Home » Recensioni » Puliamo il futuro:

Puliamo il futuro

settembre 20, 2010 Recensioni

Forbice.Puliamo.futuro.qxdTutti i sondaggi, anche recenti, affermano che i cittadini, le istituzioni, i sindacati, gli imprenditori, i partiti politici tengono in grande considerazione i problemi della tutela ambientale. Nei fatti però sappiamo, purtroppo, che non sempre questo interesse per l’aria pulita, per le acque pulite si traduce in atti, iniziative coerenti. Una cosa è l’affermazione di principi generici, le denunce quotidiane sui media in materia di riscaldamento globale, sullo smog che continua ad ammorbare i grandi centri metropolitani (e non solo), un’altra cosa è comportarsi coerentemente, civilmente, attuando la raccolta differenziata, sollecitando (e non boicottando) la costruzione di moderni termovalorizzatori, limitando il riscaldamento nella case, rottamando le vecchie caldaie, comprese quelle industriali, per garantire emissioni pulite, riducendo, cioè, le polveri sottili. Non basta infatti protestare, denunciare, fare la voce grossa nei confronti dei Comuni, delle Regioni e delle altre istituzioni (che certo hanno le loro colpe) se ognuno di noi non si assume le proprie (piccole) responsabilità. Un futuro pulito dipenderà certo dalle grandi scelte che dovranno fare tutti i Paesi del mondo, a cominciare da quelli maggiormente industrializzati ma anche dalle piccole scelte quotidiane di ciascuno di noi”.

Queste le parole del giornalista Aldo Forbice nel prologo del suo ultimo libro, Puliamo il futuro. Viaggio attraverso i comportamenti ambientali degli Italiani, edito da Guerrini e Associati (€ 18,50, pp.198). Un monito che deriva da un attento studio dei comportamenti ambientali degli italiani: il libro, infatti, ripercorre criticamente trent’anni di storia dell’ambientalismo italiano dalla diossina di Seveso a Cernobyl; dalla discussa chiusura delle centrali nucleari alle discariche abusive, all’ecomafia, alle navi dei veleni, ai gravi inquinamenti dell’aria, del suolo, dell’acqua; dal Protocollo di Kyoto alla Conferenza di Copenhagen sui cambiamenti climatici e non manca di evidenziare casi di eccellenza come il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, iniziativa di un settore produttivo (e di un gruppo di operatori) che, coerentemente con le disposizioni di legge, si sono “sporcati le mani” per dare una mano all’ambiente.

Molti i contributi eccellenti, la prefazione di Stefania Prestigiacomo, Ministro dell’Ambiente, e le postfazioni di Gianni Alemanno, sindaco di Roma, Ermete Realacci, fondatore e presidente onorario di Legambiente e Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel. Chiude il volume una “non conclusione” di Paolo Tornasi, presidente del Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati.

Tra scandali, polemiche, cattiva informazione e, di contro, la crescita lenta ma costante di una “coscienza ecologica”, Aldo Forbice traccia un ritratto del nostro paese che, nonostante i limiti e l’arretratezza in materia di energie pulite e buone abitudini ambientali, lascia intravedere alcuni spiragli per il futuro: l’importante è l’impegno e il contributo di tutti, siano essi semplici cittadini, politici, sindacalisti o imprenditori.

Per dirla con le parole di Ermete Realacci: “Occuparsi oggi d’ambiente non significa solo difendere la salute dei cittadini, il nostro paesaggio e il patrimonio storico e culturale, salvaguardare gli equilibri naturali. Non implica solo combattere contro l’inquinamento e l’illegalità. Occuparsi d’ambiente , soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo , può essere il progetto per guardare con più fiducia al futuro. Perché rilancia l’economia e dà speranza. Perché la risposta ai mutamenti climatici, con quello che comporta in termini di innovazione, di ricerca, non è un peso ma una delle chiavi per affrontare la crisi. Oggi la cosa più importante da fare è non assistere da spettatori ma favorire e accompagnare mutamenti in atto nell’economia e nella società”.

Elena Marcon

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Boston Consulting: le aziende con approcci sostenibili hanno margini migliori

dicembre 18, 2017

Boston Consulting: le aziende con approcci sostenibili hanno margini migliori

Le aziende che adottano approcci sostenibili hanno margini e valutazioni migliori. Questo è il dato principale emerso dall’analisi di The Boston Consulting Group “Total Societal Impact: A New Lens for Strategy”, condotta su 300 aziende dei settori Consumer Packaged Goods, Biofarmaceutica, Oil & Gas, Retail & Business Banking e Tecnologia. Per Total Societal Impact (TSI) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende