Home » Idee »Progetti » Dal telefono a gettoni alla Cabina Intelligente: a Torino il primo prototipo:

Dal telefono a gettoni alla Cabina Intelligente: a Torino il primo prototipo

aprile 3, 2012 Idee, Progetti

La cabina telefonica si evolve. E, manco a dirlo, diventa intelligente. Se l’installazione della prima cabina telefonica stradale se l’aggiudicò Milano, giusto 60 anni fa, il primato per la sua evoluzione “smart” è toccato invece a Torino. Ieri, 2 aprile, il Sindaco Piero Fassino ha inaugurato il primo prototipo italiano di Cabina Intelligente, attivato non a caso davanti alla sede del Politecnico di Torino, che collabora con il Comune nello sviluppo del Progetto Europeo “Smart Cities”.

Per ora in fase sperimentale, la cabina è stata realizzata da Telecom Italia in partnership con la startup Ubi Connected ed è un esempio di infrastruttura urbana riprogettata per coniugare funzioni tradizionali e nuove tecnologie, perfettamente in linea con la filosofia “smart”. «Perché buttare via, quando è possibile recuperare?”, ha domandata retoricamente David Nespoli, amministratore delegato di Ubi Connected, in conferenza stampa. “La nostra idea è di partire da oggetti urbani di uso comune (oggi la cabina, domani le fontanelle, le panchine, i cassonetti, le facciate degli edifici, i chioschi) per farne strumenti nuovi, in grado di cambiare, grazie alla tecnologia e al design, l’aspetto e il modo di vivere delle nostre città».

Alla possibilità di effettuare chiamate telefoniche (con la classica moneta, con tessera magnetica o carta di credito), si aggiunge quindi una serie di funzioni fruibili tramite il touchscreen: informazioni su servizi pubblici, mobilità, commercio, social network, turismo e tempo libero (c’è persino un’applicazione per creare percorsi di visita personalizzati). Chi ha con sé il proprio tablet o portatile, può inoltre sedersi tranquillamente sulla panchina accanto alla cabina e navigare in rete con l’accesso Wi-Fi gratuito e libero.

Ma la nuova postazione non sarebbe veramente smart se non pensasse anche alla sicurezza dei cittadini: sullo schermo interno si trova infatti un tasto SOS per le emergenze e in vari punti della cabina sono presenti telecamere di videosorveglianza collegabili con la sala di controllo della Polizia Municipale, così da creare una zona franca a cui ricorrere in caso di pericolo. Infine, sul piano dell’eco-sostenibilità, la Cabina Intelligente fa la sua parte grazie a un pannello fotovoltaico che contribuisce al suo fabbisogno energetico. È inoltre dotata di un sensore per rilevare il grado di inquinamento atmosferico e, sulla pedana esterna, di sei colonnine per la ricarica di bici e scooter elettrici, predisposte in collaborazione con il circuito di bike-sharing della città.

«Si tratta comunque di un progetto ancora in progress, aperto – ha sottolineato Daniela Conti, responsabile della Telefonia Pubblica per Telecom Italia – e in quest’ottica abbiamo avviato un contest rivolto a studenti universitari e sviluppatori per “riempire” di contenuti e servizi la cabina del futuro». Sul piano della progettazione dei contenuti anche il Politecnico di Torino ha fatto la sua parte – come ha spiegato il Rettore Marco Gilli – promuovendo un workshop con studenti italiani e cinesi sulla progettazione smart di un metro quadrato di spazio urbano (la superficie occupata da una cabina telefonica) e, inoltre, sviluppando per la nuova cabina una bacheca online e un portale della didattica dedicato agli iscritti dell’Ateneo, che saranno i primi veri sperimentatori del prototipo.

La fase di test, che durerà per tutto il 2012, già nelle prossime settimane sarà estesa ad altre città italiane e sarà fondamentale sia per definire la forma finale del progetto (funzioni, ubicazioni, usabilità, ecc.) che per stabilire gli investimenti in termini industriali. «Del resto una città veramente smart è tale solo se i cittadini vengono coinvolti direttamente nel suo graduale processo di trasformazione», ha aggiunto Enzo Lavolta, assessore all’Ambiente e all’Innovazione e presidente della Fondazione Torino Smart City, a cui aderisce, come partner, anche Telecom Italia.

«La Cabina Intelligente è parte integrante del progetto Torino Smart City, che è diventato una delle priorità nel governo della città – ha dichiarato Piero Fassino – Si tratta di una concezione opposta a quella ormai superata della città fordista, statica e rigida. La Smart City sarà una città flessibile e aperta, capace di cambiare in meglio le abitudini quotidiane dei suoi abitanti. E per costruirla vogliamo ridefinire le regole d’ingaggio tra pubblico e privato, creando una rete di enti, aziende, università e persone portatori di un’innovazione fondata sul principio della sostenibilità».

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende