Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » 2025 Blackout. Una storia possibile:

2025 Blackout. Una storia possibile

marzo 22, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” publichiamo oggi un estratto di “2025 Blackout. Una storia possibile” di  Renato Riva (Edizioni della sera,  pp. 284 , € 12.00).

«Noi in Corsica abbiamo deciso di non costruire centrali nucleari, già molti anni fa. La Francia è il paese al mondo con più centrali nucleari, da sempre. Negli anni ottanta ne volevano costruire una appena fuori Bastia. Ma noi l’avevamo impedito, i nostri padri l’avevano impedito. Poi, quando l’Italia ha avviato il suo grande piano nucleare nel Dieci, la Francia è tornata alla carica perché aveva bisogno di installare un reattore di nuova generazione e lo voleva fare qui da noi. Lo volevano sbattere in faccia agli italiani che avevano scelto la tecnologia americana per la Sardegna».

«Ti seguo. Vivevo ancora a Milano allora, ero al mio primo anno di Università, quando partì il piano italiano. Ricordo le proteste… Non sapevo però di questo risvolto qui da voi.

«Beh noi ci siamo opposti. Civilmente, ma ci siamo opposti».

«Ma in Italia non se ne è parlato, allora».

«Forse perché faceva più audience parlare delle banlieu parigine piuttosto che di queste scelte un po’ controcorrente, no?».

«Mai sentito niente» dice Chiara che ascolta attenta.

«Comunque: l’assemblea regionale allora deliberò un piano energetico per renderci autonomi».

«Dalla Francia?».

«Da chiunque. Noi qui abbiamo l’acqua delle montagne, il vento, le maree e il sole. Allora producevamo solo il quindici percento del nostro fabbisogno con queste energie pulite. Oggi siamo al settanta e più percento. Riusciamo ad essere indipendenti. Non sempre. Ma quasi sempre».

«Ah, addirittura indipendenti!» fa Marco ammirato

«Sì! Ma, ahimè, quando non lo siamo» continua Max «abbiamo bisogno dell‘energia dalla Francia, che ci arriva con i cavi sottomarini attraverso l’Elba».

«Passa per l’Italia, quindi».

«Sì, per l’Italia!» Max si gusta a fondo un bel sorso di vino chiudendo gli occhi, e continua : «Bene, ce la fanno strapagare, e a volte non ce la danno nemmeno. Ci ricattano. Perché, ancora, vogliono che cambiamo idea e che ci costruiamo la centrale nucleare in casa».

«Davvero?»

«Sì! Ma noi non molliamo».

«Interessante!» dice Chiara con ironia «Interessantissimo! Un braccio di ferro».

«È uno scontro culturale» aggiunge Philippe.

«Ma anche economico, credo» dice Marco convinto.

«Certo, anche economico» concede Max.

«Noi ci crediamo.» continua «La gente ci crede. Ci hanno fatto dei corsi su come gestire la produzione di idrogeno a livello comunale … ci siamo acculturati».

«Di idrogeno?» dice Marco con forza «Idrogeno dici?».

«Sì, idrogeno. Noi ne produciamo tanto, tantissimo. Qui a Capo Corso con i generatori eolici produciamo molta energia che viene trasformata in idrogeno. Abbiamo generatori sulla cima della montagna sopra di noi, li avete visti no?».

«Sì, belli ma… ».

«No, non sono belli».

«Li ho contati e, visti così, sono bestie da un megawatt l’uno… faranno venti megawatt di potenza più o meno».

«Giusto. Poi abbiamo i generatori marini. Sono stati inventati in Italia lo sai? Sviluppati a Pisa ma poi costruiti in America. Brevetto americano. Quelli producono molto, non li vedi ma sono potenti. Stanno dietro l’isola, su fondali di circa dieci metri. Quando c’è il mare grosso è bellissimo vedere il pannello dei megawatt alla mairie che indica la potenza che emettono. E poi ci sono i pannelli solari».

«Eh, questo mi interessa. Che tecnologia avete adottato?».

«Tutta roba nanotec. Fogli morbidi neri e anche quelli trasparenti per i vetri delle case. Risultato? Abbiamo ricoperto tutto il possibile, senza però rovinare l’estetica delle nostre belle case e dei nostri villaggi».

«Sì, infatti non si vede granché. Complimenti. Quindi avete tappezzato tutto il tappezzabile …».

«Sì, mi pare di sì. Questo è quello che si dice».

«E producete idrogeno …».

«Certo. Vedi quel tipo che balla … come un orso?».

«Quale? Quello rosso di capelli?».

«Sì, Lui! Lui, Victor, è il responsabile delle stazioni che producono l’idrogeno del Capo Corso. Era emigrato in Francia, c’è rimasto per molti anni, ma quando si è sviluppato il programma energetico qui in Corsica è tornato subito. Tutti tornano, c’è lavoro e di buon livello».

«Beh, visto come balla, ne ha di energia».

«Lui ti può dire come si pensa di arrivare al cento percento di indipendenza energetica».

«Sarà» fa Chiara ridendo «ma non adesso, mi sembra alticcio…».

«Incredibile» dice Marco «non sapevo che la Corsica fosse così avanzata. Mai sentito parlare di questo. La Francia è considerata un paese non avanzato sulle tecnologie pulite, perché ha questo enorme parco di centrali nucleari che non riesce a smaltire».

«E all’estero» dice Max con un velo di tristezza «la Francia non parla mai della Corsica, che è la sorella povera delle altre regioni».

«In America quando si parla di Europa si dice Germania, Danimarca, Olanda. Paesi di vento, non di sole».

(…)

«Vi manca il solare a basso costo» dice Marco con aria insinuante

«Ci manca il basso costo, solare o no, ci mancano i soldi …».

«Quelli mancano ovunque, Max. Ma voi avete già fatto qualcosa di grande qui».

«È vero. C’è gente che ha dato l’anima per questo. L’Università di Corte per esempio. Hanno svolto per anni un’opera di acculturamento della popolazione per spiegare cos’è la produzione piatta, democratica di energia, la microproduzione e tutti i concetti base per capirci qualcosa».

«E la gente come ha reagito?».

«La gente non è stupida. Capisce eccome, anche perché sono temi che toccano il portafoglio. Inizialmente s’è fatto fatica, ma una volta partiti non è stato difficile convincere anche gli anziani e i meno preparati a seguire programmi dove le cose venivano spiegate come si deve. Poi, per chi voleva approfondire, e per noi giovani che la televisione non la guardiamo mai, c’è di tutto in rete. Quindi non ti sorprendere se qui trovi un certo livello di conoscenza».

Renato Riva*

* Renato Riva, Inzago 1955, e’ ingegnere elettronico,  top manager europeo presso una nota societa’ americana del settore dell’information technology. Specialista di vendite e organizzazione commerciale è autore di Organizzare, Innovare, Vendere (Etas Rizzoli, 2008). Appassionato alpinista e sciaplinista ha scritto L’orco di Rhemes (Le Chateau, 2009). E’ membro accademico del  GISM, Gruppo Italiano Scrittori di Montagna. Ha creato, insieme a esperti di energia e docenti universitari, il Forum Solare Italiano.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende