Home » Bollettino Europa »Rubriche » Cancun, l’UE ci riprova:

Cancun, l’UE ci riprova

novembre 29, 2010 Bollettino Europa, Rubriche

Courtesy of European ParliamentIn Europa si scalda la temperatura politica, in vista del COP16, il vertice sui cambiamenti climatici che apre oggi a Cancun e durerà fino al 10 dicembre.

L”UE si presenta al tavolo delle trattative con gli impegni votati dal Parlamento europeonella risoluzione del 25 novembre scorso: tagliare del 20% le emissioni entro i prossimi dieci anni, raggiungere un’ulteriore riduzione al 30%, tentare di accordarsi sul cosiddetto “Kyoto track”, sulle regole per l’uso del suolo, sul cambiamento di destinazione d’uso del suolo e la silvicoltura, sul meccanismo flessibile e sull’inclusione, nella lista nera, di nuovi gas a effetto serra.

Se la “temperatura” delle negoziazioni politiche sale, la temperatura mondiale rischia infatti di aumentare, entro la fine del secolo, di oltre due gradi Celsius, con gravi conseguenze per il pianeta. I delegati, arrivati da ogni angolo della terra, tenteranno dunque di trovare un accordo legalmente vincolante per ridurre le emissioni di gas serra, anche se il pessimismo regna sovrano e le voci sono quelle di un fallimento annunciato.

Il Parlamento ha esortato l’Unione Europea e i suoi Stati membri a definire e applicare un principio digiustizia climatica”, a tutela dei paesi in via di sviluppo. Nella risoluzione si ribadisce anche che, per rispettare l’obiettivo dei 2ºC, occorre che le emissioni globali di gas a effetto serra si stabilizzino, al più tardi, entro il 2015 e che entro il 2050 si riducano di almeno il 50% rispetto ai livelli del 1990, per poi continuare a diminuire. Si esortano dunque tutti i partner internazionali, UsaCina in primis, a presentare impegni di riduzione più ambiziosi, basandosi sul principio di una “responsabilità comune, ma differenziata“.

“Giocare in casa” infatti non basta. La risoluzione del PE appoggia l’idea, espressa nella comunicazione della Commissione Europea, secondo la quale, a prescindere dall’esito dei negoziati internazionali, è interesse dell’UE perseguire un obiettivo di riduzione delle emissioni superiore al 20%, poiché questo potrà promuovere la creazione di posti di lavoro verdi, nonché la crescita e la sicurezza economiche. Un impegno importante, ma l’Europa deve evitare il solipsismo.

Un punto su cui far leva, per convincere altri paesi a farsi virtuosi e trainare l’accordo, sembra invece essere il fatto che, a seguito del calo di emissioni dovuto alla recessione, il costo annuale del raggiungimento dell’obiettivo di riduzione del 20% è diminuito di un terzo, passando da 70 a 48 miliardi di euro e, secondo le stime,  alzare la posta della riduzione al 30% costerebbe “solo” 11 miliardi di euro in più rispetto all’obiettivo del 20%, ovvero un costo aggiuntivo inferiore allo 0,1% del valore dell’economia dell’Unione Europea.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende