Home » Impressioni di viaggio »Recensioni »Rubriche » Il Paradiso perduto (e ritrovato):

Il Paradiso perduto (e ritrovato)

Prosegue, con le impressioni di viaggio di Andrea Gandiglio in Cornovaglia e Devon (Regno Unito), la nostra serie di affreschi per capire meglio come la sostenibilità ambientale viene vissuta ed esercitata nei principali Paesi del mondo.

The Eden Project, St. Austell, Copyright Greenews.info Mentre le trattative politiche sul dopo-Copenhagen continuano a stagnare e l’Unione Europea sembra avere, nel suo complesso, abbandonato l’ambizione del 30% di riduzione unilterale delle emissioni al 2020, la Gran Bretagna – com’è abitudine nell’amorevole (o odiosa, a seconda dei punti di vista) mentalità dei suoi abitanti – prosegue per la propria strada.

Già nel 2008 il Governo Britannico di Sua Maestà aveva reso esecutivo il Climate Change Act, prima legge al mondo che rende obbligatorio (e non solo auspicabile), nel Regno Unito, un calo delle emissioni di almeno l’80% entro il 2050.  Nel 2009 l’esecutivo ha poi varato il Low Carbon Transition Plan, un piano strategico che mira a ridurre, in modo permanente, l’impronta di carbonio del Paese ampliando, al contempo, le opportunità economiche e l’occupazione in un mercato “verde” che, già oggi, occupa 880.000 persone, per un volume di 106 miliardi di sterline.

L’avanguardia di questo nuovo modello di business sembra essersi radicata nelle verdi brughiere dell‘Inghilterra sud-occidentale, tra la Cornovaglia e il Devon, dove ci siamo recati per verificare quanto di questa green revolution si possa già toccare con mano e quanto resti ancora, in forma embrionale, tra gli impegni delle carte parlamentari.

La nostra prima tappa – ansioso obiettivo di recensione sin dalla partenza del tour - ci lascia, a dire il vero, piuttosto delusi. Dopo aver attraversato l’incantevole Exmoor National Park, al confine con la contea di Somerset, e percorso la costa fino a St.Ives, dove si inizia ad assaporare la suggestione della fine della Terra (Land’s End) a favore dell’Atlantico, arriviamo, nei pressi di St. Austell, all’agognato Eden Project, le faraoniche serre realizzate negli anni ’90 e inaugurate nel 2000 come parte del Millenium Project, l’iniziativa con cui il Regno Unito ha voluto celebrare “in maniera duratura” l’avvento del nuovo millennio.

Si tratta di una gigantesca ex cava di argilla a cielo aperto, profonda 60 metri e larga quanto 35 campi da calcio, recuperata attraverso un complesso intervento che ne ha rimodellato la superficie consentendo la costruzione di due biomi, ovvero due serre (le più grandi al mondo) che riproducono rispettivamente l’habitat della foresta pluviale (Rainforest Biome) e quello mediterraneo (Mediterranean Biome), interconnessi e circondati da strutture di passaggio in cui si trovano bar, ristoranti, un centro di accoglienza per i visitatori, negozi, un “palatenda” per il pattinaggio su ghiaccio (in inverno) e un centro per eventi e attività di formazione.

Raccontato così potrebbe sembrare più un misto tra un parco dei divertimenti e un avveniristico centro commerciale che un progetto per riavvicinare la gente alla natura – ma il problema è che ci riesce difficile raccontarlo diversamente. La differenza rispetto a un Disney World o Epcot Centre va infatti ricercata col lanternino nei pur lodevoli impianti per generare elettricità e recuperare il 43% delle acque piovane – destinati tuttavia ad alimentare una realtà artificiale che esige una quantità di acqua ed elettricità nettamente superiore a quella di un più istruttivo parco naturale e che, nel 2007, è costata al contribuente inglese 130 milioni di sterline. Nulla - pur senza fare i partigiani – che il più modesto ma efficace progetto del PAV di Torino debba invidiare. Vista la difficoltà e il costo di muoversi con i mezzi pubblici in Inghilterra (fuori da Londra) e un biglietto d’ingresso non proprio economico (16 sterline!), non ci sentiamo francamente di sostenere che l’Eden Project valga la visita.

La pista di pattinaggio di Eden Project, Copyright Greenews.infoIl "trenino" di Eden Project, Copyright Greenews.infoAppena attraversato il Visitor Centre non crediamo infatti alle nostre orecchie: a dominare il panorama sonoro dell’avvallamento non sono – come potrebbe suggerire il nome del luogo – uccellini dal canto paradisiaco e foglie suonate dai forti venti cornovallesi, ma una pesante musica da discoteca che proviene dall’interno della pista di pattinaggio e il motore diesel di un trattore che scarrozza lungo i tornanti della cava i visitatori curiosi di scoprire la biodiversità vegetale della Cornovaglia, ricostruita sulle sponde del sito. A parte il fatto che il percorso si può tranquillamente percorrere a piedi, ma la domanda che sorge spontanea è: per scoprire la stupenda vegetazione della Cornovaglia non è meglio farsi una bella (e gratuita) passeggiata nei boschi locali?

La pacchiana rappresentazione della California nel Mediterranean Bioma, Copyright Greenews.infoNell’ Editoriale 2010 abbiamo sostenuto la tesi che, per conquistare un pubblico più ampio alla causa ambientale, sia necessaria, oggi, una visione più “gioiosa” e meno punitiva (o privativa) della sostenibilità, ma non è questo il modello che intendiamo. Non si può pensare di educare i cittadini ad una maggiore sensibilità verso la natura (come l’Eden Project si propone esplicitamente di fare), privandoli del fascino ruvido, silenzioso e selvaggio, della natura stessa per assecondare, attraverso scorciatoie commerciali, i gusti e le abitudini radicate del “consumatore”.

Se volete farvi un’idea di come si possa invece adottare un atteggiamento positivo e conciliare divertimento e sostenibilità proseguite per Totnes, nel Devon, la prima transition town d’Inghilterra – dove abbiamo avuto l’impressione di ritrovare il paradiso perduto nel giardino dell’Eden (Project). Un paradiso certo meno faraonico e stereotipato, più terreno e a misura d’uomo, ma forse, proprio per questo, più desiderabile.

Le città di transizione sono sorte su iniziativa di gruppi spontanei che, animati dalla preoccupazione per i cambiamenti climatici e le conseguenze deleterie del cosiddetto picco petrolifero, operano conl’obiettivo di traghettare l’attuale modello economico e industriale verso un nuovo modello di sostenibilità, svincolato dalla dipendenza petrolifera e caratterizzato da un alto livello di resilienza, ovvero la capacità di un sistema di adattarsi, senza traumi, a nuove condizioni prodotte da eventi climatici, energetici ed economici anche disastrosi. Un modello cioè di saggia prevenzione.

Basta camminare per le graziose vie di Totnes per rendersi conto del significativo numero di ristoranti vegetariani, green cafè, negozi di bio-cosmesi ecc., che presuppongono una catena di produzione e distribuzione impostata su nuove basi. Il clima che si respira non è tuttavia quello da convento francescano e inginocchiamento sui ceci. Tutt’altro. Gli abitanti di Totnes (talvolta descritti dalle guide turistiche come stravaganti, o anche “ecochic”), sembrano vivere con positiva normalità, buon umore ed un certo orgoglio la transizione verso questo modello lungimirante, che fonde tradizione e innovazione.

Se doveste trovarvi da quelle parti affittate una bicicletta in paese e, attraversando la campagna, raggiungete sulla cima della collina la Sharpham Vineyard, una fattoria dove potrete gustare gli inconsueti vini del Devon (ebbene sì, coltivano la vite anche in Inghilterra!) e godere dello stupendo panorama sul fiume Dart. Al ritorno in città, per rifocillarvi, andate invece a cenare al Willow Vegetarian Garden Restaurant e, tra una birra organica e uno squisito curry di verdure biologiche capirete (nel caso aveste ancora dei dubbi)  quanto si possa vivere bene in un mondo riconciliato con l’ambiente, senza rinunciare ai piaceri della vita.

Andrea Gandiglio

Willow Vegetarian Garden Restaurant, Copyright Greenews.infoIl Green Café di Totnes, Copyright Greenews.infoLa vetrina di un negozio di cosmesi biologica, Copyright Greenews.info

Informazioni utili: la Guida Lonely Planet Inghilterra (5°ed. italiana, Settembre 2009, EDT, 28,00 euro) contiene le utili sezioni: Inghilterra Ecosostenibile, Terra Madre (le comunità del cibo in Inghilterra affilliate a Slow Food) e il nuovo Indice Verde per i viaggi ecosostenibili.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende