Home » Rubriche »Very Important Planet » Basta con le ipocrisie. Intervista a Luca Rastello:

Basta con le ipocrisie. Intervista a Luca Rastello

Il mondo lui sembra averlo veramente vissuto. L’ha calcato, passo dopo passo, dai deserti più sperduti alle montagne più alte. E l’ha incontrato, popolo dopo popolo. Senza smettere di raccontarlo, a voce, con gli occhi, nei reportage sui quotidiani, nelle sue meraviglie naturalistiche e nei suoi drammi tutti umani. Luca Rastello, scrittore e giornalista, è soprattutto un instancabile osservatore. Da La guerra in casa, il romanzo sulle contraddizioni della cooperazione internazionale nelle guerre jugoslave degli anni Novanta (definito da Roberto Saviano «il più bel libro sulla bestialità umana»), a  Piove all’insù,La frontiera addosso. Così si deportano i diritti umani sui diritti calpestati dei rifugiati, o “Io sono il mercato” sul narcotraffico, le sue storie parlano sempre di uomini “normali”. Moderni eroi e vittime al tempo stesso del presente, o del recente passato.

D) Luca, tra le tue varie qualifiche, ti consideri anche un ambientalista?

R) Mi definirei un credente non osservante. O meglio, male osservante. Sono convinto che uno stile più compatibile sia indispensabile. Il mio, tuttavia, non è sempre così coerente.

D) In che senso? Guidi un suv, inquini e sprechi, non differenzi i rifiuti?

R) In città mi muovo in bici, ma per ragioni di viabilità, non certo per motivi ambientali. A margine devo dire che le piste ciclabili di Torino sono una truffa: chi le progetta non ha idea di cosa significhi la sicurezza stradale. Le due ruote sono un modello di mobilità alternativa, non un trastullo. Le disegnano sui marciapiedi, in modo che travolgi i pedoni che non sanno di calpestare una pista speciale; più spesso finiscono contromano, o sui binari di svolt adi un tram; cambiano corsia, vanno nel senso inverso nelle strade a doppio senso; la maggior parte finisce nel nulla, perpetrando ogni giorno numerosi tentativi di omicidio. Tornando alla mia educazione ambientale, faccio la differenziata, come un bravo cittadino, accendo la lavatrice di sera, uso tenere in casa la “temperatura Andreotti”, 18 gradi, come obbligò a fare l’allora Presidente del Consiglio.

D) Dove sta dunque il punto debole?

R) Ad esempio nell’uso domestico dell’acqua. Quello è un terreno in cui la mia qualità della vita risente un po’ dei troppi sforzi: non faccio la doccia, ma il bagno. Sto in ammollo, con tanto di libro in mano, anche due ore. A questo rito non rinuncio nemmeno se crolla il pianeta. Ma a dirla tutta, non penso che possa essere la rinuncia a questa mia pratica a salvare eventualmente il pianeta. Lo stile sostenibile non può essere troppo distante dalla convenienza personale, altrimenti diventa insostenibile per definizione. Finchè non si interviene a livello planetario, i finti cambiamenti di abitudini sono solo esercizi consolatori, per nulla efficaci.

D) Che cosa intendi?

R) Dovremmo avere il buon senso critico per capire che il vero modello eco-compatibile di vita è arretrare sui consumi, non illuderci di cambiarli, per esempio sostituendo il cibo qualunque con il cibo biologico, o a chilometri zero. Non è andando da Eataly, per fare un esempio per tutti, che ci si sottrae a un sistema economico e sociale che ci stritola e ci assedia con un mercato onnidivorante. Stile di vita uguale meccanismi di consumo. E invece bisogna imparare a consumare di meno.

D) Qual è il luogo più incontaminato che hai visto nei tuoi viaggi?

R) Il villaggio di Xinaliq, nelle montagne dell’alto Azerbaijan, al confine col Daghestan. E’ un centro molto piccolo, a 4000 metri, sotto i monti alti 5000, in cui c’è un matriarcato rigorosissimo: le donne tengono il villaggio, mentre gli uomini si occupano dei pascoli. Parlano due lingue differenti, una per sesso, e gli uomini, quando devono rivolgersi alle donne, devono farlo nel loro idioma. Sono regioni di barbarismo, ma io ci sto da dio come se fosse l’Eden. Oppure l’Abkhazia, stretta tra una parte più alta del Caucaso e una costa marittima subtropicana, dove trovi solo felci giganti, alberi di banane, palafitte vecchio stile russo, in legno e vetro, e dietro l’Himalaia. E’ uno dei posti più belli del mondo, devastato dalla guerra contro la Georgia. Sono anche luoghi benedetti da Dio per la frutta e la verdura.

D) Dopo i Balcani, perchè hai spostato in Oriente il tuo interesse?

R) Ci trovo tutte le contraddizioni del mondo occidentale, ma non i movimenti di liberazione. Eppure, c’è un legame umano pazzesco, basato sul concetto inviolabile del dono e dell’ospitalità, leggi legate al mito, che noi abbiamo completamente rinnegato. Costruiamo i Cie, mettiamo ovunque le telecamere. Invece laggiù puoi partire dalla Moldavia e arrivare in Cina senza portarti dietro un soldo, andando straniero di casa in casa. Un esempio per tutti, nella Valle di Pankisi, fra Georgia e Cecenia, ci sono gli ultrà ortodossi georgiani che forniscono retrovia agli islamici ceceni con le armi, contro i fratelli ortodossi russi, perché esiste comunanza, nelle montagne, di riti sacrificali legati alla paganità delle foreste, che sono più forti della fratellanza religiosa.

D) Ti sei mai speso per battaglie a favore dell’ambiente?

R) Ho votato sì al referendum contro la privatizzazione dell’acqua, per razionalità: basta guardare tutte le precedenti privatizzazioni di servizi per capire quanto hanno reso dipendenti i consumatori e peggiorato la qualità, con un rincaro mostruoso delle bollette. Per certe risorse fondamentali preferisco la totale trasparenza democratica. E’ una questione di pragmatismo economico, oltre che di ideologia e di principio.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende