Home » Campioni d'Italia » Kitenergy: l’energia ad alta quota:

Kitenergy: l’energia ad alta quota

febbraio 23, 2011 Campioni d'Italia

Kitenergy, Courtesy of KitenergyL’aquilone è un oggetto che può volare sfruttando il vento. E quando quel vento può creare energia, il gioco è fatto.

Si chiama Kitenergy, ci spiega Mario Milanese, uno degli ideatori del progetto e fino al 2010 professore al Politecnico di Torino. ”E’ una tecnologia eolica detta di alta quota in quanto va a catturare l’energia del vento ad altezze tra i 200 e gli 800 metri.  A questa altezza – ci spiega Milanese - i venti sono più forti e costanti che non alle altezze di 50-150 metri raggiunte dalle più grosse turbine eoliche esistenti”.  Oltretutto con un ingombro e impatto decisamente minore, in risposta a quei comitati ancora oggi contrari agli impianti eolici che, a loro avviso, danneggiano il paesaggio, la fauna, l’ambiente naturale e storico senza realmente risolvere il problema energetico nazionale.

Il funzionamento della struttura è paragonabile a quella di uno yo-yo: nella prima fase i cavi in trazione fanno girare i motori dell’unità di controllo e generano energia; nella seconda fase il kite viene ritirato spendendo circa un decimo dell’energia ottenuta in fase di trazione. I cavi ad alta tecnologia che trasmettono energia al suolo sono 15 volte più leggeri dell’acciaio a parità di forza trasmessa e sono meno costosi. Questa tecnologia permette di generare, in un buon sito ventoso, in media il doppio dell’energia rispetto alle pale eoliche e può essere utilizzata anche in zone dove le pale non siano economicamente convenienti neanche con gli attuali incentivi.

“Produrre energia elettrica da fonti rinnovabili”, continua Milanese, “è fondamentale: il petrolio  ha ormai raggiunto circa i 100 dollari al barile e nel futuro  è difficile che possa scendere sotto questo livello. Inoltre è ampiamente riconosciuto che, con le tecnologie attuali, sia molto difficile raggiungere l’obiettivo dell’Unione Europea di coprire con le fonti rinnovabili il 20% del consumo totale di energia entro il 2020. Occorre dunque una radicale innovazione; bisogna creare una fonte rinnovabile che abbia costi di generazione di energia elettrica competitivi con le fonti fossili in modo da non richiedere incentivi per il suo utilizzo. Secondo le nostre valutazioni, la tecnologia Kitenergy ha costi inferiori al petrolio e occupa meno territorio”. Questa è la vera novità.

Un progetto innovativo, totalmente made in Piemonte: “la Regione ha finanziato fino ad oggi tre progetti su questa ricerca. Il partner principale è stato il Politecnico di Torino, che, in collaborazione con aziende hi-tech piemontesi, ha dato un contributo veramente importante, attraverso il gruppo di ricerca di cui sono stato responsabile scientifico. A novembre 2010 è stata fondata la start-up Kitenergy con lo scopo di portare la tecnologia di alta quota a livello industriale. Il nostro obbiettivo attuale è quello di trovare le risorse per realizzare nei prossimi due anni un prototipo da 200-500 kW che dimostri la fattibilità industriale della tecnologia”.

Il tasto dolente sono le risorse economiche, perché a trovare vento gratis non ci sarebbe davvero alcun problema.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende