Home » Idee »Recensioni » L’Amazzonia di Marcia Theophilo, il respiro del mondo:

L’Amazzonia di Marcia Theophilo, il respiro del mondo

ottobre 24, 2010 Idee, Recensioni

Amazzonia per sempre, Courtesy of cooperativadarwin.itNon ha armi Marcia Theophilo, ma è una guerriera. Una combattente amerindia che si batte da più di quarant’anni per la difesa della foresta amazzonica, che chiama «il respiro del mondo». Marcia, testimonial Unesco 2010 per la biodiversità, è antropologa e poeta e ha scritto molti libri per denunciare la deforestazione selvaggia della sua terra, un «olocausto degli alberi» che riguarda tutti. «Io in realtà sono un’antiantropologa, perché attraverso la poesia cerco di entrare dentro le cose, di raccontare l’anima della foresta», dice sorridendo. All’età di 69 anni, continua nella sua battaglia: gira il mondo, incontra bambini, studenti universitari, presenta libri, partecipa a recital di poesie. Perché «noi siamo alberi e se muoiono loro moriamo anche noi». Oggi pomeriggio, al Pisa Book Festival, Marcia è stata premiata con il premio Green Book per il suo libro Amazzonia sempre… (Darwin Edizioni, pp. 112, 15 euro), una raccolta di poesie corredata dalle bellissime illustrazioni della peruviana Iole Eulalia Rosa e da un glossario con tutti i termini scientifici della foresta più grande del mondo. Da alcuni anni, diversi gruppi di intellettuali ed ecologisti sostengono la sua candidatura al premio Nobel per la letteratura.


D) Marcia Theophilo, da dove nasce questo legame profondo con la foresta?

R) La mia nonna paterna veniva dalla foresta. E’ stata la prima persona che mi ha raccontato i miti della foresta e mi ha fatto sentire questa forte sintonia con la natura. Io attraverso le poesie ho voluto scrivere tutte quelle storie. Ho creato una vera mitologia dell’Amazzonia, dei fiumi, degli alberi, degli animali. Per gli Indios, tutti gli esseri della natura sono sacri e il mio popolo ha verso di loro hanno un rispetto reverenziale. Gli alberi sono il nostro respiro, noi siamo gli alberi.

D) E’ questo che gli Indios hanno da insegnare all’uomo occidentale?

R) Sì, l’Amazzonia è prima di tutto una cultura di rispetto e di difesa del pianeta. E’ anche una metafora del rapporto strettissimo che c’è tra l’uomo e la natura: noi siamo parte di questo ecosistema. Ci sono stati momenti storici tragici in cui tutti dovevamo dire: noi siamo ebrei, o noi siamo palestinesi. In questo momento tutti dobbiamo dire: noi siamo alberi».

D) Un’affermazione che nei paesi industrializzati suona strana…

R) L’ambiente è secondo me ciò che oggi c’è di più rivoluzionario. E’ dall’ambiente che deve partire l’inizio di un nuovo pensiero. Oggi i giovani, al contrario delle persone più anziane, sono sempre più appassionati a questo tema, sentono con fastidio la pressione di un mondo ottuso, che pensa solo ai soldi.

D) Lei viaggia molto. Non ha mai nostalgia dell’Amazzonia?

R) No, mai. Perché io sono l’Amazzonia, io ho l’Amazzonia dentro. Io sono un essere della foresta, e dentro di me porto le ferite dell’Amazzonia distrutta. Per uscire dalla mia terra e arrivare al mondo ho accettato la mia cultura e ho studiato. Non ci si può approcciare al resto del mondo in modo naïf.

D) Marcia, lei ha dedicato tutta la vita alla difesa della sua terra. E’ una missione?

R) No, assolutamente. La missione è una cosa esterna. Io quello che faccio lo sento dentro di me. Io sono quello che faccio.

D) In questi giorni a Nagoya è in corso la Conferenza della parti sulla biodiversità. Si potrebbero prendere delle decisioni anche per fermare la deforestazione. E’ fiduciosa?

R) Non voglio parlare di politica. Io non posso fare altro che denunciare. All’inizio la mia è stata una denuncia molto dura e soprattutto conoscitiva. Negli anni Settanta, quando il governo mi ha esiliato e mi sono trasferita in Italia, ho pubblicato libri molto duri. Poi ho capito che la vera denuncia deve arrivare anche al cuore delle persone e non solo al cervello: così ho cominciato a partecipare a spettacoli e recital di poesie, che emozionano molto la gente. Spero di non diventare così importante che qualcuno decida di farmi sparire. Sto parlando seriamente.

D) Marcia, ha paura? Ha mai avuto paura?

R) No, mai. La mia battaglia me la porto dentro, la sento. Sono una combattente, non posso avere paura.

D) Nelle sue poesie si è paragonata a volte al Kupahúba. Che cos’ha di particolare questo albero?

R) Nella mia vita, ho dedicato agli alberi più di 400 canti. Il Kupahúba è un albero femmina, ed è considerato sacro. L’olio di questo albero è un antibiotico naturale, cura le ferite e anche il cancro. Per questo l’ho scelto, pensando alle ferite che l’uomo ha causato alla foresta:

Albero da te ho preso il dolore selvaggio
quei lamenti nell’aria, nel fiume
fuggono gli animali dai tuoi rami-rifugio
suoni assordanti di scimmie e araras
il tronco annerito dal fuoco cade.
Il bradipo si muove lento, silenzioso
l’ariranha e il tamanduá
orecchio attento ad ogni rumore.
Gli alberi raccontano la loro storia
La loro vita quando è sommersa nelle acque,
fra i pesci che si nutrono dei loro frutti.
Già nel tramonto si alzano i suoni
gridano gli uccelli storditi
negli alberi i jaburus i macucus gli inhambu.
Nel sottobosco il vento è fermo.
Indietro nel tempo i colori vibranti
pubescenti, gonfi di acqua
oggi è giallo, il colore verde all’origine.
Ossa, pezzi di legno, migliaia di insetti.
Si accende un fuoco che abbaglia, acceca.
Chi può togliere questa freccia senza punta?
dove possiamo deporre questo male?
In tutti i luoghi della terra
suoni interferiscono, ricordi di morti.
Il cielo che oggi ti accompagna è senza stelle.
(…)

Respira: è ancora qui la vita
ancora un poco, continua
respira non fermarti
respira, respira, continua
è ancora qui l’inizio della vita.

(Marcia Theophilo, estratto della poesia “Dall’Amazzonia a New York”, dal libro “Amazzonia sempre…”)

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende