Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bio-on: in arrivo la rivoluzionaria bioplastica di zucchero:

Bio-on: in arrivo la rivoluzionaria bioplastica di zucchero

dicembre 7, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Il conto alla rovescia è già iniziato. Gli appassionati di sostenibilità e innovazione, gli esperti di settore e gli eco-curiosi aspettano aprile 2012, quando sarà presentata per la prima volta la bioplastica di seconda generazione. Tecnicamente si chiama Polyhydroxyalkanoato o PHA. La Bio-on di San Giorgio Di Piano (Bologna) che l’ha inventata, l’ha brevettata come MINERV-PHATM . Un poliestere lineare prodotto in natura da una fermentazione batterica di zucchero, biodegradabile in acqua in dieci giorni. Eppure con prestazioni che lo rendono paragonabile alle plastiche derivate dal petrolio. Una scoperta che potrebbe portare a una vera e propria rivoluzione e dare il via a una nuova chimica verde.

I presupposti per una svolta ci sono tutti. La concorrenza è forte, gli investimenti ingenti, le aspettative molte, il riserbo da tenere è strettissimo. Le scorte di petrolio sono in esaurimento e quello delle bioplastiche è un terreno su cui si gioca una partita di prim’ordine. L’amministratore delegato Marco Astorri pesa le parole:  per adesso, non può specificare chi sono i clienti di Bio-on («grandi aziende italiane ed estere a capo di marchi molto riconoscibili di tutti i settori»),  né quale sarà il primo oggetto realizzato in questa nuova bioplastica. Non viene rivelato neanche dove si trovano i laboratori di ricerca: «In Italia e in Europa», si limita a dire.

Se la scoperta desta curiosità, anche il modo in cui tutto è iniziato è abbastanza inconsueto: «Io e il mio socio eravamo a capo di un’azienda che produceva badge. Per caso, uno dei nostri clienti ci chiese se c’erano dei materiali biodegradabili con cui realizzare gli skipass, perché quando il ghiaccio si scioglieva, per terra ne rimanevano tanti abbandonati nella neve in inverno. Questa richiesta ci ha aperto un mondo. Nel 2006 abbiamo lasciato l’elettronica per dedicarci alle bioplastiche». L’azienda è nata nel 2007, con le idee molto chiare: «Allora, nel settore c’erano imprese che utilizzavano prodotti food, piante Ogm e tanti additivi chimici, ma questo tipo di modello non ci piaceva.  Abbiamo scelto da subito di utilizzare solo scarti vegetali e non coltivazioni alimentari. Prima gli scarti della barbabietola e poi anche della canna da zucchero. Non abbiamo mai usato Ogm e solventi chimici, e abbiamo voluto realizzare un prodotto biodegradabile al 100%». Oggi in Bio-on sono stati investiti 12 milioni di euro. Ci lavorano 42 persone, di cui 30 fanno ricerca.

Le prestazioni dei PHAs sono del tutto paragonabili a quelle delle plastiche “tradizionali” altamente inquinanti come PET, PP, PE, PVC, HDPE, LDPE. Si tratta di materiali resistenti, flessibili, elastici, con ottime proprietà termiche, impermeabili ai gas e ai liquidi . Caratteristiche che rendono questa plastica una materia prima adatta anche per costruire componenti di auto e aerei, oltre che per l’elettronica, l’arredamento, i giocattoli, gli imballaggi alimentari e non e le buste per la spesa. «Le prestazioni sono decisamente superiori a quelle delle bioplastiche oggi in circolazione», sottolinea Astorri, che però preferisce non fare confronti diretti con i prodotti di altre aziende: «Il nostro è il miglior biopolimero, ma non mi piace dare addosso ai concorrenti, alla fine è un atteggiamento che va a scapito dei clienti finali».

Innovativo anche il modo di operare di Bio-on: «Noi non proponiamo ai clienti una cartella di prodotti-base, ma creiamo bioplastiche sulla base delle esigenze delle diverse aziende. Inoltre, offriamo la licenza tecnologica per produrre questi biopolimeri. Perché tutti possano usare il PHA, infatti, pensiamo sia importante che ci siano più impianti possibili». Un grande impianto sarà realizzato a Minerbio (Bologna), nell’ambito di una partership con la Cooperativa Produttori Bieticoli, a cui è stato concesso in licenza il brevetto, e altri saranno costruiti in Germania, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti. «L’obiettivo è aprire almeno sette impianti entro i prossimi cinque anni e arrivare a produrre almeno 10.000 tonnellate di bioplastica all’anno entro il 2012. E poi continueremo a fare ricerca e a studiare altri tipi di scarti da utilizzare come materia prima».

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende