Home » Internazionali »Politiche »Progetti » La mappa dei disastri naturali e tecnologici in Europa:

La mappa dei disastri naturali e tecnologici in Europa

marzo 21, 2011 Internazionali, Politiche, Progetti

Nel decennio 1998-2009 in Europa, i disastri naturali e quelli indotti dalla tecnologia sono aumentati notevolmente rispetto ai decenni precedenti, comportando un conseguente peggioramento della salute dell’uomo, dello stato delle economie dei Paesi membri e dell’ambiente.

A metterlo in evidenza è l’ultimo studio condotto dall’Agenzia Europea sull’Ambiente (AEA). Il report analizza la frequenza con cui i disastri naturali si sono verificati nel periodo considerato e gli effetti che hanno  sull’uomo, sulle economie e sugli ecosistemi, mettendo in guardia l’Europa sulla necessità di una gestione del rischio maggiormente integrata tra i paesi membri.

Sono tre i tipi di pericolo: idro-metereologico, in cui sono comprese le tempeste, gli eventi legati all’aumento o diminuzione estrema delle temperature, la siccità, le inondazioni e gli incendi delle foreste; geofisico, tra cui le valanghe, le frane, le eruzioni vulcaniche e i terremoti; e tecnologico, dove vengono annoverati gli incidenti industriali, la fuoriuscita di petrolio dalle petroliere, e la fuoriuscita di sostanze tossiche durante le attività di estrazione.

Anche nei casi in cui si tratta di disastri “naturali”, come nei primi due gruppi, pare in realtà che siano tutte situazioni estreme di origine antropica.

Il considerevole aumento degli incendi delle foreste negli ultimi anni, ad esempio, è un effetto dell’aumento delle temperature dovuto essenzialmente all’assottigliamento dello strato di ozono. In questo caso, lo studio riporta che sono 70.000 gli incendi che in media ogni anno si verificano in Europa, con la conseguente distruzione di oltre un milione di ettari di foreste, principalmente negli stati che si affacciano sul Mediterraneo. Gli effetti sono devastanti: morti umane, danni all’economia stimati per circa 1,5 miliardi di Euro per anno, e inevitabilmente disastri nelle aree naturali e sugli ecosistemi, con il conseguente degrado dell’ambiente e l’aumento della desertificazione.

Le stesse considerazioni possono valere per la scarsità idrica. A livello europeo l’informazione su questo problema è, per altro, imprecisa e incerta. La conoscenza che i cittadini europei hanno riguardo alla disponibilità, all’estrazione e all’utilizzo di acqua, è molto povera così come l’informazione relativa agli impatti della scarsità idrica. Anche se l’Europa non è minacciata da decessi dovuti alla mancanza di acqua, la sua scarsità negli ultimi anni ha avuto delle conseguenze sull’agricoltura, sul turismo e l’energia. Basti pensare che l’eccezionale siccità del 2003 provocò una perdita in termini economici di circa 8,7 miliardi di Euro. Gli effetti di breve periodo legati al settore economico, sono poi accompagnati da conseguenze di medio e lungo periodo sugli ecosistemi, sulla qualità dell’acqua e sull’utilizzo delle falde acquifere.

In termini generali, il report mette in evidenza che i disastri considerati nel periodo 1998-2009, complessivamente hanno provocato 100.000 decessi e conseguenze negative sulla salute di 11 milioni di persone. Le perdite finanziarie nello stesso periodo sono state stimate per oltre 150 miliardi di Euro nei 32 Paesi membri. 

Il 2003, per intendersi, è stato l’anno in cui l’ondata di caldo che ha colpito l’Europa occidentale e meridionale, ha provocato 70.000 decessi, mentre il terremoto in Turchia del 1999 ne ha provocati 17.000.

In totale tra il 1998 e il 2009 si sono verificate in Europa 213 alluvioni, 155 tempeste, 339 incidenti industriali, ponendosi in cima alla lista dei disastri tecnologici.

In questa situazione, quale potrebbero essere le azioni più appropriate che l’Unione Europea dovrebbe intraprendere? Lo studio dell‘AEA punta sui decisori politici dell’Europa e sulla loro capacità di mettere in atto un programma di gestione integrata del rischio, ovvero di prevenzione, risposta e recupero dei disastri.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende