Home » Nazionali »Politiche »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Roma vara il piano d’azione per l’energia sostenibile. La parola a Corrado Clini:

Roma vara il piano d’azione per l’energia sostenibile. La parola a Corrado Clini

Misure per il miglioramento dei trasporti pubblici e della mobilità, realizzazione di impianti fotovoltaici e di teleriscaldamento, riqualificazione energetica degli edifici. Non si tratta della solita “fuffa” tinta di verde ma di un “piano di azione per l’energia sostenibile” – concreto, misurabile, realistico – rivolto alla capitale, con uno scenario di attuazione modulare che si protrae fino al 2020.

Di questo documento di attuazione ma, soprattutto, delle misure previste, Greenews.info ha discusso con la persona indubbiamente più competente in materia, Corrado Clini. Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente dal 1990, Clini è oggi anche Presidente dell’Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici, l’organismo nato nel 2010, per volontà della giunta capitolina, che ha curato la redazione del piano. È “Focal Point” dell’Italia per la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, presiede la Global BioEnergy Partnership (un’iniziativa del G8/G20 per la promozione delle bioenergie a livello globale), mentre, a livello internazionale, è membro del gruppo di consulenza per lo sviluppo sostenibile del Premier cinese e presidente dell’Organizzazione Intergovernativa  “Regional Environment Center” di Budapest.

D) Direttore, come responsabile dei programmi italiani e internazionali per lo sviluppo sostenibile del Ministero, lei ha promosso, negli ultimi 10 anni, la realizzazione di oltre 1.500 progetti in Italia e più di 400 in 30 paesi in via di sviluppo. In quale contesto nasce questo piano di azione e con quali obiettivi?

R) Nel 2009, Comune di Roma e Ministero dell’Ambiente hanno siglato un accordo che si propone fondamentalmente due obiettivi: la promozione dello sviluppo sostenibile della città e un piano per la mobilità. Quaranta milioni di euro è la cifra che il Ministero ha investito in questa direzione e questo documento definisce in modo molto particolareggiato tutte le linee di indirizzo sulle azioni che Roma sta già compiendo e su quelle che intende portare avanti in tema di sostenibilità. Dunque, si tratta di un documento programmatico che dovrebbe orientare politiche di investimento, pubbliche e private.

D) Il piano non contiene quindi solo strategie e programmi, ma definisce le misure che l’Amministrazione comunale dovrà adottare per far diventare Roma una città “sostenibile”. Il 2020 non è però così lontano…

R) Certamente è un’operazione complessa, però non dimentichiamo che Roma si candida alle Olimpiadi, e allora questa diventa una piattaforma per i Giochi del 2020 (che è anche la scadenza che l’Europa si è data per la riduzione del 20 per cento di CO2). Il dato interessante – a riprova del fatto che, se partiamo subito con gli interventi programmati, possiamo farcela - è che alcune iniziative sono già partite.

D) Quali? Ci racconta le misure concrete disegnate nel piano della mobilità?

R) Per esempio, la scorsa settimana è stato presentato il piano di sostituzione del parco pubblico di automobili, con auto elettriche, ibride o a biometano. Quest’azione, cofinanziata dal Ministero dell’Ambiente, però, non si limita semplicemente a cambiare le auto di servizio, ma va a rafforzare una serie di progetti, già messi in cantiere, che puntano alla pedonalizzazione del centro storico di Roma: un centro storico unico al mondo e fruibile. Esattamente il valore aggiunto che la capitale può offrire rispetto agli altri candidati europei alle Olimpiadi. Poi è già in vigore, adottato con delibera dalla Giunta nel marzo 2010, il piano della ciclabilità: entro il 2020, si punta ad aumentare l’attuale percentuale di spostamenti in bicicletta (pari allo 0,4 per cento) fino al 12 per cento, con la realizzazione di piste ciclabili, servizi di supporto alla ciclabilità come parcheggi per biciclette e servizi di trasporto innovativi nel Tridente romano. Infine, nel medio periodo, dovrebbero concludersi i lavori della linea metropolitana C e questo contribuirebbe a un nuovo scenario infrastrutturale.

D) Per quanto riguarda l’altro obiettivo, quello della riqualificazione eco-efficiente degli edifici?

R) Prioritario. A partire dal centro storico. Riqualificarlo e farne un luogo in cui, i palazzi – pubblici e privati – pur conservando le caratteristiche architettoniche – diventino ecoefficienti riduce i costi di manutenzione, quelli energetici che sono altissimi, e dà più valore allo stabile stesso.

D) Parliamo però di somme enormi, come farete a coprire i costi?

R) Più che un costo si tratta di un investimento: noi andiamo incontro a una direttiva europea che dobbiamo recepire e che punta proprio all’eco-efficienza nell’edilizia. Allora, il successo di un programma di questo tipo, realizzato nella capitale, potrebbe avere effetti importanti ovunque. Pensi alla riqualificazione di Venezia, che è stata in parte proprio ricostruita attraverso la partecipazione di finanziamenti pubblici e costruttori privati!

D) Ci può illustrare le iniziative in cantiere per quanto riguarda la riqualificazione e l’efficientamento energetico?

R) Ce ne sono diverse: entro il prossimo biennio, è prevista l’installazione di impianti fotovoltaci sulle coperture di 512 scuole romane e sui due grandi cimiteri della capitale, ma anche sui parcheggi pubblici e sulle rimesse e officine di aziende municipalizzate romane, come l’Atac, società responsabile del trasporto pubblico urbano. Entro il 2015, è stato programmato il recupero urbanistico di tre grandi aree periferiche della città, con la riqualificazione di edilizia ex-abusiva esistente; è stata pianificata, nel breve periodo, anche la riqualificazione del più importante corridoio di ingresso alla capitale: il Viadotto della Magliana, con interventi di efficienza energetica e di riduzione dell’inquinamento acustico; ed esiste il progetto di un anello di teleriscaldamento all’Eur, dettato dalla necessità di fornire energia al vasto patrimonio immobiliare  pubblico del quartiere residenziale.

D) Quanto invece alla riqualificazione energetica dell’edilizia residenziale pubblica?

R) Il piano pianifica interventi di questo genere – dunque, di isolamento termico, sostituzione degli infissi, efficientamento degli impianti, utilizzo fonti rinnovabili o assimilate – su quasi 1.900.000 metri quadrati di abitazioni, le cui prestazioni energetiche risultano scadenti e conducono a consumi esagerati, provocando un taglio di consumi ed emissioni di CO2 pari al 50 per cento rispetto alle attuali. Stesso tipo di interventi saranno condotti su alcuni edifici scolastici pilota, settore quest’ultimo particolarmente energivoro (con stabili che nel centro storico risalgono a prima della seconda guerra mondiale e altri costruiti negli anni ‘50), insieme alla riqualificazione energetica di 50 piscine pubbliche e private. Infine è stato pianificato un intervento di progressiva sostituzione dell’illuminazione pubblica sulle circa 5.000 strade distribuite sul territorio della capitale, con lampade a tecnologia Led. E il riassetto dell’intera rete elettrica comunale, con interventi di ammodernamento che ridurranno l’impatto ambientale. All’insegna dell’efficienza energetica.

D) E l’edilizia residenziale privata?

R) L’intervento previsto tra le azioni del piano per l’energia sostenibile parla di una riqualificazione energetica che coinvolge l’intero parco residenziale del Comune di Roma, pari a circa 90 milioni di metri quadri di abitazioni, di cui il 75 per cento è stato costruito prima degli anni ’80, dunque, antecedenti alla prima legge sul contenimento energetico del 1976. Nel piano esiste anche una misura, flessibile e in grado di adattarsi alle specifiche situazioni, rivolta alle strutture ricettive della capitale: parliamo di quasi mille esercizi con un indice abbastanza elevato di consumi. Si pensa alla sottoscrizione di un accordo tra albergatori e Roma Capitale, in forza del quale, accanto alle “stelle” della classificazione internazionale, si sia obbligati a esibire una “targa” energetica, rilasciata dall’Amministrazione comunale sulla base del rispetto di alcuni standard.

D) Può affermare, dunque, che esiste una sintonia su questi temi con l’amministrazione?

R) Sì, direi di sì: certamente, la realizzazione di questo piano comporta, da subito, una profonda riforma interna all’amministrazione, organizzata  – come è fisiologico – sulla gestione del presente. Ecco, occorrerebbe “ritararsi” sulla progettazione del futuro, che poi è il senso di queste misure. Ma credo ci siano gli elementi per raccogliere la sfida.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende