Home » Eventi »Progetti » Lavoratori “più consapevoli” con il Programma WWF delle 3E:

Lavoratori “più consapevoli” con il Programma WWF delle 3E

ottobre 21, 2011 Eventi, Progetti

La green economy non è solo energia rinnovabile e prodotti eco-compatibili. È un modo nuovo di concepire l’impresa e la sua attività, passando anche per la sensibilizzazione alle tematiche ambientali dei dipendenti. È nato così il programma “3 E” (Environmental Employees Engagement) del Wwf, presentato a Roma al Forum delle Risorse Umane da Irma Biseo, direttore Partenariati con le Imprese e Relazioni Esterne di Wwf Italia. Un progetto per rendere più consapevoli i lavoratori e far loro sapere cosa possono fare per l’ambiente, che negli ultimi due anni l’organizzazione ha «provveduto ad aggiornare, rilanciandolo e investendo nuove energie nella sua promozione presso il mondo delle imprese, che stanno rispondendo molto positivamente». Grandi gruppi come Nokia, Unicredit e Vodafone hanno già aderito, realizzando iniziative per l’impegno e il coinvolgimento ambientale delle risorse umane.

« L’employees engagement – spiega Irma Biseo – è da sempre parte integrante della strategia di attivazione del Wwf verso il mondo delle imprese. Il nostro obiettivo è infatti quello di creare delle “community aziendali green”, realizzando dei percorsi integrati di sensibilizzazione e formazione sulle tematiche ambientali, favorendo la creazione all’interno dell’azienda di gruppi di volontariato e sviluppando programmi che motivino lo staff ad avere comportamenti rispettosi dell’ambiente, concretizzando così l’incredibile potenziale di riduzione rappresentato in Italia dal settore ufficio».

Il programma prevede tre diversi ambiti: il volontariato ambientale, la riduzione degli impatti ecologici e le attività di sensibilizzazione e formazione. Nel primo caso, i dipendenti vengono coinvolti in attività all’interno delle Oasi e si creano addirittura veri e propri gruppi di volontariato a sostegno del Wwf. Un modo diverso anche per vivere i rapporti con i vicini di scrivania. Le attività, sempre precedute da una fase di formazione, possono essere le più diverse: in inverno, per esempio, si tratterà soprattutto di costruire nidi e mangiatoie per gli uccelli delle Oasi, mentre in estate i volontari si occuperanno di pulire il sottobosco, le spiagge e l’alveo dei fiumi. «Un’esperienza di lavoro sul campo presso le Oasi insieme allo staff Wwf aiuta le imprese a sviluppare e ad accrescere la sensibilità ambientale dei propri dipendenti sulle tematiche ambientali, traducendo l’attività di volontariato prescelta nella creazione di valore per l’organizzazione stessa».  I lavoratori della Sony, per esempio, sono stati coinvolti in una giornata di volontariato nell’Oasi Wwf di Vanzago, in occasione del Global Volunteer Day. «Dai commenti che abbiamo ricevuto dai dipendenti che hanno partecipato ci siamo resi conto di quanto sia piaciuta l’attività», racconta Irma Biseo.

C’è poi un percorso di riduzione degli impatti ambientali, che un’azienda può intraprendere con il sostegno dell’associazione ambientalista: « Il programma Green Office viene proposto alle aziende che desiderano migliorare le proprie performance ambientali, a partire dalle proprie sedi e dai propri uffici». Strumento fondamentale del programma è il “calcolatore d’impronta”, un sistema che permette ad ogni dipendente di calcolare la propria carbon footprint collegata alla vita lavorativa (frequenza e mezzi usati per i viaggi aziendali, modalità di spostamento casa-ufficio, utilizzo del computer, illuminazione). Per quanto riguarda in particolare i viaggi di lavoro, Wwf supporta le aziende nella riduzione delle emissioni di CO2 collegate agli spostamenti in aereo, «sostituiti da strumenti audio, web e di videoconferenza, per una riduzione stimata di 22 milioni di tonnellate di CO2 emessa, paragonabile ad un terzo delle auto che transitano sul suolo inglese». Al programma ha aderito anche Vodafone UK, che in un anno ha evitato così 3.749 voli e l’emissione di 617 tonnellate di CO2, riducendo di un terzo i costi legati ai viaggi.

Il Wwf offre alle aziende anche programmi di sensibilizzazione e formazione, «un percorso di crescita dei dipendenti che esplori soluzioni e comportamenti (domestici e non) environmental friendly connettendo l’impegno dell’azienda ad una crescita personale e dell’intera community aziendale». I lavoratori capiscono così l’importanza anche di piccoli gesti ecosostenibili; l’ambiente diventa un «tema identitario che aggrega interesse e partecipazione», rafforzando anche «il senso di appartenenza all’azienda».

Per UniCredit, ad esempio, il Wwf «ha sviluppato un “learning tool”: una piattaforma Ambiente all’interno del portale intranet del Gruppo per la sensibilizzazione e formazione dei dipendenti (circa 160.000persone in Europa) sui temi ambientali e in particolare sul climate change», con contenuti in italiano, inglese e tedesco. Un portale che dà informazioni sulle tematiche ambientali e sulle iniziative del gruppo, ma offre anche suggerimenti su come ridurre la propria impronta di carbonio. Per Nokia, invece, l’organizzazione ha realizzato una piattaforma e-learning, Connect to Protect”, con lo scopo di sensibilizzare e fornire consigli per ridurre le proprie emissioni sul luogo di lavoro». Esperienze simili a quelle di alcune aziende canadesi: qui il Wwf ha sviluppato Living Planet@Work, un’ iniziativa di sensibilizzazione per i dipendenti delle aziende, a cui hanno aderito grandi gruppi come Procter&Gamble e Accenture.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende