Home » Idee »Progetti » Oosterwold, Olanda: le città del futuro sono “Do It Yourself”:

Oosterwold, Olanda: le città del futuro sono “Do It Yourself”

maggio 10, 2012 Idee, Progetti

L’acronimo “DIY” che sta per “Do It Yourself” potrebbe diventare di uso comune nell’ambito della pianificazione urbana. Nell’età contemporanea, grazie soprattutto alle tecnologie informatiche, come ad esempio le stampanti in 3D e la diffusione quasi onnipresente della connettività a internet, imprese che prima potevano essere realizzate solo dalle grandi corporazioni e società, oggi possono essere effettuate senza problemi dai singoli individui. D’altronde il termine DIY sta ad indicare proprio questo genere di attitudine. Resta solo da chiedersi se un processo così diffuso e complicato come lo è la pianificazione urbana, possa essere “do it yourself”. La risposta arriva da una compagnia olandese che opera nel settore dell’architettura, la MVRDV, che ha dato vita al progetto Almere Oosterwold. Si tratta della realizzazione di un intero quartiere, quello di Oasterwold, tramite la partecipazione diretta dei cittadini alla sua pianificazione urbana.

L’obiettivo della MVRDV è quello di attuare una pianificazione urbana dal basso verso l’alto, in cui le necessità dell’individuo e della comunità siano messe sullo stesso piano del progetto urbanistico. Oosterwold viene così definito come “qualcosa di meno rispetto a una proposta di mero design, e qualcosa di più rispetto a una semplice proposta di sviluppo strategico”.

Ma in che modo si potrà realizzare la pianificazione urbana dal basso? La comunità, come accade per molti progetti di sviluppo urbano, non conosce chiaramente la data in cui il quartiere sarà ultimato. Sono stati però stabiliti dei principi guida, come le percentuali di come deve essere utilizzato il totale dei terreni disponibili: il 59% delle terre dovrà essere destinato all’agricoltura urbana, il 18% alle costruzioni, il 13% agli spazi pubblici verdi, l’8% alle vie di trasporto e il 2% all’acqua. Sulla base di queste proporzioni, i residenti potranno collaborare di persona oppure attraverso il portale web per la pianificazione delle aree stabilite, in un processo nel quale le entità istituzionali avranno il compito di facilitare il processo piuttosto che prendere delle decisioni autonome e dall’alto. Oosterwold si appresta così ad essere un quartiere ecologico e socialmente ed economicamente sostenibile.

Oosterwold dovrà essere realizzato nella città di Almere, in Olanda, su una superficie di 43 chilometri, con la costruzione di 15.000 appartamenti e migliaia di uffici. La priorità sarà rappresentata dalla costruzione di spazi verdi, i quali dovranno coprire circa il 72% del totale dei terreni. A livello individuale, i residenti saranno responsabili per tutte le questioni di gestione del loro personale pezzo di terra, incluse la strada, l’igiene e la produzione di energia.

Oosterwold, dunque, è una vera e propria provocazione, per dimostrare agli urbanisti che la distribuzione della collaborazione e del consenso può aiutare a realizzare approcci di sviluppo urbano maggiormente sostenibili ed egualitari. Allo stesso tempo, però, per quanto riguarda l’organizzazione e la gestione della comunità si dovrà basare su principi diversi rispetto a quelli della collaborazione e cooperazione. Infatti, se la fase di programmazione vedrà la partecipazione collettiva della comunità, il progetto ultimato dovrà supportare invece un modello di consumo basato sulla proprietà privata, in cui, ad esempio, il trasporto e l’allocazione delle risorse passeranno in secondo piano rispetto alle questioni basilari legate all’acqua, al cibo e all’igiene. E’ una sorta di ritorno al passato, alla vita che si svolgeva nei piccoli centri, in chiave contemporanea e tecnologica.

Sul piano economico e dello sviluppo, il progetto rappresenta qualcosa di più complesso della semplice distruzione dei tradizionali processi di pianificazione urbana. Si tratta di re-immaginare il quartiere come una piattaforma condivisa per l’innovazione e che assume un comune approccio per la produzione, lo sviluppo e il consumo. Questo significa che il metodo DIY presenterebbe dei limiti nel caso fosse attuato per meri motivi economici e a scopo di lucro.

Oosterwold, comunque, rappresenta una rivoluzione in campo urbanistico: si tratta di un vero e proprio test di sviluppo urbano collaborativo, in cui la città in quanto creazione, viene realizzata dagli stessi cittadini. In quest’ottica Adri Duivesteijn, consigliere di Almere afferma che “la visione che cerchiamo per Almere è più di un masterplan, dovrebbe riuscire a suggerirci un’evoluzione della città in termini economici, culturali e sociali. Al di là dei numeri esorbitanti, non crediamo che questa espansione debba essere interpretata come uno sforzo quantitativo ma qualitativo”. E non è un caso se Oosterwold sarà una zona che potrebbe dirsi più vicina a una sorta di “urbanesimo rurale”. Non è un modello definitivo da seguire alla lettera, continua Duivesteijn, piuttosto una traccia flessibile che guidi la crescita della città, e sia nutrita da stimoli e suggerimenti cercati in un continuo dialogo con la città stessa”.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende