Home » Bollettino Europa »Rubriche » Cancun, l’UE ci riprova:

Cancun, l’UE ci riprova

novembre 29, 2010 Bollettino Europa, Rubriche

Courtesy of European ParliamentIn Europa si scalda la temperatura politica, in vista del COP16, il vertice sui cambiamenti climatici che apre oggi a Cancun e durerà fino al 10 dicembre.

L”UE si presenta al tavolo delle trattative con gli impegni votati dal Parlamento europeonella risoluzione del 25 novembre scorso: tagliare del 20% le emissioni entro i prossimi dieci anni, raggiungere un’ulteriore riduzione al 30%, tentare di accordarsi sul cosiddetto “Kyoto track”, sulle regole per l’uso del suolo, sul cambiamento di destinazione d’uso del suolo e la silvicoltura, sul meccanismo flessibile e sull’inclusione, nella lista nera, di nuovi gas a effetto serra.

Se la “temperatura” delle negoziazioni politiche sale, la temperatura mondiale rischia infatti di aumentare, entro la fine del secolo, di oltre due gradi Celsius, con gravi conseguenze per il pianeta. I delegati, arrivati da ogni angolo della terra, tenteranno dunque di trovare un accordo legalmente vincolante per ridurre le emissioni di gas serra, anche se il pessimismo regna sovrano e le voci sono quelle di un fallimento annunciato.

Il Parlamento ha esortato l’Unione Europea e i suoi Stati membri a definire e applicare un principio digiustizia climatica”, a tutela dei paesi in via di sviluppo. Nella risoluzione si ribadisce anche che, per rispettare l’obiettivo dei 2ºC, occorre che le emissioni globali di gas a effetto serra si stabilizzino, al più tardi, entro il 2015 e che entro il 2050 si riducano di almeno il 50% rispetto ai livelli del 1990, per poi continuare a diminuire. Si esortano dunque tutti i partner internazionali, UsaCina in primis, a presentare impegni di riduzione più ambiziosi, basandosi sul principio di una “responsabilità comune, ma differenziata“.

“Giocare in casa” infatti non basta. La risoluzione del PE appoggia l’idea, espressa nella comunicazione della Commissione Europea, secondo la quale, a prescindere dall’esito dei negoziati internazionali, è interesse dell’UE perseguire un obiettivo di riduzione delle emissioni superiore al 20%, poiché questo potrà promuovere la creazione di posti di lavoro verdi, nonché la crescita e la sicurezza economiche. Un impegno importante, ma l’Europa deve evitare il solipsismo.

Un punto su cui far leva, per convincere altri paesi a farsi virtuosi e trainare l’accordo, sembra invece essere il fatto che, a seguito del calo di emissioni dovuto alla recessione, il costo annuale del raggiungimento dell’obiettivo di riduzione del 20% è diminuito di un terzo, passando da 70 a 48 miliardi di euro e, secondo le stime,  alzare la posta della riduzione al 30% costerebbe “solo” 11 miliardi di euro in più rispetto all’obiettivo del 20%, ovvero un costo aggiuntivo inferiore allo 0,1% del valore dell’economia dell’Unione Europea.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende