che il loro villaggio è in realtà l’unico posto al mondo dove è possibile incontrarne uno in libertà!”. Si capisce che per Anne Proyecto Tití non è solo il suo progetto, ma una diversa filosofia di vita, “una famiglia, una squadra, una comunità”.

Alle spalle di questo progetto c’è il Disney Worldwide Conservation Fund, che fin dagli esordi della Savage alla Disney, nel 1997, ha costituito la principale fonte di finanziamento. Esempio concreto- anche se poco noto all’estero - di come la Disney sostenga e finanzi centinaia di organizzazioni nel mondo con l’obiettivo di tutelare, a lungo termine, la fauna selvatica e i suoi habitat. Stando al 2009 il fondo ha finanziato più di 14 milioni di dollari per la gestione dei programmi di conservazione in più di 100 paesi.

Ma anche i visitatori dei parchi tematici possono diventare “Conservation Heros” acquistando una spilla con una donazione libera, anche solo di un centesimo. La Walt Disney Company, come in una delle sue favole, raddoppia ogni donazione occupandosi di coprire i costi legati ad ogni transazione e facendo sì che il 100% delle donazioni sia diretto esclusivamente agli sforzi di conservazione.

Il Proyecto Tití è uno di questi progetti, ma è soprattutto un esempio di rispetto reciproco con la comunità locale colombiana. Continua ancora Anne: “abbiamo pensato alle donne insegnando loro a creare, con l’aiuto di artigiani locali, le Eco-Mochilas e ad essere leader facendo business. Siamo partiti dalle basi, spiegando anche solo come aprire un conto in banca e risparmiare”. “Oggi sono molto orgogliosa di vedere queste donne, un tempo spaventate e terrorizzate ad aprire bocca, diventare fiere del loro lavoro, del loro guadagno e dei loro investimenti nella comunità, parlandone davanti ad intere platee.”

Le Eco-Mochilas, i frutti del loro lavoro, sono delle borse cucite a maglia riciclando i sacchetti di plastica, commercializzate in Colombia ed esportate a livello internazionale. Il Proyecto Tití ha così favorito, oltre la conservazione di una specie a rischio estinzione, la creazione di una cooperativa di donne, la ASOARTESANAS, fornendo occupazione a trecento persone. L’intera comunità del villaggio di Los Limites è oggi coinvolta nella preparazione dei sacchetti di plastica per la lavorazione. Ci vogliono infatti circa 100-120 sacchetti di plastica per fare una Eco-Mochila, con un risultato di più di 1,5 milioni di sacchetti di plastica finora riciclati. Un impatto positivo per l’ambiente e per la salute della fauna selvatica e della popolazione locale che ha generato, al contempo, un vantaggio economico diretto per la comunità.

Un nuovo modello di responsabilità sociale d’impresa a cui contribuisce, insieme alla dottoressa Savage, un team di oltre 600 professionisti tra scienziati, specialisti nella cura degli animali, veterinari ed educatori, uniti dall’obiettivo di sensibilizzare le migliaia di visitatori dei parchi Disney alla conservazione. Come sostiene Tom Staggs, presidente di Walt Disney Parks and Resorts Worldwide, basta seguire l’insegnamento del visionario Walt e “instaurare un senso di parentela con la Terra e tutti i suoi abitanti.”

Nicole Cutrufo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende