Home » Eventi »Progetti » Lavoratori “più consapevoli” con il Programma WWF delle 3E:

Lavoratori “più consapevoli” con il Programma WWF delle 3E

ottobre 21, 2011 Eventi, Progetti

La green economy non è solo energia rinnovabile e prodotti eco-compatibili. È un modo nuovo di concepire l’impresa e la sua attività, passando anche per la sensibilizzazione alle tematiche ambientali dei dipendenti. È nato così il programma “3 E” (Environmental Employees Engagement) del Wwf, presentato a Roma al Forum delle Risorse Umane da Irma Biseo, direttore Partenariati con le Imprese e Relazioni Esterne di Wwf Italia. Un progetto per rendere più consapevoli i lavoratori e far loro sapere cosa possono fare per l’ambiente, che negli ultimi due anni l’organizzazione ha «provveduto ad aggiornare, rilanciandolo e investendo nuove energie nella sua promozione presso il mondo delle imprese, che stanno rispondendo molto positivamente». Grandi gruppi come Nokia, Unicredit e Vodafone hanno già aderito, realizzando iniziative per l’impegno e il coinvolgimento ambientale delle risorse umane.

« L’employees engagement – spiega Irma Biseo – è da sempre parte integrante della strategia di attivazione del Wwf verso il mondo delle imprese. Il nostro obiettivo è infatti quello di creare delle “community aziendali green”, realizzando dei percorsi integrati di sensibilizzazione e formazione sulle tematiche ambientali, favorendo la creazione all’interno dell’azienda di gruppi di volontariato e sviluppando programmi che motivino lo staff ad avere comportamenti rispettosi dell’ambiente, concretizzando così l’incredibile potenziale di riduzione rappresentato in Italia dal settore ufficio».

Il programma prevede tre diversi ambiti: il volontariato ambientale, la riduzione degli impatti ecologici e le attività di sensibilizzazione e formazione. Nel primo caso, i dipendenti vengono coinvolti in attività all’interno delle Oasi e si creano addirittura veri e propri gruppi di volontariato a sostegno del Wwf. Un modo diverso anche per vivere i rapporti con i vicini di scrivania. Le attività, sempre precedute da una fase di formazione, possono essere le più diverse: in inverno, per esempio, si tratterà soprattutto di costruire nidi e mangiatoie per gli uccelli delle Oasi, mentre in estate i volontari si occuperanno di pulire il sottobosco, le spiagge e l’alveo dei fiumi. «Un’esperienza di lavoro sul campo presso le Oasi insieme allo staff Wwf aiuta le imprese a sviluppare e ad accrescere la sensibilità ambientale dei propri dipendenti sulle tematiche ambientali, traducendo l’attività di volontariato prescelta nella creazione di valore per l’organizzazione stessa».  I lavoratori della Sony, per esempio, sono stati coinvolti in una giornata di volontariato nell’Oasi Wwf di Vanzago, in occasione del Global Volunteer Day. «Dai commenti che abbiamo ricevuto dai dipendenti che hanno partecipato ci siamo resi conto di quanto sia piaciuta l’attività», racconta Irma Biseo.

C’è poi un percorso di riduzione degli impatti ambientali, che un’azienda può intraprendere con il sostegno dell’associazione ambientalista: « Il programma Green Office viene proposto alle aziende che desiderano migliorare le proprie performance ambientali, a partire dalle proprie sedi e dai propri uffici». Strumento fondamentale del programma è il “calcolatore d’impronta”, un sistema che permette ad ogni dipendente di calcolare la propria carbon footprint collegata alla vita lavorativa (frequenza e mezzi usati per i viaggi aziendali, modalità di spostamento casa-ufficio, utilizzo del computer, illuminazione). Per quanto riguarda in particolare i viaggi di lavoro, Wwf supporta le aziende nella riduzione delle emissioni di CO2 collegate agli spostamenti in aereo, «sostituiti da strumenti audio, web e di videoconferenza, per una riduzione stimata di 22 milioni di tonnellate di CO2 emessa, paragonabile ad un terzo delle auto che transitano sul suolo inglese». Al programma ha aderito anche Vodafone UK, che in un anno ha evitato così 3.749 voli e l’emissione di 617 tonnellate di CO2, riducendo di un terzo i costi legati ai viaggi.

Il Wwf offre alle aziende anche programmi di sensibilizzazione e formazione, «un percorso di crescita dei dipendenti che esplori soluzioni e comportamenti (domestici e non) environmental friendly connettendo l’impegno dell’azienda ad una crescita personale e dell’intera community aziendale». I lavoratori capiscono così l’importanza anche di piccoli gesti ecosostenibili; l’ambiente diventa un «tema identitario che aggrega interesse e partecipazione», rafforzando anche «il senso di appartenenza all’azienda».

Per UniCredit, ad esempio, il Wwf «ha sviluppato un “learning tool”: una piattaforma Ambiente all’interno del portale intranet del Gruppo per la sensibilizzazione e formazione dei dipendenti (circa 160.000persone in Europa) sui temi ambientali e in particolare sul climate change», con contenuti in italiano, inglese e tedesco. Un portale che dà informazioni sulle tematiche ambientali e sulle iniziative del gruppo, ma offre anche suggerimenti su come ridurre la propria impronta di carbonio. Per Nokia, invece, l’organizzazione ha realizzato una piattaforma e-learning, Connect to Protect”, con lo scopo di sensibilizzare e fornire consigli per ridurre le proprie emissioni sul luogo di lavoro». Esperienze simili a quelle di alcune aziende canadesi: qui il Wwf ha sviluppato Living Planet@Work, un’ iniziativa di sensibilizzazione per i dipendenti delle aziende, a cui hanno aderito grandi gruppi come Procter&Gamble e Accenture.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende