Home » Rubriche »Very Important Planet » Basta con le ipocrisie. Intervista a Luca Rastello:

Basta con le ipocrisie. Intervista a Luca Rastello

Il mondo lui sembra averlo veramente vissuto. L’ha calcato, passo dopo passo, dai deserti più sperduti alle montagne più alte. E l’ha incontrato, popolo dopo popolo. Senza smettere di raccontarlo, a voce, con gli occhi, nei reportage sui quotidiani, nelle sue meraviglie naturalistiche e nei suoi drammi tutti umani. Luca Rastello, scrittore e giornalista, è soprattutto un instancabile osservatore. Da La guerra in casa, il romanzo sulle contraddizioni della cooperazione internazionale nelle guerre jugoslave degli anni Novanta (definito da Roberto Saviano «il più bel libro sulla bestialità umana»), a  Piove all’insù,La frontiera addosso. Così si deportano i diritti umani sui diritti calpestati dei rifugiati, o “Io sono il mercato” sul narcotraffico, le sue storie parlano sempre di uomini “normali”. Moderni eroi e vittime al tempo stesso del presente, o del recente passato.

D) Luca, tra le tue varie qualifiche, ti consideri anche un ambientalista?

R) Mi definirei un credente non osservante. O meglio, male osservante. Sono convinto che uno stile più compatibile sia indispensabile. Il mio, tuttavia, non è sempre così coerente.

D) In che senso? Guidi un suv, inquini e sprechi, non differenzi i rifiuti?

R) In città mi muovo in bici, ma per ragioni di viabilità, non certo per motivi ambientali. A margine devo dire che le piste ciclabili di Torino sono una truffa: chi le progetta non ha idea di cosa significhi la sicurezza stradale. Le due ruote sono un modello di mobilità alternativa, non un trastullo. Le disegnano sui marciapiedi, in modo che travolgi i pedoni che non sanno di calpestare una pista speciale; più spesso finiscono contromano, o sui binari di svolt adi un tram; cambiano corsia, vanno nel senso inverso nelle strade a doppio senso; la maggior parte finisce nel nulla, perpetrando ogni giorno numerosi tentativi di omicidio. Tornando alla mia educazione ambientale, faccio la differenziata, come un bravo cittadino, accendo la lavatrice di sera, uso tenere in casa la “temperatura Andreotti”, 18 gradi, come obbligò a fare l’allora Presidente del Consiglio.

D) Dove sta dunque il punto debole?

R) Ad esempio nell’uso domestico dell’acqua. Quello è un terreno in cui la mia qualità della vita risente un po’ dei troppi sforzi: non faccio la doccia, ma il bagno. Sto in ammollo, con tanto di libro in mano, anche due ore. A questo rito non rinuncio nemmeno se crolla il pianeta. Ma a dirla tutta, non penso che possa essere la rinuncia a questa mia pratica a salvare eventualmente il pianeta. Lo stile sostenibile non può essere troppo distante dalla convenienza personale, altrimenti diventa insostenibile per definizione. Finchè non si interviene a livello planetario, i finti cambiamenti di abitudini sono solo esercizi consolatori, per nulla efficaci.

D) Che cosa intendi?

R) Dovremmo avere il buon senso critico per capire che il vero modello eco-compatibile di vita è arretrare sui consumi, non illuderci di cambiarli, per esempio sostituendo il cibo qualunque con il cibo biologico, o a chilometri zero. Non è andando da Eataly, per fare un esempio per tutti, che ci si sottrae a un sistema economico e sociale che ci stritola e ci assedia con un mercato onnidivorante. Stile di vita uguale meccanismi di consumo. E invece bisogna imparare a consumare di meno.

D) Qual è il luogo più incontaminato che hai visto nei tuoi viaggi?

R) Il villaggio di Xinaliq, nelle montagne dell’alto Azerbaijan, al confine col Daghestan. E’ un centro molto piccolo, a 4000 metri, sotto i monti alti 5000, in cui c’è un matriarcato rigorosissimo: le donne tengono il villaggio, mentre gli uomini si occupano dei pascoli. Parlano due lingue differenti, una per sesso, e gli uomini, quando devono rivolgersi alle donne, devono farlo nel loro idioma. Sono regioni di barbarismo, ma io ci sto da dio come se fosse l’Eden. Oppure l’Abkhazia, stretta tra una parte più alta del Caucaso e una costa marittima subtropicana, dove trovi solo felci giganti, alberi di banane, palafitte vecchio stile russo, in legno e vetro, e dietro l’Himalaia. E’ uno dei posti più belli del mondo, devastato dalla guerra contro la Georgia. Sono anche luoghi benedetti da Dio per la frutta e la verdura.

D) Dopo i Balcani, perchè hai spostato in Oriente il tuo interesse?

R) Ci trovo tutte le contraddizioni del mondo occidentale, ma non i movimenti di liberazione. Eppure, c’è un legame umano pazzesco, basato sul concetto inviolabile del dono e dell’ospitalità, leggi legate al mito, che noi abbiamo completamente rinnegato. Costruiamo i Cie, mettiamo ovunque le telecamere. Invece laggiù puoi partire dalla Moldavia e arrivare in Cina senza portarti dietro un soldo, andando straniero di casa in casa. Un esempio per tutti, nella Valle di Pankisi, fra Georgia e Cecenia, ci sono gli ultrà ortodossi georgiani che forniscono retrovia agli islamici ceceni con le armi, contro i fratelli ortodossi russi, perché esiste comunanza, nelle montagne, di riti sacrificali legati alla paganità delle foreste, che sono più forti della fratellanza religiosa.

D) Ti sei mai speso per battaglie a favore dell’ambiente?

R) Ho votato sì al referendum contro la privatizzazione dell’acqua, per razionalità: basta guardare tutte le precedenti privatizzazioni di servizi per capire quanto hanno reso dipendenti i consumatori e peggiorato la qualità, con un rincaro mostruoso delle bollette. Per certe risorse fondamentali preferisco la totale trasparenza democratica. E’ una questione di pragmatismo economico, oltre che di ideologia e di principio.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende