Home » Eventi »Progetti » Urbanizzazione selvaggia in Lombardia: 80 metri quadri al minuto:

Urbanizzazione selvaggia in Lombardia: 80 metri quadri al minuto

settembre 30, 2011 Eventi, Progetti

Povera Patria, verrebbe da dire dopo la valanga di percentuali e numeri snocciolati durante la presentazione del volume “L’uso del suolo in Lombardia negli ultimi 50 anni a cura dell’Ersaf, tenutasi ieri al Pirellone. Territorio smaterializzato e globalizzato, paesaggio ibrido: ecco la diagnosi degli esperti sulla degenerazione della megalopoli. La terapia? Semplice: il “risparmio del suolo“, secondo l’Assessore Regionale al Territorio e Urbanistica Daniele Belotti, oppure la “qualità del suolo“, per Alessandro Colucci, delega ai Sistemi Verdi, o ancora, “più paesaggio e compensazione all’utilizzo del suolo agricolo“ secondo Giulio De Capitani, Assessore Regionale all’Agricoltura. Le formule sono indubbiamente suggestive, ma, nei fatti, è così facile metterle in pratica?

All’incontro erano presenti anche gli undici autori che hanno affrontato il tema della modifica del territorio e dei disastri causati dall’urbanizzazione. Numerosissimo il pubblico in sala, segnale di come il tema - pur non ”mediatizzato” – sia fortemente sentito da tutta la comunità lombarda.

Il testo è frutto di un presidio stabile di monitoraggio dell’uso del suolo, con mantenimento e aggiornamento delle banche dati, che derivano anche da immagini aeree rilevate storicamente e poi confrontate. L’obiettivo del progetto è quello di mettere a disposizione di tutti i soggetti interessati le informazioni necessarie - continuamente aggiornate - per promuovere e coordinare la realizzazione di servizi e un corretto sviluppo dell’attività di pianificazione e di programmazione territoriale. Anche alla luce del Ptr (Piano Territoriale Regionale) approvato dal Consiglio Regionale a gennaio 2010.

Bastano alcune cifre per capire l’entità della ricerca. L’aumento delle aree urbane, cresciute a discapito di quelle agricole, è del 10% negli ultimi 50 anni. “Un dato significativo – racconta l’assessore De Capitani – visto che la Lombardia è la principale regione agricola nazionale e che ha il maggior numero di prodotti Doc (oltre 300)”. Le aree agricole hanno perso il 21,5% della loro estensione a causa dell’accentramento metropolitano, dello sviluppo periferico, della decadenza delle aree marginali e isolate, dei problemi legati all’infrastrutturazione e alla crescita delle aree ad uso industriale, che poi, con la de-industrializzazione, sono diventate aree dismesse e degradate.

Mutazioni dell’esistente e contraddizioni, spiega con il suo intevento l’assessore Belotti: “Siamo tutti pronti a parlare di salvaguardia, ma poi a fare anticamera davanti agli uffici dei sindaci ci sono tanti cittadini a chiedere di tramutare aree agricole in commerciali o residenziali. Non solo. Abbiamo tanti agricoltori che hanno smesso di seminare grano per iniziare a seminare pannelli fotovoltaici, tante le amministrazioni che danno il via libera ai centri commerciali, violentando il paesaggio, c’è poi l’annoso problema delle aree dismesse che però vanno bonificate, allora poi si devono costruire discariche che i comitati dei cittadini non vogliono”. E allora cosa bisogna fare? “La sfida nasce con la sensibilizzazione dei cittadini e delle amministrazioni ed è una sfida necessaria se vogliamo proteggere i nostri figli dai disatri ambientali“, conclude Belotti. “Ricordiamoci che il Seveso ha esondato 90 volte dal 1976”.

Dati che fanno paura: “330mila ettari le aree antropizzate che crescono ad un ritmo di 12 ettari al giorno, 80 mq al minuto”, spiega Stefano Brenna dell’Ersaf. Così nello spazio di 50 anni la superficie occupata e costruita è aumentata del 7,1% sull’intero territorio nazionale, ma quello che stupisce è che in Lombardia la percentuale raddoppia e schizza del 14% nel 2007. “Abbiamo un territorio di villette a schiera, campi da golf, resort per il wellness e capannoni”, dice il sociologo Aldo Bonomi. “Il confronto delle carte mette in evidenza che a partire dagli anni ’50 ad oggi la città sia andata verso il contado e il contado verso la città e lo sguardo della memoria si perde continuo tra gli iperluoghi. Un buco nero del presente che ci avvisa: non c’è più tempo da perdere”.

L’idea di città circondata dallo spazio rurale è ormai scomparsa” dice Arturo Lanzani, docente di Geografia del Paesaggio e dell’Ambiente al Politecnico di Milano, che si è soffermato sull’analisi dei fondovalle montani e della pianura asciutta. “Per garantire efficienza e qualità a questo spazio urbanizzato bisognerebbe potenziare la rete del trasporto pubblico, rinnovare il patrimonio edilizio, incentivare una politica di tutela attiva agricola ecologica e più accortezza negli investimenti pubblici”.

Sul costruito e i fenomeni di trasformazione delle aree dismesse si è concentrata Cecilia Bolognesi, architetto e ricercatrice del Politecnico del capoluogo lombardo: “Dismesso, bonificato e rimesso, tre parole d’ordine. La conoscenza della dismissione delle aree è la strada migliore per il riutilizzo dei territori che vengono restituiti. Nel 2008 un rilevamento dell’Ance ha evidenziato che il lasso di tempo di 150 anni aveva trasformato i territori e restituito alla città una superficie di dismissione di 1.376.961 mq. A queste rimangono da aggiungere 1.200.000 mq di dismissione di scali ferroviari e 775.548 mq di caserme. Riconvertire, insomma“. Ricette, studi e soluzioni. Storici, sociologi, geografi, agronomi, pianificatori, forestali, tecnici del territorio e dell’ambiente si arrovellano per interrompere il saccheggio, ma a gran voce, tutti chiedono il necessario intervento della politica, senza il quale si rimane sul frustrante piano della “teoria”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende