Home » Recensioni » Sta per arrivare Lorax, il guardiano della foresta che insegna l’ambientalismo:

Sta per arrivare Lorax, il guardiano della foresta che insegna l’ambientalismo

marzo 13, 2012 Recensioni

Presentato con una conferenza stampa pochi giorni fa a Roma, già campione di incassi negli USA, il film di animazione Lorax – Il guardiano della foresta sarà in uscita il 1° giugno in Italia ed è destinato a far riflettere molto sul rapporto fra progresso e ambiente.

Tratto da un libro di grande successo di Theodor “Dr. Seuss” Geisel, il film di animazione è in programmazione negli USA dal 2 marzo – data non casuale perché coincide con il compleanno di Geisel – e nel giro di un solo fine settimana si è già dimostrato campione di incassi: 71 milioni di dollari in tre giorni. Secondo le prime stime, la pellicola è dunque la miglior apertura del 2012 negli Usa, la miglior apertura di sempre ottenuta da un film di animazione firmato Universal e la quarta apertura, in senso assoluto, per un film Universal. Segno che il “green” tira sempre di più. Ancora, il film si è guadagnato il titolo di miglior apertura, fino ad oggi, per un’animazione non sequel – spodestando Gli Incredibili – e miglior adattamento di un libro del Dr. Seuss, superando Il Grinch con Jim Carrey .

Le premesse per spiegare un tale successo ci sono tutte. Il film nasce come adattamento 3D del libro illustrato per bambini The Lorax scritto dall’autore nel 1971. A realizzarlo la Illumination Entertainment, la stessa firma di un altro blockbuster nel 2010, Cattivissimo me (di cui si attende il sequel nel 2013). La trama racconta di un ragazzino, Ted, che vive a Thneedville, una città dove ormai il progresso ha preso il posto della natura, dove non esiste più nulla di naturale, persino l’aria è artificiale. È molto innamorato di Audrey, sua coetanea, affascinata dall’idea di poter vedere un vero albero dal vivo. Sulla scia di questo desiderio – che, Ted ne è convinto, riuscirà a esaudire per conquistare il cuore di Audrey – il ragazzo inizia un’avventura che lo porterà a conoscere la storia di Lorax, l’antico guardiano della foresta ormai rasa al suolo, e la sua battaglia con Onceler, imprenditore senza scrupoli che non ci pensò due volte a tagliare tutti gli alberi della valle di Truffula pur di avviare i suoi affari. Ted infatti si rivolgerà proprio a Onceler, ormai vecchio e isolato da tutti, per scoprire come portare a casa un albero per Audrey. E sarà proprio in questa ricerca che realizzerà quanto sia importante la sua missione per ristabilire l’equilibrio riportando Alberi di Truffula per l’intera città.

La pellicola conta fra i suoi interpreti Danny de Vito, doppiatore di Lorax – non solo nella versione inglese ma anche in quella italiana, spagnola, russa e tedesca, regalando al personaggio un carattere davvero particolare – e Marco Mengoni, cantante italiano qui nel ruolo insolito di doppiatore di Onceler. Per Lorax – Il guardiano della foresta, il fondatore della Illumination Entertainment Chris Meledandri ha voluto molti dei suoi collaboratori più fidati già presenti nella realizzazione di Cattivissimo me, tra cui il regista, Chris Renaud, e la produttrice Janet Healy (Cattivissimo meShark Tale). La ricostruzione degli ambienti e del personaggio principale è partita ovviamente dai disegni del libro originale. Sfruttando le potenzialità del 3D e la capacità di creare personaggi ricchi di sfaccettature, la Illumination Entertainment ha messo quindi a segno un altro buon colpo. E non solo per l’abilità tecnica. Merito del film, a differenza del libro, è quello di non eccedere in manicheismo, dando a Onceler, il cattivo di turno, una sua dignità. Inoltre, il messaggio trasmesso dal film continua a essere valido.

La storia, infatti, è sorprendentemente attuale pur essendo stata scritta negli anni Settanta. L’opera, del resto, era –  ed è ancora – un vero e proprio must della letteratura Made in Usa, grazie alla sua riflessione sul giusto rapporto fra progresso e rispetto per l’ambiente. Una sorta di promemoria che Theodor Geisel aveva scritto per sensibilizzare i suoi giovani lettori verso ciò che oggi definiamo “sostenibilità”. Geisel infatti non intendeva scrivere opere con intenti moralistici, ma riteneva giusto esprimere le proprie idee su temi di interesse collettivo, dall’ambientalismo, al consumismo, fino agli autoritarismi politici. Alla sua pubblicazione, nell’autunno del 1971, Il Lorax era avanti ai suoi tempi. Quando, un decennio più tardi, esplose il movimento ambientalista, diventò un modello per insegnare e incoraggiare i giovanissimi a diventare protagonisti del cambiamento nelle loro vite. Ai giorni nostri, Il Lorax torna in una versione più in linea con i nostri tempi (il linguaggio visivo e il mezzo di comunicazione sono intimamente legati al digitale) ma facendosi portavoce dello stesso messaggio green, tanto che è stato scelto come mascotte della Festa Oasi WWF, la grande iniziativa per la tutela e la scoperta della natura che si terrà il 20 maggio in tutta Italia.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende