Home » Recensioni » “Cibo vero”: storie di passione per la terra all’origine del cibo:

“Cibo vero”: storie di passione per la terra all’origine del cibo

giugno 27, 2012 Recensioni

Per fare cibo vero ci vuole agricoltura vera. E per fare agricoltura vera sono necessarie le persone, persone vere”. “L’unico modo di raccontare che cosa significa cibo vero, è quello di raccontare le persone vere, o meglio: lasciare che loro si raccontino”. Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, lo scrive nella postfazione, quando i racconti degli agricoltori ci sono passati davanti uno per uno. Ma queste frasi in realtà sono perfette per introdurre, meglio di qualunque altro commento, il libroCibo vero. Storie di passione per la terra, promosso dal marchio di biologico Alce Nero e edito da Giunti, che sarà presentato oggi a Milano.

Il volume a cura di Rita Brugnara, corredato da belle foto e video (di Alberto Callari e Paolo Panzera) da guardare on line, è il risultato di un viaggio nell’Italia agricola più autentica, iniziato a giugno 2011 in Basilicata e concluso nel cuore delle Dolomiti a fine novembre. Una raccolta di storie di agricoltori biologici legati in modo profondo alla terra che coltivano, a cui li unisce non solo il lavoro, ma elementi più profondi: l’anima, l’identità, i sentimenti, l’amore.

Persone vere come Paolo Steccanella, che a Legnago (Verona) produce frutta, cereali e ortaggi. Dopo aver lavorato nell’industria, nel 1980 è rientrato nell’azienda paterna: “Tutto il tempo libero lo passavo nei campi e allora ho deciso che tanto valeva lasciare l’altro lavoro: questo mi piace di più”. O come Nicola Cecere, titolare di un allevamento di bufale a Cancello e Arnone (Caserta). Una terra conquistata, voluta, desiderata: “Mio padre non avrebbe mai voluto che io venissi a vivere in questo territorio, mi voleva mandare via. Io invece voglio stare qui e desidero che mio figlio viva in questo luogo”.

Sono in tutti i casi agricoltori che hanno per la terra un amore forte. “La terra per me è un dono”, dice Francesco Denora, produttore di cereali di Altamura (Bari). “E’ un patrimonio culturale da ricevere, da custodire, da riconsegnare. E’ un’eredità”, spiega Arturo Santini, a capo di un’azienda frutticola di Cesena. E un sentimento simile unisce gli uomini agli animali. “Con le api ho un rapporto stretto: sono un tutt’uno con loro; è importante per me sentirle dentro di me”, racconta Serena Alunni, apicoltrice a Isola del Piano (Urbino). “Essere tutto il giorno accanto agli animali ti dà tanto. Tutto quello che ti manca dall’esterno te lo danno gli animali, te lo dà la terra”, spiega Roberta Tedeschi, che lavora nell’allevamento di famiglia.

Un rispetto quasi religioso, da cui per tutti è venuta quasi naturale, come una conseguenza necessaria, la scelta del biologico. Una scelta che, dice Gaetano Zenti, produttore di ortaggi di Isola della Scala (Verona), “si conquista stando vicino, lavorando, affrontando anche qualche sconfitta. Ma nel tempo si vede che porta benefici anche a me che lavoro, che sono tranquillo, che mi approccio alla terra con serenità, con osservazione, senza l’ansia di dover fare in continuazione”.

L’agricoltore, e ancor più l’agricoltore biologico, è un lavoro che si fa sempre per passione. I margini, infatti, per le aziende sono scarsi e non si diventa ricchi coltivando la terra. Maria Desiante, giovane titolare della masseria di famiglia a Gravina di Puglia (Bari) lo spiega con una metafora: “Devi essere ammalato di terra. Diversamente non ce la fai ad andare avanti”. Ed è grazie a questi “intellettuali della terra”, come li chiama Petrini, che si può “ridare senso all’atto di nutrirsi. Un atto che può essere agricolo, ecologico, paesaggistico e di giustizia sociale se solo lo vogliamo, se solo condividiamo un po’ del loro sapere e facciamo le giuste scelte al momento della spesa”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende