Home » Recensioni » Requiem for Detroit?:

Requiem for Detroit?

dicembre 10, 2010 Recensioni

Courtesy of Torino Film FestivalMai punto interrogativo fu più appropriato, verrebbe da dire.

Al Torino Film Festival, chiusosi sabato 4 dicembre con la vittoria del pluripremiato Winter’s Bone, Julien Temple, regista britannico autore di innumerevoli videoclip e documentari musicali, ha presentato il suo ultimo lavoro: un puntuale sguardo sulla città che per eccellenza ha incarnato il sogno americano, Detroit, e ciò che ne resta dopo l’ondata di crisi che ha investito il mercato dell’auto.

Temple, presente in sala, ha raccontato il proprio spaesamento di fronte alla  finestra d’albergo: uno skyline identico a quello di molte altre città degli USA ma un silenzio irreale non appena se ne percorrono le strade, blindati dentro un auto, accompagnati dai racconti di chi quella città l’ha vista raggiungere l’apogeo e poi cadere rovinosamente.

Sul video, accompagnate da una gloriosa e quanto mai azzeccata colonna sonora (dal blues, punta di diamante della città negli anni Quaranta, a Eminem con la sua 8 Mile, passando per la techno e i rave dei capannoni abbandonati) scorrono le immagini di Motown, così chiamata quando le tre “sorelle” Ford, GM e Chrysler erano al massimo del loro attività e assicuravano lavoro a milioni di persone. Oggi una città quasi fantasma, travolta dalla ribellione dei neri del 1967, stordita dalla diffusione “politica” della droga fra i neri negli Anni Ottanta, annichilita dalla crisi delle quattro ruote, impoverita dalla bolla immobiliare, strangolata dalla recessione: un covo per poco più di 800 mila abitanti, quando ne aveva due milioni e mezzo solo vent’anni fa e c’erano progetti per farla crescere fino a cinque.

Ma forse, dice il regista, tra case abbandonate e date alle fiamme, tra chilometri quadrati di fabbriche ormai fatiscenti, non tutto è perduto, forse non è ancora giunta l’ora di recitare il requiem per Detroit: dalle ceneri di quel sogno americano possono sorgere nuovi modelli di vita.

Movimenti artistici e giovani pieni di speranza stanno tornando a ripopolare questa città, trasformando i quartieri demoliti in fattorie urbane, piccole comunità autosufficienti per il fabbisogno alimentare e energetico.

Temple percorre la desolata Detroit e ne racconta un secolo di storia, grazie anche ai ricordi e alla riflessioni di alcuni dei protagonisti della città: l’attivista Grace Lee Boggs, il poeta beat John Sinclair, Martha Reeves (and the Vandellas), il direttore della General Motors, e poi artisti, musicisti, gente di strada e nuovi pionieri e si domanda se davvero si giunta ineluttabilmente l’ora del funerale per questa città in cui la disoccupazione ha raggiunto il 29.8% e la devastazione e l’abbandono sono ovunque.

Pare di no, pare che il sogno americano abbia voglia di riemergere dalle proprie ceneri e di mostrare un altro volto: Detroit diventa dunque avanguardia del nuovo movimento agricolo urbano. La natura, dai tempi del grande esodo, si è lentamente ma inesorabilmente riappropriata del proprio spazio: alberi, erba e rampicanti hanno avvolto le case, circondato i lampioni e i cittadini di Motown hanno deciso di accompagnare questo processo e di convertire ettari di terreno in orti urbani, piccoli appezzamenti con i quali provvedere al sostentamento della famiglia. D’altra parte, si sa, le ceneri sono il migliore fertilizzante.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende