Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Cina e amianto, le prospettive di un tragico futuro:

Cina e amianto, le prospettive di un tragico futuro

Osservo fuori dal finestrino del treno una lunga serie di tettoie in amianto tra gli edifici cupi cinesi con le finestre sbarrate. Il panorama  appare deprimente soprattutto perché spesso compaiono centrali nucleari fumanti, ma molto probabilmente la vera tragedia deve ancora arrivare.

La Cina è il maggiore consumatore mondiale ed è il secondo produttore mondiale, dietro solo alla Russia, di asbesto. L’utilizzo del materiale killer ebbe, anche qui, un forte sviluppo dagli anni ’70 e, dato il ritardo tra l’esposizione alla sue fibre aerodisperse e la contrazione del mesotelioma, gli esperti prevedono che l’appetito della Cina, verso l’amianto, avrà le conseguenze più drammatiche nel mezzo di questo secolo. Entro l’anno 2035 sono previsti più di 15.000 decessi legati al  mesotelioma (una neoplasia che si origina dal mesotelio), al cancro ai polmoni e ad altre malattie correlate all’utilizzo dell’amianto. Ecco il prezzo che pagherà questa grande nazione non solo per l’eccessivo consumo, ma anche per non aver fatto abbastanza per informare i propri abitanti sui rischi per la salute provenienti da un materiale che in molte altre zone del mondo è stato bandito già da molti anni. Le responsabilità del Governo in questo Paese sono, per altro, più gravi che altrove, se si pensa che in Cina avviene sistematicamente la censura di numerosi siti internet, che ostacola una corretta e ampia informazione, esponendo i cinesi al rischio di isolamento – almeno entro certi ambiti - dal resto del mondo.

Nel solo 2007 in Cina si sono consumate  626.000 tonnellate di fibra cruda, più del doppio del secondo consumatore mondiale ovvero l’India che ha raggiunto il consumo di 280.000 tonnellate. Stiamo parlando delle due “economie emergenti” con la popolazione più numerosa al mondo: non si ha idea delle drammatiche conseguenze che colpiranno l’Asia nei prossimi decenni. La più grande lobby cinese dell’industria minimizza le conseguenze sull’utilizzo della crisotile, ovvero l’amianto bianco, definendo le informazioni che circolano “esagerate” e sottolineando che un utilizzo responsabile del materiale è sicuro per la salute dei lavoratori. Eppure il direttore dei “sindacati” cinesi preannuncia l’arrivo di una catastrofe, confermando che il governo ha iniziato a creare leggi per tutelare i lavoratori dai rischi di salute in questo settore, ma che non ha il personale per controllare le condizioni di lavoro nelle miniere e nelle fabbriche.

Secondo le organizzazioni del lavoro internazionali, i cinesi hanno il più alto tasso di mortalità sul lavoro, solamente per le condizioni estreme in cui lavorano. E’ facile prevedere  quanto questa cifra, già tragica, sia destinata ad aumentare quando esploderanno in massa i casi di malattie provenienti dal contatto con l’amianto, che creeranno, secondo gli esperti, una larga “epidemia professionale“.

Nel 2008 nella sola provincia dello Zhejiang gli ispettori , addetti alla supervisione di un centinaio di officine, diedero valutazioni insoddisfacenti della maggior parte delle loro ispezioni. Nello stesso anno un giornalista locale visitò una delle officine, a campione, denunciando un ambiente estremamente polveroso e l’utilizzo di maschere inutili che garantivano solo una minima protezione dalla respirazione delle fibre aerodisperse. Su 8 lavoratori che avevano effettuato lastre al torace ben 5 presentavano anomalie nel polmone.

L’unica iniziativa concreta che la Cina ha intrapreso, per frenare questa potenziale tragedia di massa, è stata il bando delle altre tipologie di amiano ancor più pericolose di quello bianco, ovvero quello marrone e quello blu. A Pechino, la capitale, non può essere inoltre utilizzato nessun tipo di asbesto nelle costruzioni, ma in tutto il resto della Cina è in ampio sviluppo l’utilizzo del crisotile nelle nuove costruzioni. Per molti lavoratori è comunque troppo tardi. In un rapporto sviluppato due anni fa, alcuni ricercatori dell’ Università di Hong Kong riportarono che il numero di casi di mesotelioma nell’isola cinese stava ancora aumentando e che avrebbe raggiunto i livelli massimi dal 2014. Questo non fa presagire nulla di buono considerando che l’uso di asbesto a Hong Kong  raggiunse il suo picco nei primi anni Sessanta e che il mesotelioma può impiegare 40 o più anni per svilupparsi.

Saluto così l’Asia, dopo 8 splendidi mesi di viaggio, con un velo di tristezza per ciò che sarà il futuro di questo continente, che ho potuto apprezzare, in altri contesti, per i suoi valori umani. Purtroppo non si può più evitare la catastrofe in arrivo, ma si può fare molto per le giovani generazioni sensibilizzando e informando l’opinione pubblica e bandendo definitivamente ogni tipo di utilizzo produttivo dell’amianto.

Carlo Taglia

Il nostro corrispondente  trascorrerà il mese di giugno su un mercantile che, dalla Corea del Sud, lo porterà lentamente verso la Colombia. Il prossimo appuntamento con la rubrica di viaggio sarà\ dunque a luglio.

Le riflessioni di viaggio complete di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende