Home » Idee »Progetti » Energia da biomasse: Italia in ritardo:

Energia da biomasse: Italia in ritardo

maggio 24, 2010 Idee, Progetti

biomasse, erasolare.itIn Austria, sono oltre 300 mentre l’Italia ne conta solo alcune decine, anche se il settore sembra molto vitale. Parliamo degli impianti di teleriscaldamento a biomasse: case, ospedali e scuole riscaldati attraverso una rete di tubazioni di acqua calda o vapore, proveniente da una grossa centrale di produzione che sfrutta materiali residui, di origine organica (vegetale o animale) come combustibile.

In un Paese ricco di foreste e terreni agricoli come l’Italia (dove ogni anno si producono 17 milioni di tonnellate di residui agro-forestali che potrebbero essere utilizzati come combustibile per la produzione di energia), la biomassa di origine vegetale può essere, quindi, una grande risorsa energetica, in grado di diminuire la dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili e la produzione di CO2. C’è un però: le biomasse disponibili non sono adeguatamente sfruttate e la produzione di energia da biomasse è appena l’1,5 per cento del fabbisogno nazionale, che equivale a circa 2-3 milioni di tep (tonnellate di petrolio equivalente), più o meno la metà della media dei paesi industrializzati.

Le ragioni di questo mancato sviluppo sono state indagate dalla Fiper che è proprio la federazione italiana che comprende le imprese di teleriscaldamento che utilizzano esclusivamente “combustibili vegetali”, e le imprese che producono biogas (prodotto spontaneo dalla fermentazione dei rifiuti). In tutto, la Federazione dei Produttori di Energia da Fonte Rinnovabile riunisce 68 centrali di teleriscaldamento a biomassa legnosa e 15 impianti di biogas agricolo in Lombardia, Piemonte, Val d’Aosta, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Il primo elemento che salta all’occhio, dunque, è il forte legame con il territorio agricolo e forestale di questo tipo di attività imprenditoriali. Da cui si deduce il secondo elemento: il bacino ideale da “tele-riscaldare a biomassa” è costituito da aree montane, dove è utilizzato gasolio o gpl (entrambi fortemente tassati e di complessa logistica): il beneficio economico del teleriscaldamento deriva principalmente dalla mancata accisa applicata sulla legna, dal risparmio energetico derivante dalla co-generazione (che ricorre quando la produzione di calore può essere anche associata a quella di energia elettrica) e dal limitato, per ora, costo della biomassa.

Facciamo un passo indietro.

Nel 2007, il governo italiano ha presentato a Bruxelles un position paper per il raggiungimento degli obiettivi europei sulle fonti rinnovabili entro il 2020, che prevede un contributo di ben 3,74 Mtep (acronimo di milioni di tonnellate equivalenti di petrolio e dà un’idea di quanto petrolio sarebbe necessario per produrre la stessa quantità di energia, ad esempio, con una centrale solare) di calore da biomasse distribuito mediante reti di teleriscaldamento. Ma se si considera che gli impianti realizzati sono lontanissimi dagli obiettivi fissati, è chiaro che occorre un intervento istituzionale preciso e finalizzato e che tenga conto dei dati in possesso degli operatori.

Partendo da queste premesse, Fiper ha elaborato una proposta concreta che coinvolge l’intera filiera biomassa-energia, ritenendola strategica per il sistema-paese: la proposta (“Il contributo potenziale del teleriscaldamento a biomasse e della produzione di biogas di origine vegetale ed animale per gli obiettivi italiani di penetrazione delle fonti rinnovabili negli usi finali termici previsti dalla Direttiva 2009/28/CE del 23 Aprile 2009”) è stata inviata al presidente del Consiglio, Berlusconi (in qualità di ministro per lo sviluppo economico ad interim) e al sottosegretario Stefano Saglia, in vista della presentazione a Bruxelles, il prossimo 30 giugno, del Piano di Azione nazionale (ciascuno Stato membro dell’Unione si deve dotare di un Pan: non è giuridicamente vincolante ma serve a dare impulso politico al processo di attuazione delle misure necessarie a favorire una maggiore considerazione degli aspetti ambientali negli appalti pubblici e alle iniziative di sensibilizzazione, consentendo agli Stati membri di scegliere le soluzioni che più si adattano al loro quadro politico).

Secondo le proposte elaborate dalla Federazione delle imprese di teleriscaldamento e inoltrate all’attenzione del governo, per realizzare, entro il 2010, almeno 0,7-1 Mtep, occorrerebbe mettere a punto una “politica”, recita il documento redatto da Fiper, “che favorisca la nascita di imprese sul territorio, capaci di realizzare investimenti di mercato mediante fondi di garanzia”, (incentivando il passaggio dei distributori locali dal gasolio al legno): parliamo di investimenti infrastrutturali a basso rischio d’impresa ma con tempi di ritorno lunghi (circa 15 anni): “una precisa realtà imprenditoriale, magari a copartecipazione pubblica, ma gestita con regole di economia di impresa.

Per Fiper, occorre, inoltre, che sia costituita “una struttura unica a livello nazionale che si occupi del monitoraggio, della qualificazione e della regolazione della produzione e dell’uso del calore”. Oltre che “focalizzare ed indirizzare la politica dell’agricoltura e dell’ambiente allo sviluppo della filiera del legno”, per garantire il combustibile e un mercato certo e stabile ai prodotti. Rispetto alla filiera del biogas, invece, la Federazione propone che “il biogas, prodotto dagli impianti alimentati da biomassa vegetale o di origine animale, possa essere trasformato in ‘biometano’ (gas che non deriva da fonti fossili) come già realizzato in altri paesi europei”, attraverso il sistema di incentivi corrispondenti ai Certificati Verdi già riconosciuti alla produzione elettrica: la notevole estensione della rete di metano già esistente, in Italia ed il suo accesso alla stessa, permetterebbe certamente un importante sviluppo in questo settore energetico con ricadute positive ambientali ed economiche.

Quanto agli obiettivi concreti, Fiper ritiene che possano essere realizzati, nei prossimi anni, circa 300 impianti di teleriscaldamento e cogenerazione alimentati a biomassa (4 milioni e 500mila tonnellate utilizzate ogni anno) con un risparmio annuo di fonti fossili pari a 820mila tonnellate e mancate emissioni di CO2 pari a 2 milioni e 400mila tonnellate. Duemila impianti a biogas con produzione agricola e di allevamento animale (20 milioni di tonnellate di biomassa), ottenendo un risparmio di fonti fossili misurato in 2 milioni e 300mila tonnellate.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende