Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bio-on: in arrivo la rivoluzionaria bioplastica di zucchero:

Bio-on: in arrivo la rivoluzionaria bioplastica di zucchero

dicembre 7, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Il conto alla rovescia è già iniziato. Gli appassionati di sostenibilità e innovazione, gli esperti di settore e gli eco-curiosi aspettano aprile 2012, quando sarà presentata per la prima volta la bioplastica di seconda generazione. Tecnicamente si chiama Polyhydroxyalkanoato o PHA. La Bio-on di San Giorgio Di Piano (Bologna) che l’ha inventata, l’ha brevettata come MINERV-PHATM . Un poliestere lineare prodotto in natura da una fermentazione batterica di zucchero, biodegradabile in acqua in dieci giorni. Eppure con prestazioni che lo rendono paragonabile alle plastiche derivate dal petrolio. Una scoperta che potrebbe portare a una vera e propria rivoluzione e dare il via a una nuova chimica verde.

I presupposti per una svolta ci sono tutti. La concorrenza è forte, gli investimenti ingenti, le aspettative molte, il riserbo da tenere è strettissimo. Le scorte di petrolio sono in esaurimento e quello delle bioplastiche è un terreno su cui si gioca una partita di prim’ordine. L’amministratore delegato Marco Astorri pesa le parole:  per adesso, non può specificare chi sono i clienti di Bio-on («grandi aziende italiane ed estere a capo di marchi molto riconoscibili di tutti i settori»),  né quale sarà il primo oggetto realizzato in questa nuova bioplastica. Non viene rivelato neanche dove si trovano i laboratori di ricerca: «In Italia e in Europa», si limita a dire.

Se la scoperta desta curiosità, anche il modo in cui tutto è iniziato è abbastanza inconsueto: «Io e il mio socio eravamo a capo di un’azienda che produceva badge. Per caso, uno dei nostri clienti ci chiese se c’erano dei materiali biodegradabili con cui realizzare gli skipass, perché quando il ghiaccio si scioglieva, per terra ne rimanevano tanti abbandonati nella neve in inverno. Questa richiesta ci ha aperto un mondo. Nel 2006 abbiamo lasciato l’elettronica per dedicarci alle bioplastiche». L’azienda è nata nel 2007, con le idee molto chiare: «Allora, nel settore c’erano imprese che utilizzavano prodotti food, piante Ogm e tanti additivi chimici, ma questo tipo di modello non ci piaceva.  Abbiamo scelto da subito di utilizzare solo scarti vegetali e non coltivazioni alimentari. Prima gli scarti della barbabietola e poi anche della canna da zucchero. Non abbiamo mai usato Ogm e solventi chimici, e abbiamo voluto realizzare un prodotto biodegradabile al 100%». Oggi in Bio-on sono stati investiti 12 milioni di euro. Ci lavorano 42 persone, di cui 30 fanno ricerca.

Le prestazioni dei PHAs sono del tutto paragonabili a quelle delle plastiche “tradizionali” altamente inquinanti come PET, PP, PE, PVC, HDPE, LDPE. Si tratta di materiali resistenti, flessibili, elastici, con ottime proprietà termiche, impermeabili ai gas e ai liquidi . Caratteristiche che rendono questa plastica una materia prima adatta anche per costruire componenti di auto e aerei, oltre che per l’elettronica, l’arredamento, i giocattoli, gli imballaggi alimentari e non e le buste per la spesa. «Le prestazioni sono decisamente superiori a quelle delle bioplastiche oggi in circolazione», sottolinea Astorri, che però preferisce non fare confronti diretti con i prodotti di altre aziende: «Il nostro è il miglior biopolimero, ma non mi piace dare addosso ai concorrenti, alla fine è un atteggiamento che va a scapito dei clienti finali».

Innovativo anche il modo di operare di Bio-on: «Noi non proponiamo ai clienti una cartella di prodotti-base, ma creiamo bioplastiche sulla base delle esigenze delle diverse aziende. Inoltre, offriamo la licenza tecnologica per produrre questi biopolimeri. Perché tutti possano usare il PHA, infatti, pensiamo sia importante che ci siano più impianti possibili». Un grande impianto sarà realizzato a Minerbio (Bologna), nell’ambito di una partership con la Cooperativa Produttori Bieticoli, a cui è stato concesso in licenza il brevetto, e altri saranno costruiti in Germania, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti. «L’obiettivo è aprire almeno sette impianti entro i prossimi cinque anni e arrivare a produrre almeno 10.000 tonnellate di bioplastica all’anno entro il 2012. E poi continueremo a fare ricerca e a studiare altri tipi di scarti da utilizzare come materia prima».

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende