Home » Internazionali »Politiche »Progetti » La mappa dei disastri naturali e tecnologici in Europa:

La mappa dei disastri naturali e tecnologici in Europa

marzo 21, 2011 Internazionali, Politiche, Progetti

Nel decennio 1998-2009 in Europa, i disastri naturali e quelli indotti dalla tecnologia sono aumentati notevolmente rispetto ai decenni precedenti, comportando un conseguente peggioramento della salute dell’uomo, dello stato delle economie dei Paesi membri e dell’ambiente.

A metterlo in evidenza è l’ultimo studio condotto dall’Agenzia Europea sull’Ambiente (AEA). Il report analizza la frequenza con cui i disastri naturali si sono verificati nel periodo considerato e gli effetti che hanno  sull’uomo, sulle economie e sugli ecosistemi, mettendo in guardia l’Europa sulla necessità di una gestione del rischio maggiormente integrata tra i paesi membri.

Sono tre i tipi di pericolo: idro-metereologico, in cui sono comprese le tempeste, gli eventi legati all’aumento o diminuzione estrema delle temperature, la siccità, le inondazioni e gli incendi delle foreste; geofisico, tra cui le valanghe, le frane, le eruzioni vulcaniche e i terremoti; e tecnologico, dove vengono annoverati gli incidenti industriali, la fuoriuscita di petrolio dalle petroliere, e la fuoriuscita di sostanze tossiche durante le attività di estrazione.

Anche nei casi in cui si tratta di disastri “naturali”, come nei primi due gruppi, pare in realtà che siano tutte situazioni estreme di origine antropica.

Il considerevole aumento degli incendi delle foreste negli ultimi anni, ad esempio, è un effetto dell’aumento delle temperature dovuto essenzialmente all’assottigliamento dello strato di ozono. In questo caso, lo studio riporta che sono 70.000 gli incendi che in media ogni anno si verificano in Europa, con la conseguente distruzione di oltre un milione di ettari di foreste, principalmente negli stati che si affacciano sul Mediterraneo. Gli effetti sono devastanti: morti umane, danni all’economia stimati per circa 1,5 miliardi di Euro per anno, e inevitabilmente disastri nelle aree naturali e sugli ecosistemi, con il conseguente degrado dell’ambiente e l’aumento della desertificazione.

Le stesse considerazioni possono valere per la scarsità idrica. A livello europeo l’informazione su questo problema è, per altro, imprecisa e incerta. La conoscenza che i cittadini europei hanno riguardo alla disponibilità, all’estrazione e all’utilizzo di acqua, è molto povera così come l’informazione relativa agli impatti della scarsità idrica. Anche se l’Europa non è minacciata da decessi dovuti alla mancanza di acqua, la sua scarsità negli ultimi anni ha avuto delle conseguenze sull’agricoltura, sul turismo e l’energia. Basti pensare che l’eccezionale siccità del 2003 provocò una perdita in termini economici di circa 8,7 miliardi di Euro. Gli effetti di breve periodo legati al settore economico, sono poi accompagnati da conseguenze di medio e lungo periodo sugli ecosistemi, sulla qualità dell’acqua e sull’utilizzo delle falde acquifere.

In termini generali, il report mette in evidenza che i disastri considerati nel periodo 1998-2009, complessivamente hanno provocato 100.000 decessi e conseguenze negative sulla salute di 11 milioni di persone. Le perdite finanziarie nello stesso periodo sono state stimate per oltre 150 miliardi di Euro nei 32 Paesi membri. 

Il 2003, per intendersi, è stato l’anno in cui l’ondata di caldo che ha colpito l’Europa occidentale e meridionale, ha provocato 70.000 decessi, mentre il terremoto in Turchia del 1999 ne ha provocati 17.000.

In totale tra il 1998 e il 2009 si sono verificate in Europa 213 alluvioni, 155 tempeste, 339 incidenti industriali, ponendosi in cima alla lista dei disastri tecnologici.

In questa situazione, quale potrebbero essere le azioni più appropriate che l’Unione Europea dovrebbe intraprendere? Lo studio dell‘AEA punta sui decisori politici dell’Europa e sulla loro capacità di mettere in atto un programma di gestione integrata del rischio, ovvero di prevenzione, risposta e recupero dei disastri.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende