Home » Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Ipnoa: la Toscana lancia un progetto per ridurre le emissioni dei fertilizzanti:

Ipnoa: la Toscana lancia un progetto per ridurre le emissioni dei fertilizzanti

Per raggiungere gli obiettivi europei di riduzione dei gas serra, entro il 2020 la Regione Toscana dovrà ridurre del 20%, rispetto ai livelli del 1990, le emissioni di gas climalteranti. Per farlo ha deciso di monitorare e ridurre anche le emissioni generate dall’agricoltura che, in tutta Italia, rappresentano il 7% circa delle emissioni complessive. Grazie ai finanziamenti del programma europeo “Life+”, infatti, ha preso avvio il progetto Ipnoa (Improved flux Prototypes for N2O emission reduction from Agriculture), per migliorare l’efficacia del monitoraggio delle emissioni e promuovere buone pratiche per abbattere i gas serra. Un insieme di interventi che prenderanno avvio nel mese di giugno, coordinati dall’azienda West Systems e con la partecipazione di Regione, Istituto nazionale francese per la ricerca agronomica Inra e Scuola Superiore di Studi e Perfezionamento Sant’Anna di Pisa.

Il budget totale del progetto Ipnoa è di oltre due milioni di euro, di cui circa il 50% proveniente dal finanziamento dell’Ue, che crede molto nella riduzione dell’inquinamento deil settore agricolo. L’agricoltura infatti è coresponsabile dell’emissione dei tre più importanti gas serra: anidride carbonica, metano, protossido di azoto. In  particolare, in Italia, il 70% delle emissioni di quest’ultimo sono generate dal settore agricolo, soprattutto a causa delle fertilizzazioni azotate, ed è sulla loro riduzione che si concentra Ipnoa.

Il progetto, che si concluderà a maggio 2016, prevede sette fasi. La parte iniziale, consisterà nella costruzione, da parte dell’azienda coordinatrice, didue prototipi per il monitoraggio dei flussi di protossido di azoto dal suolo, con un sistema di camere di accumulo collegate di continuo ad analizzatori, con prove sperimentali appositamente progettate. I prototipi, uno portatile e uno fisso, saranno usati in due distinti luoghi della Toscana (area pisana e area aretina) caratterizzate da condizioni
climatiche diverse e da colture differenti, così da avere un’idea e un bilancio annuale delle emissioni applicabile in maniera sufficientemente affidabile, considerando la grande variabilità spaziale e temporale delle emissioni di N2O.

Dopo la validazione dei risultati del monitoraggio presso l’Inra, in Francia, si procederà all’elaborazione di un inventario delle principali tipologie di coltivazione per meglio identificare l’uso di suolo in Toscana e la distribuzione delle principali coltivazioni con relative pratiche ordinarie di gestione.  Lo scopo principale è l’identificazione delle principali relazioni tra le emissioni di N2O e la gestione delle colture. Dopo altri monitoraggi, si arriverà a realizzare, entro settembre 2015, un manuale delle buone pratiche per la riduzione delle emissioni di protossido di azoto, rivolto a tecnici, imprenditori, agricoltori e decisori politici, utilizzabile per la programmazione regionale in materia di agricoltura. Entro maggio 2016, è prevista anche una verifica del recepimento e delle diffusione delle buone pratiche, per vedere quanto si sono diffuse e sviluppate sul territorio toscano.

Andrea Marchetti

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende