Home » Idee »Progetti » Dal telefono a gettoni alla Cabina Intelligente: a Torino il primo prototipo:

Dal telefono a gettoni alla Cabina Intelligente: a Torino il primo prototipo

aprile 3, 2012 Idee, Progetti

La cabina telefonica si evolve. E, manco a dirlo, diventa intelligente. Se l’installazione della prima cabina telefonica stradale se l’aggiudicò Milano, giusto 60 anni fa, il primato per la sua evoluzione “smart” è toccato invece a Torino. Ieri, 2 aprile, il Sindaco Piero Fassino ha inaugurato il primo prototipo italiano di Cabina Intelligente, attivato non a caso davanti alla sede del Politecnico di Torino, che collabora con il Comune nello sviluppo del Progetto Europeo “Smart Cities”.

Per ora in fase sperimentale, la cabina è stata realizzata da Telecom Italia in partnership con la startup Ubi Connected ed è un esempio di infrastruttura urbana riprogettata per coniugare funzioni tradizionali e nuove tecnologie, perfettamente in linea con la filosofia “smart”. «Perché buttare via, quando è possibile recuperare?”, ha domandata retoricamente David Nespoli, amministratore delegato di Ubi Connected, in conferenza stampa. “La nostra idea è di partire da oggetti urbani di uso comune (oggi la cabina, domani le fontanelle, le panchine, i cassonetti, le facciate degli edifici, i chioschi) per farne strumenti nuovi, in grado di cambiare, grazie alla tecnologia e al design, l’aspetto e il modo di vivere delle nostre città».

Alla possibilità di effettuare chiamate telefoniche (con la classica moneta, con tessera magnetica o carta di credito), si aggiunge quindi una serie di funzioni fruibili tramite il touchscreen: informazioni su servizi pubblici, mobilità, commercio, social network, turismo e tempo libero (c’è persino un’applicazione per creare percorsi di visita personalizzati). Chi ha con sé il proprio tablet o portatile, può inoltre sedersi tranquillamente sulla panchina accanto alla cabina e navigare in rete con l’accesso Wi-Fi gratuito e libero.

Ma la nuova postazione non sarebbe veramente smart se non pensasse anche alla sicurezza dei cittadini: sullo schermo interno si trova infatti un tasto SOS per le emergenze e in vari punti della cabina sono presenti telecamere di videosorveglianza collegabili con la sala di controllo della Polizia Municipale, così da creare una zona franca a cui ricorrere in caso di pericolo. Infine, sul piano dell’eco-sostenibilità, la Cabina Intelligente fa la sua parte grazie a un pannello fotovoltaico che contribuisce al suo fabbisogno energetico. È inoltre dotata di un sensore per rilevare il grado di inquinamento atmosferico e, sulla pedana esterna, di sei colonnine per la ricarica di bici e scooter elettrici, predisposte in collaborazione con il circuito di bike-sharing della città.

«Si tratta comunque di un progetto ancora in progress, aperto – ha sottolineato Daniela Conti, responsabile della Telefonia Pubblica per Telecom Italia – e in quest’ottica abbiamo avviato un contest rivolto a studenti universitari e sviluppatori per “riempire” di contenuti e servizi la cabina del futuro». Sul piano della progettazione dei contenuti anche il Politecnico di Torino ha fatto la sua parte – come ha spiegato il Rettore Marco Gilli – promuovendo un workshop con studenti italiani e cinesi sulla progettazione smart di un metro quadrato di spazio urbano (la superficie occupata da una cabina telefonica) e, inoltre, sviluppando per la nuova cabina una bacheca online e un portale della didattica dedicato agli iscritti dell’Ateneo, che saranno i primi veri sperimentatori del prototipo.

La fase di test, che durerà per tutto il 2012, già nelle prossime settimane sarà estesa ad altre città italiane e sarà fondamentale sia per definire la forma finale del progetto (funzioni, ubicazioni, usabilità, ecc.) che per stabilire gli investimenti in termini industriali. «Del resto una città veramente smart è tale solo se i cittadini vengono coinvolti direttamente nel suo graduale processo di trasformazione», ha aggiunto Enzo Lavolta, assessore all’Ambiente e all’Innovazione e presidente della Fondazione Torino Smart City, a cui aderisce, come partner, anche Telecom Italia.

«La Cabina Intelligente è parte integrante del progetto Torino Smart City, che è diventato una delle priorità nel governo della città – ha dichiarato Piero Fassino – Si tratta di una concezione opposta a quella ormai superata della città fordista, statica e rigida. La Smart City sarà una città flessibile e aperta, capace di cambiare in meglio le abitudini quotidiane dei suoi abitanti. E per costruirla vogliamo ridefinire le regole d’ingaggio tra pubblico e privato, creando una rete di enti, aziende, università e persone portatori di un’innovazione fondata sul principio della sostenibilità».

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende