Home » Recensioni » 99 non fa 100. La saggezza di chi vive in discarica:

99 non fa 100. La saggezza di chi vive in discarica

giugno 1, 2011 Recensioni

Una bottiglietta di plastica riciclata in più o in meno fa la differenza. Perché – è matematica, ma anche filosofia di vita - 99, semplicemente, non fa 100. Il povero Valter non ce l’ha fatta ed è morto di tumore ai polmoni prima di vedere completato il proprio ritratto, ma la sua perla di saggezza popolare è rimasta nel cuore e nelle menti dei catadores di Jardim Gramacho, i raccoglitori di rifiuti della discarica di Rio de Janeiro a cui è dedicato “Waste Land“, il film di Lucy Walker che ieri sera ha inaugurato la 14°edizione del Festival Cinemamabiente di Torino.  

In realtà il film, candidato agli Oscar come miglior documentario, è un omaggio a Vik Muniz, l’artista brasiliano divenuto celebre nel mondo per i suoi ritratti: grandi set minuziosamente costruiti con materiali locali di recupero, che scompaiono dopo essere stati immortalati in fotografia. Ma Vik, giunto a Jardim Gramacho con un progetto artistico ben preciso in mente, sembra diventare, nel corso del film, un tuttuno umanamente inseparabile con la gente della più grande discarica del mondo.

Le opere che ne usciranno saranno un capolavoro. E se l’essenza dell’opera d’arte, come diceva Heidegger, è la capacità di aprire un mondo, svelare la verità dell’essere nascosta nella quotidianità, allora anche “Waste land” è un assoluto, fantastico capolavoro – toccante nella sua dimensione brutalmente umana e illuminante per la capacità, più di ogni altra opera che io abbia conosciuto, di comunicare la drammaticità di un problema, quello della produzione incontrollata di rifiuti, ormai insostenibile a livello planetario

Guardando “Waste land” ci si commuove, per le storie del giovane e ingenuo visionario Tiao, della fragile Isis, dell’inaffondabile Suelem e dei loro amici, personaggi tragici ma veri, colti in tutta la loro complessità emotiva, tra un sorriso inaspettato e le lacrime del crollo psicologico.  Si impara anche a non lamentarsi per quello che si ha, ma semmai a reagire per cambiare. Ma, per ultimo, si prova rabbia e dolore, di fronte alla rappresentazione di condizioni umane e ambientali inaccettabili per qualsiasi paese che voglia dirsi “civile“.

La grandezza di Vik Muniz emerge infatti, più che nei ritratti che creerà coinvolgendo i suoi catadores (il mezzo), nel restituire loro un futuro, una nuova prospettiva da cui ripartire (il fine).

Fantastiche, infine, le musiche di Moby che accompagnano il film. E una scena su tutte: quella di Tiao e amici che “analizzano”, meglio di profiler dell’FBI, le tipologie di monnezza per risalire al proprietario. Della serie dimmi cosa butti e ti dirò chi sei.  ”I poveri – conclude amaramente Tiao - hanno  sacchetti della spazzatura più piccoli“.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende