Home » Provati per voi »Recensioni » Provati per voi: le sorprese bio del supermercato Naturalia a Bolzano:

Provati per voi: le sorprese bio del supermercato Naturalia a Bolzano

settembre 26, 2011 Provati per voi, Recensioni

Pensate a tutti i prodotti di consumo che accompagnano silenziosamente la nostra vita quotidiana: pane, pasta, chewing gum, bagnoschiuma, sughi, birra, vino ecc. Qui, come in ogni supermercato, li trovate proprio tutti – ma la differenza è che da Naturalia “Der Biomarkt” a Bolzano, sono tutti da agricoltura biologica o biodinamica!

Il negozio è il primo di una mini-catena presente anche a Merano e di proprietà della Bio Gusto S.r.l. che a Bolzano gestisce anche il “bio bistrot” Humus, nel pieno centro di via Argentieri. Al Naturalia di via Brennero 28 si arriva, invece, salendo lungo la strada che porta al Renon, dove si affacciano i vigneti di Santa Maddalena e l’azienda biodinamica Loacker, tra i fornitori di vino del supermercato.

Il nostro scontrino da Naturalia

L’edificio purtroppo non è dei migliori e ricorda più gli orrori architettonici degli anni ’60/’70 che i capolavori di bioedilizia di cui l’Alto Adige è fortunatamente ricco. Anche l’interno non è particolarmente accogliente né emozionante e riprende la struttura classica dei supermercati con corsie e scaffali disposti geometricamente. Ma quando si inizia a prendere in mano i prodotti e leggere le etichette l’esaltazione cresce e ci si rende conto di essere in un posto più unico che raro, per varietà e cura della selezione. Il nostro scontrino, a fine corsa, arriva a 144,30 euro per 42 prodotti, ma il prezzo dei singoli è assolutamente ragionevole e conferma il fatto che i prodotti bio e a basso impatto ambientale, spesso, costano poco di più dei loro equivalenti tradizionali, a fronte di una qualità e di una salubrità decisamente superiori, che si portano dietro ricadute positive su tutta la filiera. Nel nostro carrello il prodotto più economico è la bottiglia in PET di acqua naturale del Monte Rosa da 0,65 euro (perchè non ci sia la Plose locale in vetro non mi è chiaro) e il prodotto più costoso sono i 40 pannolini biodegradabili (al 50%) della tedesca Moltex, da 12,30 euro (3,60 euro in meno che sul sito dell’azienda).

Molti dei prodotti sono estremamente curati anche nel design del packaging e hanno ricevuto premi internazionali. E’ il caso del succo di cocco puro (e bio, ovviamente) a marchio Dr. Antonio Martins, vincitore dei premi Fresh Ideas 2007, Great Taste 2007 e Beverage Innovation Awards 2008. O della Black Cola Now, 100% Organic, prodotta dal birrificio tedesco Neumarkter Lammerbrau, che si è aggiudicata quest’anno il Biomarke des Jahres. Il nostro giudizio è indubbiamente positivo, per il messaggio che trasmettono e per la capacità di sottrarre definitivamente i prodotti biologici dal pregiudizio di “prodotti sfigati” dal punto di vista estetico e di marketing (ormai sempre più lontano dal vero, ma ancora troppo diffuso). E anche il gusto è buono ma, ad essere onesti, il primo ricorda un po’pallidamente l’esperienza di bere da una noce di cocco verde (come solo si può fare, dal vivo, nei paesi tropicali) e la seconda difficilmente sottrarrà clienti alla Coca-Cola. Così come la crema Nuts & Bio di Probios non ruberà il cuore ai fans della Nutella (provate invece la Cioko Crem di Alce Nero…).

Al contrario, non hanno rivali, a nostro avviso, il succo di melograno Biotta (peccato il nome) della svizzera Thurella Schweiz (importato in Italia da Fior di Loto Srl), il miele di asfodelo della cooperativa S’atra Sardigna (l’Altra Sardegna), la Glycyrhiza Glabra, pura “liquirizia zagarese” della calabrese Nature Med, confezionata in una raffinata scatoletta metallica, sapientemente impreziosita con una foglia di alloro, che trasmette quell’idea di “legame con la natura”, che il consumatore si aspetta da un prodotto biologico. Ottime anche le patatine Buon Bio, della torinese Ki, da noi assaggiate nelle versioni Soft Balls (non fritte) e Soft Crock (riso e mais all’olio extravergine d’oliva). Questi prodotti, insieme alle numerose referenze Ecor Baule Volante riequilibrano lo strapotere ”germanico” che domina gli scaffali di alcune categorie merceologiche, come le bevande, le caramelle, gli snack confezionati e la cosmesi.

I chewing gum biologici Chicza

E’infatti tedesco anche il gel per capelli con ingredienti da agricoltura biologica della Sante Naturkosmetik di Salzhemmendorf, che fissa la piega e idrata i capelli grazie alla tenuta di sostanze naturali come lo zucchero vegetale, la glicerina e l’estratto di foglie di betulla. Ma il prodotto davanti al quale è impossibile non esaltarsi (non fosse altro per l’assoluta rarità) è il chewing gum biologico (e biodegradabile) Chicza, prodotto in Messico dal Consorcio Chiclero e importato in Europa dalla Mayan Rainforest Co.Ltd di Felixstowe, nel Suffolk inglese. Per chi non fuma e non può fare a meno della “cicca” gommosa, per scaricare un po’di tensione, questo prodotto è una vera rivelazione. Il lattice che, bollito, fornisce la gomma naturale con cui viene realizzato il chewing gum, è estratto manualmente dagli alberi di Chicozapote, nella foresta pluviale del sud del Messico, senza che questi vengano danneggiati e possano continuare a fornire la materia prima per altri 300 anni. Viene poi aggiunto succo in polvere di zucchero per il 37%, fruttosio per il 24%, succo di agave al 3%, aroma naturale di menta piperita e il gioco è fatto: ecco un fantastico “cicles” naturale gusto spearmint che si presenta come un’unica tavoletta marroncina dalla quale staccare quadratini, come fosse un panetto di cioccolato. Il gusto è ottimo, con una buona persistenza e una piacevole masticabilità. Un solo ingrediente ci insospettisce, per la sigla: E 170… Cosa sarà mai? Basta cercare nella lista degli additivi alimentari su Wikipedia per verificare che si tratta di carbonato di calcio, un colorante di cui francamente non capisco l’esigenza, ma che non compromette la naturalezza e il carattere innovativo del prodotto.

Andrea Gandiglio, provato il 22 settembre 2011

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende