Home » Rubriche »Very Important Planet » Ascanio Celestini: “Bisogna anche saper rompere i c…i”:

Ascanio Celestini: “Bisogna anche saper rompere i c…i”

gennaio 14, 2011 Rubriche, Very Important Planet

ascanio celestiniDopo i precari, ora i matti. Con il suo film “La pecora nera“, in concorso alla 67° Mostra del Cinema di Venezia, Ascanio Celestini ha fatto il pieno di consensi. Tanto da diventare uno degli attori e registi d’impegno civile più stimati e ascoltati d’Italia. Uno dei rappresentanti di spicco della seconda generazione del “teatro di narrazione”.

D) Dove vive abitualmente a Roma? In una casa autonoma o in un condominio?

R) Vivo nella borgata in cui sono nato, borgata Morena. E sto in un condominio.  Purtroppo è una zona abbandonata dalle istituzioni cittadine: pur avendo molto verde intorno, cioè campi coltivati e molte case con giardini e orti, è completamente priva di verde pubblico.

D) Come si sta nella Città Eterna? Ci dia un giudizio a 360 gradi, estetico-paesaggistico, a livello di qualità della vita…

R) Roma è una città dentro una città. La metropoli che ci piace chiamare Capitale sta dentro a un centro urbano più vasto, fatto di quartieri conosciuti solo da chi ci abita, come quello in cui io vivo. Pur non essendo lontani dall’altra città, dalla Roma nota a tutti, sono decisamente un’altra cosa. Eppure non hanno l’identità dei paesi separati e autonomi.

D) Cosa cambierebbe?

R) Della bella città che sta dentro cambierei ben poco. Sostanzialmente cercherei di far funzionare quello che c’è. Della Roma esterna invece cambierei molto. Nella mia borgata non ci sono centri di aggregazione, se non privati e a pagamento. Ci sono i grandi centri commerciali pieni di supermercati carichi di cibo, scarpe, divani, giocattoli. In tutto il decimo municipio, che ospita decine di migliaia di abitanti, c’è una piccola multisala che propone “cinepanettoni” tutto l’anno. Solo un piccolissimo cinema dei preti e nessun teatro. Eppure è la municipalità che ospita Cinecittà!

D) Da questo quadretto non viene proprio voglia di andare ad abitare in periferia di Roma. Ha mai pensato di trasferirsi?

R) Se dovessi andare via dalla mia borgata (e non succederà perché da un anno ho comprato un rudere che spero di poter ristrutturare) mi piacerebbe vivere nel centro di una città antica. Una qualunque. Per poter godere di quella bella stratificazione urbanistica che ha creato la cultura della piazza.

D) Le attuali politiche italiane sembrano dimostrare scarsa convinzione verso i problemi dell’ambiente e dell’inquinamento. Se non ci pensano “dall’alto”, crede che la soluzione per la salvaguardia del nostro Paese sia l’impegno dei singoli nella dimensione domestica e lavorativa?

R) Sì, ci credo. Dalla produzione di energie alternative, al recupero, al riuso, alla raccolta differenziata: tutto è importante. Ma non possiamo nemmeno lasciar correre per quel che riguarda la dimensione politica. Dobbiamo far pesare la nostra opinione: nelle scuole in cui portiamo i nostri figli, negli ospedali in cui ci curiamo, anche al bar dove prendiamo il caffè.

D) Che cosa intende?

R) Dobbiamo diffondere una cultura della decrescita. Freghiamocene degli economisti che ci spingono ad aumentare i consumi: occorre produrre meno, consumare molto meno e in maniera consapevole.

D) Qualche esempio concreto sulla reale applicabilità?

R) Non posso comprare a mio figlio un pallone di cuoio cucito da un bambino della sua età che sta dall’altra parte del mondo e che per campare è costretto pure a vendersi un rene. E’ una colpa comprare quel pallone, ma è una colpa anche non voler sapere cosa c’è dietro.

D) Se non fosse un attore, quali dei cosiddetti green jobs sceglierebbe? Vorrebbe fare il contadino, il ricercatore sulle energie alternative, il guardiaparco, il commerciante di prodotti bio…

R) Mi piace il lavoro manuale. Mio padre era artigiano e ha restaurato mobili per tutta la vita. Avere una bottega in cui rifugiarmi sarebbe straordinario.

D) Si è mai impegnato in campagne o manifestazioni in difesa dell’ambiente?

R) Come molti altri che fanno il mio mestiere, partecipo continuamente a sottoscrizioni di ogni genere. Ma credo soprattutto nella lotta di quei comitati autorganizzati che cercano di fermare le centrali a carbone, gli inceneritori, le discariche, l’alta velocità. A Chiaiano un architetto mi parlava del suo interesse per le questioni relative alla monnezza. Ha iniziato a interessarsene nella regione che in basco è chiamata Euskal Herria: tra i parametri secondo i quali un paesino era stato scelto come sito per una discarica c’era ladocilitàdel territorio. Ecco, mi piace chi non è docile. Garibaldi scrisse “io son fatto per romper i coglioni a mezza umanità: e l’ho giurato. Si! Ho giurato per Cristo! Di consacrare la mia vita all’altrui perturbazione”.

D) Suona come una sfida alla politica. Ha anche un buon proposito da lasciare ai nostri amministratori?

R) La caratteristica più odiosa dei personaggi che formano la nostra classe dirigente è il paternalismo, il loro continuo trattarci da ragazzini stupidi. Sappiamo quanto sia importante che i figli si liberino dei padri. La cosa migliore che possono fare per i nostri politici per l’ambiente è andarsene.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende