Home » Campioni d'Italia »Rubriche » All’ostello Monte Barro a febbraio paghi “quanto vuoi”, per finanziare la difesa del suolo:

All’ostello Monte Barro a febbraio paghi “quanto vuoi”, per finanziare la difesa del suolo

febbraio 15, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Fare una vacanza e contemporaneamente sostenere la battaglia a tutela del suolo. Succede all’ Ostello Monte Barro, struttura turistica ecosostenibile all’interno del omonimo Parco Regionale. Siamo in Lombardia, in provincia di Lecco, in un luogo incantevole incastonato tra i laghi di Como, Garlate e Annone. Un centro di ospitalità che sorge su un eremo francescano del 1440, (trasformato nei secoli) e che l’Ente Parco, nel 2013, ha affidato in gestione a Legambiente di Lecco.

Alessio Dossi, coordinatore dell’ostello e presidente di Legambiente Lecco, ci spiega l’impostazione green che l’associazione ambientalista ha voluto imprimere alla struttura ricettiva: “Riuso, riciclo, arredi con materiali di recupero, politiche contro lo spreco idrico ed energetico, pulizie con prodotti eco-sostenibili e il bar honesty, dove c’è un contributo minimo consigliato per le consumazioni, ma si basa sulla fiducia delle persone”.

Un concentrato di pratiche ecologiche e sociali a cui, nel mese di febbraio, si è aggiunta la formula “Pay What You Want” ovvero “Paga quanto Vuoi”. Il metodo è semplice: “rispetto al prezzo standard si può pagare l’80 o il 120% in base al giudizio sulla qualità e sostenibilità del servizio”, spiega il coordinatore. Ma perché pagare di più? “L’eventuale ricavato è destinato a promuovere una campagna per la tutela del suolo”. Stiamo parlando di People4Soil, un’iniziativa che mette insieme oltre 400 organizzazioni e chiede all’Europa –  attraverso una petizione da 1 milione di firme da presentare al Parlamento Europeo – una normativa che consideri il suolo come risorsa non rinnovabile e, quindi, da preservare.

Un vero e proprio  sostegno militante degli ospiti dell’ostello, ma pure un nuovo metodo di “ecovalutazione” dell’offerta ricettiva. Una messa alla prova del grado di sostenibilità dei servizi offerti dalla struttura espressa attraverso il portafoglio. “Il pagamento non è più solo uno scambio di denaro, ma anche di valori - spiega Dossi – L’ospite può decidere di premiare o meno la qualità dei nostri servizi”. Questa la teoria, ma i risultati dopo due settimane dall’inizio della sperimentazione? “Abbiamo raddoppiato le presenze. Poi alcuni ospiti hanno imbarazzo a decidere come e cosa pagare e in media hanno corrisposto il prezzo standard cioè il 100%. Al di là di questo abbiamo avuto attenzione e visibilità”.

L’Ostello è anche un laboratorio di pratiche sostenibili, un punto di riferimento per la didattica ambientale, grazie alle proposte della cooperativa Eliante, un centro estivo dove è possibile conciliare il gioco e lo svago a contatto con la natura. Sono i risultati dell’attività dell’Ente Parco: ” è nato solo nel 1983 ma sta facendo ottime cose generando lavoro, sostenibilità e bellezza. Risorse su cui si investe poco di questi tempi – sottolinea il presidente di Legambiente - Se non fosse diventato parco  chissà cosa sarebbe diventato, non oso immaginare... E’ il parco più piccolo della Lombardia, ma conserva la più grande biodiversità. Al suo interno è inoltre presente il maggior scavo archeologico dell’epoca Gota in Italia”. E poi il Museo Etnografico dell’Alta Brianza, la Stazione Ornitologica di Costa Perla, il Centro Flora Autoctona…  Un piccolo grande mondo tutto da scoprire, a prezzi accessibili a chiunque.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende