Home » Recensioni » L’allegra Apocalisse:

L’allegra Apocalisse

dicembre 15, 2010 Recensioni

L'allegra apocalisseLa fine del mondo, nel libro L’allegra apocalisse (Iperborea, pp. 315, 16 euro) del finlandese Arto Paasilinna, arriva nel 2023. Ma non colpisce tutti indiscriminatamente. Almeno un luogo, la piccola comunità di Ukonjärvi, nella Finlandia profonda, si salva. Mentre New York è invasa dall’immondizia, Parigi è ricoperta da sei metri d’acqua e le terre intorno sembrano ormai deserte e tornate a un’epoca arcaica, il villaggio rimane un’isola felice. Grazie a una ricetta particolare e per niente scontata. La comunità nasce  all’inizio degli anni Novanta per volere di Asser Toropainen, gran bruciachiese che in punto di morte affida al nipote Eemeli il compito di costruire proprio una chiesetta di legno. Intorno alla cappella e alla canonica, per molti anni senza prete, si sviluppa gradualmente l’allegra comunità. Un gruppo di alcune migliaia di persone spensierate, che vivono di ciò che producono, in sintonia con l’ambiente.

Da una parte ci sono gli “ecologisti”, un gruppo di giovani arrivati dalla città per impedire l’abbattimento della chiesa, costruita abusivamente. Dall’altra, un esercito strampalato di guardie di frontiera, che difendono la comunità da attacchi esterni. Non sono vegetariani né non violenti, è vero: ma cacciano gli animali solo per il sostentamento e cercano di fabbricare da soli tutto ciò che serve. Quando si trovano per le mani una bomba H durante la guerra, fanno di tutto per metterla in sicurezza e farla scomparire.  L’autosufficienza, sembra dirci Paasilinna, insieme a una vita in sintonia con la natura, è il segreto per vivere un po’ meglio degli altri. E alla fine, Ukonjärvi viene solo lambita dall’apocalisse: l’eco della fine del mondo, nel villaggio, arriva sotto forma di un Natale caldo, con i ghiacci che si sciolgono e i prati verdi. Scenari inconsueti e preoccupanti, ma niente a che vedere con la catastrofe che si è abbattuta sul resto dell’Europa.

Una riedizione dell’insegnamento di Voltaire, «bisogna coltivare il proprio giardino»? Sì, anche se con una venatura più amara: perché in fondo, gli effetti delle catastrofi, in un mondo così globalizzato, ci raggiungono anche nel giardino più isolato e felice. Il romanzo, a metà tra il fantasy e la fantascienza, racconta con grande ironia una storia che si adatta perfettamente ai giorni nostri.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende