Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » 2025 Blackout. Una storia possibile:

2025 Blackout. Una storia possibile

marzo 22, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” publichiamo oggi un estratto di “2025 Blackout. Una storia possibile” di  Renato Riva (Edizioni della sera,  pp. 284 , € 12.00).

«Noi in Corsica abbiamo deciso di non costruire centrali nucleari, già molti anni fa. La Francia è il paese al mondo con più centrali nucleari, da sempre. Negli anni ottanta ne volevano costruire una appena fuori Bastia. Ma noi l’avevamo impedito, i nostri padri l’avevano impedito. Poi, quando l’Italia ha avviato il suo grande piano nucleare nel Dieci, la Francia è tornata alla carica perché aveva bisogno di installare un reattore di nuova generazione e lo voleva fare qui da noi. Lo volevano sbattere in faccia agli italiani che avevano scelto la tecnologia americana per la Sardegna».

«Ti seguo. Vivevo ancora a Milano allora, ero al mio primo anno di Università, quando partì il piano italiano. Ricordo le proteste… Non sapevo però di questo risvolto qui da voi.

«Beh noi ci siamo opposti. Civilmente, ma ci siamo opposti».

«Ma in Italia non se ne è parlato, allora».

«Forse perché faceva più audience parlare delle banlieu parigine piuttosto che di queste scelte un po’ controcorrente, no?».

«Mai sentito niente» dice Chiara che ascolta attenta.

«Comunque: l’assemblea regionale allora deliberò un piano energetico per renderci autonomi».

«Dalla Francia?».

«Da chiunque. Noi qui abbiamo l’acqua delle montagne, il vento, le maree e il sole. Allora producevamo solo il quindici percento del nostro fabbisogno con queste energie pulite. Oggi siamo al settanta e più percento. Riusciamo ad essere indipendenti. Non sempre. Ma quasi sempre».

«Ah, addirittura indipendenti!» fa Marco ammirato

«Sì! Ma, ahimè, quando non lo siamo» continua Max «abbiamo bisogno dell‘energia dalla Francia, che ci arriva con i cavi sottomarini attraverso l’Elba».

«Passa per l’Italia, quindi».

«Sì, per l’Italia!» Max si gusta a fondo un bel sorso di vino chiudendo gli occhi, e continua : «Bene, ce la fanno strapagare, e a volte non ce la danno nemmeno. Ci ricattano. Perché, ancora, vogliono che cambiamo idea e che ci costruiamo la centrale nucleare in casa».

«Davvero?»

«Sì! Ma noi non molliamo».

«Interessante!» dice Chiara con ironia «Interessantissimo! Un braccio di ferro».

«È uno scontro culturale» aggiunge Philippe.

«Ma anche economico, credo» dice Marco convinto.

«Certo, anche economico» concede Max.

«Noi ci crediamo.» continua «La gente ci crede. Ci hanno fatto dei corsi su come gestire la produzione di idrogeno a livello comunale … ci siamo acculturati».

«Di idrogeno?» dice Marco con forza «Idrogeno dici?».

«Sì, idrogeno. Noi ne produciamo tanto, tantissimo. Qui a Capo Corso con i generatori eolici produciamo molta energia che viene trasformata in idrogeno. Abbiamo generatori sulla cima della montagna sopra di noi, li avete visti no?».

«Sì, belli ma… ».

«No, non sono belli».

«Li ho contati e, visti così, sono bestie da un megawatt l’uno… faranno venti megawatt di potenza più o meno».

«Giusto. Poi abbiamo i generatori marini. Sono stati inventati in Italia lo sai? Sviluppati a Pisa ma poi costruiti in America. Brevetto americano. Quelli producono molto, non li vedi ma sono potenti. Stanno dietro l’isola, su fondali di circa dieci metri. Quando c’è il mare grosso è bellissimo vedere il pannello dei megawatt alla mairie che indica la potenza che emettono. E poi ci sono i pannelli solari».

«Eh, questo mi interessa. Che tecnologia avete adottato?».

«Tutta roba nanotec. Fogli morbidi neri e anche quelli trasparenti per i vetri delle case. Risultato? Abbiamo ricoperto tutto il possibile, senza però rovinare l’estetica delle nostre belle case e dei nostri villaggi».

«Sì, infatti non si vede granché. Complimenti. Quindi avete tappezzato tutto il tappezzabile …».

«Sì, mi pare di sì. Questo è quello che si dice».

«E producete idrogeno …».

«Certo. Vedi quel tipo che balla … come un orso?».

«Quale? Quello rosso di capelli?».

«Sì, Lui! Lui, Victor, è il responsabile delle stazioni che producono l’idrogeno del Capo Corso. Era emigrato in Francia, c’è rimasto per molti anni, ma quando si è sviluppato il programma energetico qui in Corsica è tornato subito. Tutti tornano, c’è lavoro e di buon livello».

«Beh, visto come balla, ne ha di energia».

«Lui ti può dire come si pensa di arrivare al cento percento di indipendenza energetica».

«Sarà» fa Chiara ridendo «ma non adesso, mi sembra alticcio…».

«Incredibile» dice Marco «non sapevo che la Corsica fosse così avanzata. Mai sentito parlare di questo. La Francia è considerata un paese non avanzato sulle tecnologie pulite, perché ha questo enorme parco di centrali nucleari che non riesce a smaltire».

«E all’estero» dice Max con un velo di tristezza «la Francia non parla mai della Corsica, che è la sorella povera delle altre regioni».

«In America quando si parla di Europa si dice Germania, Danimarca, Olanda. Paesi di vento, non di sole».

(…)

«Vi manca il solare a basso costo» dice Marco con aria insinuante

«Ci manca il basso costo, solare o no, ci mancano i soldi …».

«Quelli mancano ovunque, Max. Ma voi avete già fatto qualcosa di grande qui».

«È vero. C’è gente che ha dato l’anima per questo. L’Università di Corte per esempio. Hanno svolto per anni un’opera di acculturamento della popolazione per spiegare cos’è la produzione piatta, democratica di energia, la microproduzione e tutti i concetti base per capirci qualcosa».

«E la gente come ha reagito?».

«La gente non è stupida. Capisce eccome, anche perché sono temi che toccano il portafoglio. Inizialmente s’è fatto fatica, ma una volta partiti non è stato difficile convincere anche gli anziani e i meno preparati a seguire programmi dove le cose venivano spiegate come si deve. Poi, per chi voleva approfondire, e per noi giovani che la televisione non la guardiamo mai, c’è di tutto in rete. Quindi non ti sorprendere se qui trovi un certo livello di conoscenza».

Renato Riva*

* Renato Riva, Inzago 1955, e’ ingegnere elettronico,  top manager europeo presso una nota societa’ americana del settore dell’information technology. Specialista di vendite e organizzazione commerciale è autore di Organizzare, Innovare, Vendere (Etas Rizzoli, 2008). Appassionato alpinista e sciaplinista ha scritto L’orco di Rhemes (Le Chateau, 2009). E’ membro accademico del  GISM, Gruppo Italiano Scrittori di Montagna. Ha creato, insieme a esperti di energia e docenti universitari, il Forum Solare Italiano.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende