Home » Recensioni » Conflitti ambientali. Biodiversità e democrazia della Terra:

Conflitti ambientali. Biodiversità e democrazia della Terra

luglio 1, 2011 Recensioni

Al passo coi fatti recentemente accaduti in Val di Susa, per la costruzione della TA, si torna a parlare di conflitti ambientali. Se nella teoria molti hanno provato a dare una definizione di questi processi, “nella pratica, un conflitto ambientale si manifesta quando progetti di opere pubbliche o private (energetiche, infrastrutturali, produttive, di smaltimento) oppure politiche nazionali o sovranazionali con rilevanti impatti ambientali incontrano -o meglio si scontrano con- l’opposizione della società civile: residenti, associazioni, comitati ecc”.

Si è dunque di fronte a un “conflitto ambientale” – secondo quanto propone l’omonimo libro edito da Edizioni Ambiente in collaborazione con il Centro di documentazione sui conflitti ambientali – quando cittadini, studenti e sindaci protestano contro un cantiere dell’alta velocità, o quando mamme disperate e negozianti inferociti scendono in strada per manifestare contro gli accumuli di spazzatura di una città come Napoli.

E lo fanno, questa la tesi, con pieno diritto, perché la natura è anche loro. Ce lo insegnano bene le popolazioni indigene, per cui “la relazione con l’ambiente è basata non sulla esclusiva necessità di utilizzare risorse al fine di trarne giovamento o profitto, ma soprattutto sulla dimensione spirituale e cosmogonica del rapporto che definisce l’equilibrio tra essere umano e sistema ecologico. Differenza sostanziale, che porta le popolazioni indigene a rivendicare e articolare metodi di gestione dell’ambiente in armonia con la natura, la pace, il senso di comunità e solidarietà”.

Sulla base di questo essere e sentire, della natura vissuta come strumento di appartenenza e identità, sono state proprio le popolazioni d’oltreoceano a portare avanti alcuni dei processi politici e sociali più forti di questi ultimi anni, ad affrontare le minacce esterne che stavano mettendo in pericolo le loro terre.

E quasi sempre è la mente dell’uomo che pensa e vuole queste disfatte. “Il programma di lavoro della Convenzione Onu per la biodiversità indica le seguenti cause dirette di perdita di biodiversità (causa immediata dei conflitti e disastri ambientali, NdA): invasione di specie estranee, cambiamenti climatici, inquinamento, stravolgimento degli habitat fino alla distruzione, ipersfruttamento. Insieme a queste cause dirette opera una serie di cause indirette che interagiscono e vanno dai fattori demografici a quelli economici, sociopolitici, culturali, religiosi, scientifici, tecnologici. Essi influenzano le attività umane in modi che poi impattano sulla biodiversità”.

Il testo “Conflitti ambientali. Biodiversità e democrazia della Terra” propone una carrellata dei più grandi scontri e conflitti nati da un imponente e spesso irrispettoso sfruttamento dei territori, in America Latina, Asia, Medio Oriente e Africa, dove soprattutto le multinazionali hanno occupato intere zone per puro profitto economico.

A queste violenze la popolazione risponde, “la comunità locale si fa globale, per confrontarsi con la governance mondiale e mettere in campo strumenti capaci di rispondere alla crisi del sistema che sta portando alla più grave emergenza ambientale a cui l’umanità abbia assistito”. Dal sud al nord del mondo, insomma la partecipazione è alta, le reti forti e i movimenti decisi.

La lotta per la tutela della biodiversità, contestualizzata, ci appare quindi come un impegno molto più grande rispetto a quanti continuano a immaginarla come qualcosa di scollegato dai modelli di sviluppo e relazionali dominanti. Abbiamo invece verificato come sia esattamente il contrario. La perdita di biodiversità certifica il conflitto in atto tra uomo e natura, tra il modello capitalista e la democrazia della Terra”. “Più rafforzeremo il campo del buen vivir – concludono gli autori – e più grandi saranno dunque le possibilità di uscire dalle crisi e di salvaguardare la più grande ricchezza e il più importante dono che l’uomo abbia ricevuto tra le sue mani: la biodiversità”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende