Home » Rubriche »Very Important Planet » Andrea Satta (Têtes de Bois): quando la musica incontra i pedali:

Andrea Satta (Têtes de Bois): quando la musica incontra i pedali

ottobre 4, 2013 Rubriche, Very Important Planet

La bicicletta e la musica sono due passioni che lo accompagnano da sempre. Come si legge nella sua biografia “sin da piccolo appassionato di musica, Andrea viene selezionato per partecipare allo Zecchino d’Oro, ma la sobrietà familiare fa naufragare il progetto. Ripiega dunque sulla passione per il ciclismo, ascoltando il Giro d’Italia alla radio e riproponendo la corsa in casa con dei pezzettini di carta – personalizzati con i colori delle squadre – che sposta soffiandoci sopra”.

Lui è Andrea Satta, voce del gruppo gruppo musicale Têtes de Bois. È anche l’ideatore del Palco a pedali, eco-spettacolo sulla bicicletta alimentato a pedali. 128 spettatori volontari, che con le loro biciclette agganciate a uno speciale cavalletto collegato a una dinamo, pedalano per tutta la durata dello spettacolo. In questo modo i ciclisti-spettatori producono l’energia elettrica per illuminare il palco e far suonare i Têtes de Bois.

D) Ultimamente ci sono stati altri esperimenti simili al vostro Palco a Pedali. Non siete “gelosi” dell’invenzione?

R) Siamo molto contenti. Quando qualcuno inventa una cosa che ha un forte potere di suggestione e un valore simbolico come il Palco a Pedali, sono del parere che non bisogna essere custodi gelosi della propria creatività o invenzione. Più artisti lo fanno e meglio è. È un valore che va condiviso. Se i Têtes de Bois hanno inventato il Palco a Pedali, e se qualcuno lo ha già riprodotto o se altri lo rifaranno, a noi sembra una cosa bellissima. Il nostro esperimento in ogni caso rimane il primo e il più grande. 128 persone in bicicletta producono energia per uno spettacolo per mille spettatori. È un grosso spettacolo che si può fare con la propria bicicletta portata da casa e fissata su un cavalletto. E’ una cosa popolare: vai in una piazza e quella piazza funziona a pedali. Ma al di là del fatto che siamo stati coloro che hanno inventato questo avvenimento, penso e vorrei che tutti gli artisti volenterosi di migliorare questo progetto lo facessero in totale libertà. È un’idea che porta con sé un grande messaggio ambientale. Più condivisa è, meglio è…

D) Oggi la bici vive un vero e proprio boom. La vostra sensibilità verso le due ruote l’avete manifestata in tempi non sospetti con Goodbike

R) Siamo stati molto felici di aver fatto un disco tutto dedicato alla bici. E’ stato molto amato e apprezzato. Al Premio Tenco si posizionò al secondo posto. La bicicletta è semplice, alleggerisce il pensiero e fa veicolare i messaggi. Goodbike è un viaggio sui tempi della bici che sono unici: la velocità nuova che ti fa respirare lo spazio che hai intorno, sensazione che in macchina non puoi vivere perché vai troppo veloce e che a piedi non puoi sentire perché vai troppo piano. La bici ha descritto cento anni di storia e non solo. Attraverso il cinema, la pittura e la canzone. Attraverso i ricordi e la vita di tutti. Prima e anche adesso. Fino a pochissimi anni fa la bicicletta era relegata ad articolo regalo per i bambini o cimelio d’altri tempi, era diffusa in poche regioni d’Italia oppure era vista in una dimensione solamente sportiva e competitiva. Fortunatamente oggi la bicicletta vive una nuova stagione di successo. Al punto che è diventata quasi fin troppo di moda tanto che la pubblicità ha iniziato ad utilizzare la due ruote anche per reclamizzare prodotti molto diversi (come ad esempio i servizi bancari).

D) Sabato 5 ottobre portate il vostro spettacolo alla Maker Faire Rome. Come si colloca il Palco a Pedali all’interno della “fiera degli artigiani del XXI secolo”?

R) Il Maker Faire di Roma si propone come festival dell’innovazione. È un avvenimento che vuole premiare la creatività e l’innovazione anche quando l’innovazione, come nel nostro caso, ha una componente di riuso e riutilizzo. Il Palco a Pedali da certi punti di vista è novità. Ma non lo è assolutamente per altri versi: è un po’ come la bicicletta del nonno che tornando dall’orto accendeva la sua dinamo pedalando. Partendo da questo pensiero ci siamo chiesti: quante lampadine posso accendere? E se riuscissimo a produrre un po’ di Watt potremmo utilizzare l’energia per suonare?  Abbiamo studiato e abbiamo verificato che si poteva fare. La creatività, quindi, non nasce da una “rivelazione divina” bensì da una esperienza precedente di qualcun’altro che creativamente può essere rielaborata e poi trasformata in una cosa nuova. Il Maker Faire Rome premia il concetto della trasformazione e del riuso degli oggetti. Quindi il nostro progetto in questa cornice è perfetto.

D) Questa tua sensibilità verso la bici come la traduci nella vita quotidiana?

R) Uso la bici il più possibile e cerco di parlare di questo argomento in ogni occasione. Oltre a fare il musicista e il cantante dei Têtes de Bois sono un pediatra che lavora e combatte regolarmente contro il grande nemico dell’infanzia moderna: la sedentarietà e l’obesità nei bambini. Per cui vedo nella bicicletta un mezzo da prendere come risposta a queste due questioni sotto forma di gioco e non solo di competizione.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende