Home » Eventi »Progetti » Lavoratori “più consapevoli” con il Programma WWF delle 3E:

Lavoratori “più consapevoli” con il Programma WWF delle 3E

ottobre 21, 2011 Eventi, Progetti

La green economy non è solo energia rinnovabile e prodotti eco-compatibili. È un modo nuovo di concepire l’impresa e la sua attività, passando anche per la sensibilizzazione alle tematiche ambientali dei dipendenti. È nato così il programma “3 E” (Environmental Employees Engagement) del Wwf, presentato a Roma al Forum delle Risorse Umane da Irma Biseo, direttore Partenariati con le Imprese e Relazioni Esterne di Wwf Italia. Un progetto per rendere più consapevoli i lavoratori e far loro sapere cosa possono fare per l’ambiente, che negli ultimi due anni l’organizzazione ha «provveduto ad aggiornare, rilanciandolo e investendo nuove energie nella sua promozione presso il mondo delle imprese, che stanno rispondendo molto positivamente». Grandi gruppi come Nokia, Unicredit e Vodafone hanno già aderito, realizzando iniziative per l’impegno e il coinvolgimento ambientale delle risorse umane.

« L’employees engagement – spiega Irma Biseo – è da sempre parte integrante della strategia di attivazione del Wwf verso il mondo delle imprese. Il nostro obiettivo è infatti quello di creare delle “community aziendali green”, realizzando dei percorsi integrati di sensibilizzazione e formazione sulle tematiche ambientali, favorendo la creazione all’interno dell’azienda di gruppi di volontariato e sviluppando programmi che motivino lo staff ad avere comportamenti rispettosi dell’ambiente, concretizzando così l’incredibile potenziale di riduzione rappresentato in Italia dal settore ufficio».

Il programma prevede tre diversi ambiti: il volontariato ambientale, la riduzione degli impatti ecologici e le attività di sensibilizzazione e formazione. Nel primo caso, i dipendenti vengono coinvolti in attività all’interno delle Oasi e si creano addirittura veri e propri gruppi di volontariato a sostegno del Wwf. Un modo diverso anche per vivere i rapporti con i vicini di scrivania. Le attività, sempre precedute da una fase di formazione, possono essere le più diverse: in inverno, per esempio, si tratterà soprattutto di costruire nidi e mangiatoie per gli uccelli delle Oasi, mentre in estate i volontari si occuperanno di pulire il sottobosco, le spiagge e l’alveo dei fiumi. «Un’esperienza di lavoro sul campo presso le Oasi insieme allo staff Wwf aiuta le imprese a sviluppare e ad accrescere la sensibilità ambientale dei propri dipendenti sulle tematiche ambientali, traducendo l’attività di volontariato prescelta nella creazione di valore per l’organizzazione stessa».  I lavoratori della Sony, per esempio, sono stati coinvolti in una giornata di volontariato nell’Oasi Wwf di Vanzago, in occasione del Global Volunteer Day. «Dai commenti che abbiamo ricevuto dai dipendenti che hanno partecipato ci siamo resi conto di quanto sia piaciuta l’attività», racconta Irma Biseo.

C’è poi un percorso di riduzione degli impatti ambientali, che un’azienda può intraprendere con il sostegno dell’associazione ambientalista: « Il programma Green Office viene proposto alle aziende che desiderano migliorare le proprie performance ambientali, a partire dalle proprie sedi e dai propri uffici». Strumento fondamentale del programma è il “calcolatore d’impronta”, un sistema che permette ad ogni dipendente di calcolare la propria carbon footprint collegata alla vita lavorativa (frequenza e mezzi usati per i viaggi aziendali, modalità di spostamento casa-ufficio, utilizzo del computer, illuminazione). Per quanto riguarda in particolare i viaggi di lavoro, Wwf supporta le aziende nella riduzione delle emissioni di CO2 collegate agli spostamenti in aereo, «sostituiti da strumenti audio, web e di videoconferenza, per una riduzione stimata di 22 milioni di tonnellate di CO2 emessa, paragonabile ad un terzo delle auto che transitano sul suolo inglese». Al programma ha aderito anche Vodafone UK, che in un anno ha evitato così 3.749 voli e l’emissione di 617 tonnellate di CO2, riducendo di un terzo i costi legati ai viaggi.

Il Wwf offre alle aziende anche programmi di sensibilizzazione e formazione, «un percorso di crescita dei dipendenti che esplori soluzioni e comportamenti (domestici e non) environmental friendly connettendo l’impegno dell’azienda ad una crescita personale e dell’intera community aziendale». I lavoratori capiscono così l’importanza anche di piccoli gesti ecosostenibili; l’ambiente diventa un «tema identitario che aggrega interesse e partecipazione», rafforzando anche «il senso di appartenenza all’azienda».

Per UniCredit, ad esempio, il Wwf «ha sviluppato un “learning tool”: una piattaforma Ambiente all’interno del portale intranet del Gruppo per la sensibilizzazione e formazione dei dipendenti (circa 160.000persone in Europa) sui temi ambientali e in particolare sul climate change», con contenuti in italiano, inglese e tedesco. Un portale che dà informazioni sulle tematiche ambientali e sulle iniziative del gruppo, ma offre anche suggerimenti su come ridurre la propria impronta di carbonio. Per Nokia, invece, l’organizzazione ha realizzato una piattaforma e-learning, Connect to Protect”, con lo scopo di sensibilizzare e fornire consigli per ridurre le proprie emissioni sul luogo di lavoro». Esperienze simili a quelle di alcune aziende canadesi: qui il Wwf ha sviluppato Living Planet@Work, un’ iniziativa di sensibilizzazione per i dipendenti delle aziende, a cui hanno aderito grandi gruppi come Procter&Gamble e Accenture.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende