Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bio-on: in arrivo la rivoluzionaria bioplastica di zucchero:

Bio-on: in arrivo la rivoluzionaria bioplastica di zucchero

dicembre 7, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Il conto alla rovescia è già iniziato. Gli appassionati di sostenibilità e innovazione, gli esperti di settore e gli eco-curiosi aspettano aprile 2012, quando sarà presentata per la prima volta la bioplastica di seconda generazione. Tecnicamente si chiama Polyhydroxyalkanoato o PHA. La Bio-on di San Giorgio Di Piano (Bologna) che l’ha inventata, l’ha brevettata come MINERV-PHATM . Un poliestere lineare prodotto in natura da una fermentazione batterica di zucchero, biodegradabile in acqua in dieci giorni. Eppure con prestazioni che lo rendono paragonabile alle plastiche derivate dal petrolio. Una scoperta che potrebbe portare a una vera e propria rivoluzione e dare il via a una nuova chimica verde.

I presupposti per una svolta ci sono tutti. La concorrenza è forte, gli investimenti ingenti, le aspettative molte, il riserbo da tenere è strettissimo. Le scorte di petrolio sono in esaurimento e quello delle bioplastiche è un terreno su cui si gioca una partita di prim’ordine. L’amministratore delegato Marco Astorri pesa le parole:  per adesso, non può specificare chi sono i clienti di Bio-on («grandi aziende italiane ed estere a capo di marchi molto riconoscibili di tutti i settori»),  né quale sarà il primo oggetto realizzato in questa nuova bioplastica. Non viene rivelato neanche dove si trovano i laboratori di ricerca: «In Italia e in Europa», si limita a dire.

Se la scoperta desta curiosità, anche il modo in cui tutto è iniziato è abbastanza inconsueto: «Io e il mio socio eravamo a capo di un’azienda che produceva badge. Per caso, uno dei nostri clienti ci chiese se c’erano dei materiali biodegradabili con cui realizzare gli skipass, perché quando il ghiaccio si scioglieva, per terra ne rimanevano tanti abbandonati nella neve in inverno. Questa richiesta ci ha aperto un mondo. Nel 2006 abbiamo lasciato l’elettronica per dedicarci alle bioplastiche». L’azienda è nata nel 2007, con le idee molto chiare: «Allora, nel settore c’erano imprese che utilizzavano prodotti food, piante Ogm e tanti additivi chimici, ma questo tipo di modello non ci piaceva.  Abbiamo scelto da subito di utilizzare solo scarti vegetali e non coltivazioni alimentari. Prima gli scarti della barbabietola e poi anche della canna da zucchero. Non abbiamo mai usato Ogm e solventi chimici, e abbiamo voluto realizzare un prodotto biodegradabile al 100%». Oggi in Bio-on sono stati investiti 12 milioni di euro. Ci lavorano 42 persone, di cui 30 fanno ricerca.

Le prestazioni dei PHAs sono del tutto paragonabili a quelle delle plastiche “tradizionali” altamente inquinanti come PET, PP, PE, PVC, HDPE, LDPE. Si tratta di materiali resistenti, flessibili, elastici, con ottime proprietà termiche, impermeabili ai gas e ai liquidi . Caratteristiche che rendono questa plastica una materia prima adatta anche per costruire componenti di auto e aerei, oltre che per l’elettronica, l’arredamento, i giocattoli, gli imballaggi alimentari e non e le buste per la spesa. «Le prestazioni sono decisamente superiori a quelle delle bioplastiche oggi in circolazione», sottolinea Astorri, che però preferisce non fare confronti diretti con i prodotti di altre aziende: «Il nostro è il miglior biopolimero, ma non mi piace dare addosso ai concorrenti, alla fine è un atteggiamento che va a scapito dei clienti finali».

Innovativo anche il modo di operare di Bio-on: «Noi non proponiamo ai clienti una cartella di prodotti-base, ma creiamo bioplastiche sulla base delle esigenze delle diverse aziende. Inoltre, offriamo la licenza tecnologica per produrre questi biopolimeri. Perché tutti possano usare il PHA, infatti, pensiamo sia importante che ci siano più impianti possibili». Un grande impianto sarà realizzato a Minerbio (Bologna), nell’ambito di una partership con la Cooperativa Produttori Bieticoli, a cui è stato concesso in licenza il brevetto, e altri saranno costruiti in Germania, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti. «L’obiettivo è aprire almeno sette impianti entro i prossimi cinque anni e arrivare a produrre almeno 10.000 tonnellate di bioplastica all’anno entro il 2012. E poi continueremo a fare ricerca e a studiare altri tipi di scarti da utilizzare come materia prima».

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende