Home » Recensioni » -Spr+Eco. Formule per non alimentare lo spreco:

-Spr+Eco. Formule per non alimentare lo spreco

novembre 16, 2010 Recensioni

Courtesy of AltanSi legge tutto d’un fiato questo botta e risposta tra il professore di Politica Agraria, ordinario all’Università di Bologna, Andrea Segre, e lo psicologo e giornalista radiofonico Massimo Cirri. Ma ciò che vuole trasmettere resta ben impresso, fa riflettere, diventa un monito: non sprecate, ci dicono a gran voce, non diventate schiavi della società dei consumi, restate lucidi mentre spingete il carrello tra gli ordinati scaffali del supermercato, controllate il vostro frigorifero e la vostra dispensa prima di stilare una chilometrica lista della spesa!

Questo libro in forma di dialogo, edito da Promomusic (€ 12,50, pp.160), nasce dalla volontà di mettere nero su bianco il messaggio di uno spettacolo teatrale realizzato da Volpe&Sain per il festival Lagunamovies, dal titolo –Spr+Eco. Formule per non alimentare lo spreco ed è diviso in due parti. Nella prima, i due autori si interrogano sui meccanismi della grande distribuzione, sulle distorsioni dell’economia globale che portano inevitabilmente agli sprechi (eccedenze alimentari che potrebbero diventare risorsa) e alla paradossale lotta tra affamati e ipernutriti e prospettano nuovi stili di vita, mutamenti nei meccanismi ormai consolidati che pongano fine a questa giostra impazzita. Nella seconda parte vengono quindi presentati alcuni esempi di soluzioni concrete che sono state sperimentate, con successo, in questi anni, dal Last Minute Market (progetto dello stesso Segre), alla strategia dei Rifiuti Zero, passando per gli Orti Urbani e i Farmer’s Market.

Nell’ “impero dell’emporio“, come viene ribattezzato il nostro modello di società basato essenzialmente sulla  creazione di bisogni e sulla soddisfazione degli stessi attraverso l’acquisto, sono possibili anche altre forme di vita felice e appagante: che non significa eliminare acquisti e consumi, ma semplicemente “decrescere”, come direbbe Maurizio Pallante, evitando lo spreco e migliorando l’impatto ambientale.

Cosa dobbiamo, dunque, fare?

Segre risponde chiaramente: “Dobbiamo pensare alla sufficienza, sprecare di meno. Questo è un imperativo etico. Lo spreco è dappertutto, siamo circondati. Eliminarlo è impossibile, ridurlo si può. Soprattutto non dobbiamo alimentarlo. Arrivare a una nuova razionalità ecologica cercando l’abbastanza quando ancora il troppo è possibile. Dobbiamo protestare contro la cultura dell’eccesso, dell’esagerazione”. Dobbiamo applicare cioè, nella quotidianità,  una formula semplice da elaborare, ma difficile da rispettare: -spreco + ecologia = sufficienza.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende