Home » Eventi »Progetti » Urbanizzazione selvaggia in Lombardia: 80 metri quadri al minuto:

Urbanizzazione selvaggia in Lombardia: 80 metri quadri al minuto

settembre 30, 2011 Eventi, Progetti

Povera Patria, verrebbe da dire dopo la valanga di percentuali e numeri snocciolati durante la presentazione del volume “L’uso del suolo in Lombardia negli ultimi 50 anni a cura dell’Ersaf, tenutasi ieri al Pirellone. Territorio smaterializzato e globalizzato, paesaggio ibrido: ecco la diagnosi degli esperti sulla degenerazione della megalopoli. La terapia? Semplice: il “risparmio del suolo“, secondo l’Assessore Regionale al Territorio e Urbanistica Daniele Belotti, oppure la “qualità del suolo“, per Alessandro Colucci, delega ai Sistemi Verdi, o ancora, “più paesaggio e compensazione all’utilizzo del suolo agricolo“ secondo Giulio De Capitani, Assessore Regionale all’Agricoltura. Le formule sono indubbiamente suggestive, ma, nei fatti, è così facile metterle in pratica?

All’incontro erano presenti anche gli undici autori che hanno affrontato il tema della modifica del territorio e dei disastri causati dall’urbanizzazione. Numerosissimo il pubblico in sala, segnale di come il tema - pur non ”mediatizzato” – sia fortemente sentito da tutta la comunità lombarda.

Il testo è frutto di un presidio stabile di monitoraggio dell’uso del suolo, con mantenimento e aggiornamento delle banche dati, che derivano anche da immagini aeree rilevate storicamente e poi confrontate. L’obiettivo del progetto è quello di mettere a disposizione di tutti i soggetti interessati le informazioni necessarie - continuamente aggiornate - per promuovere e coordinare la realizzazione di servizi e un corretto sviluppo dell’attività di pianificazione e di programmazione territoriale. Anche alla luce del Ptr (Piano Territoriale Regionale) approvato dal Consiglio Regionale a gennaio 2010.

Bastano alcune cifre per capire l’entità della ricerca. L’aumento delle aree urbane, cresciute a discapito di quelle agricole, è del 10% negli ultimi 50 anni. “Un dato significativo – racconta l’assessore De Capitani – visto che la Lombardia è la principale regione agricola nazionale e che ha il maggior numero di prodotti Doc (oltre 300)”. Le aree agricole hanno perso il 21,5% della loro estensione a causa dell’accentramento metropolitano, dello sviluppo periferico, della decadenza delle aree marginali e isolate, dei problemi legati all’infrastrutturazione e alla crescita delle aree ad uso industriale, che poi, con la de-industrializzazione, sono diventate aree dismesse e degradate.

Mutazioni dell’esistente e contraddizioni, spiega con il suo intevento l’assessore Belotti: “Siamo tutti pronti a parlare di salvaguardia, ma poi a fare anticamera davanti agli uffici dei sindaci ci sono tanti cittadini a chiedere di tramutare aree agricole in commerciali o residenziali. Non solo. Abbiamo tanti agricoltori che hanno smesso di seminare grano per iniziare a seminare pannelli fotovoltaici, tante le amministrazioni che danno il via libera ai centri commerciali, violentando il paesaggio, c’è poi l’annoso problema delle aree dismesse che però vanno bonificate, allora poi si devono costruire discariche che i comitati dei cittadini non vogliono”. E allora cosa bisogna fare? “La sfida nasce con la sensibilizzazione dei cittadini e delle amministrazioni ed è una sfida necessaria se vogliamo proteggere i nostri figli dai disatri ambientali“, conclude Belotti. “Ricordiamoci che il Seveso ha esondato 90 volte dal 1976”.

Dati che fanno paura: “330mila ettari le aree antropizzate che crescono ad un ritmo di 12 ettari al giorno, 80 mq al minuto”, spiega Stefano Brenna dell’Ersaf. Così nello spazio di 50 anni la superficie occupata e costruita è aumentata del 7,1% sull’intero territorio nazionale, ma quello che stupisce è che in Lombardia la percentuale raddoppia e schizza del 14% nel 2007. “Abbiamo un territorio di villette a schiera, campi da golf, resort per il wellness e capannoni”, dice il sociologo Aldo Bonomi. “Il confronto delle carte mette in evidenza che a partire dagli anni ’50 ad oggi la città sia andata verso il contado e il contado verso la città e lo sguardo della memoria si perde continuo tra gli iperluoghi. Un buco nero del presente che ci avvisa: non c’è più tempo da perdere”.

L’idea di città circondata dallo spazio rurale è ormai scomparsa” dice Arturo Lanzani, docente di Geografia del Paesaggio e dell’Ambiente al Politecnico di Milano, che si è soffermato sull’analisi dei fondovalle montani e della pianura asciutta. “Per garantire efficienza e qualità a questo spazio urbanizzato bisognerebbe potenziare la rete del trasporto pubblico, rinnovare il patrimonio edilizio, incentivare una politica di tutela attiva agricola ecologica e più accortezza negli investimenti pubblici”.

Sul costruito e i fenomeni di trasformazione delle aree dismesse si è concentrata Cecilia Bolognesi, architetto e ricercatrice del Politecnico del capoluogo lombardo: “Dismesso, bonificato e rimesso, tre parole d’ordine. La conoscenza della dismissione delle aree è la strada migliore per il riutilizzo dei territori che vengono restituiti. Nel 2008 un rilevamento dell’Ance ha evidenziato che il lasso di tempo di 150 anni aveva trasformato i territori e restituito alla città una superficie di dismissione di 1.376.961 mq. A queste rimangono da aggiungere 1.200.000 mq di dismissione di scali ferroviari e 775.548 mq di caserme. Riconvertire, insomma“. Ricette, studi e soluzioni. Storici, sociologi, geografi, agronomi, pianificatori, forestali, tecnici del territorio e dell’ambiente si arrovellano per interrompere il saccheggio, ma a gran voce, tutti chiedono il necessario intervento della politica, senza il quale si rimane sul frustrante piano della “teoria”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende