Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Cina e amianto, le prospettive di un tragico futuro:

Cina e amianto, le prospettive di un tragico futuro

Osservo fuori dal finestrino del treno una lunga serie di tettoie in amianto tra gli edifici cupi cinesi con le finestre sbarrate. Il panorama  appare deprimente soprattutto perché spesso compaiono centrali nucleari fumanti, ma molto probabilmente la vera tragedia deve ancora arrivare.

La Cina è il maggiore consumatore mondiale ed è il secondo produttore mondiale, dietro solo alla Russia, di asbesto. L’utilizzo del materiale killer ebbe, anche qui, un forte sviluppo dagli anni ’70 e, dato il ritardo tra l’esposizione alla sue fibre aerodisperse e la contrazione del mesotelioma, gli esperti prevedono che l’appetito della Cina, verso l’amianto, avrà le conseguenze più drammatiche nel mezzo di questo secolo. Entro l’anno 2035 sono previsti più di 15.000 decessi legati al  mesotelioma (una neoplasia che si origina dal mesotelio), al cancro ai polmoni e ad altre malattie correlate all’utilizzo dell’amianto. Ecco il prezzo che pagherà questa grande nazione non solo per l’eccessivo consumo, ma anche per non aver fatto abbastanza per informare i propri abitanti sui rischi per la salute provenienti da un materiale che in molte altre zone del mondo è stato bandito già da molti anni. Le responsabilità del Governo in questo Paese sono, per altro, più gravi che altrove, se si pensa che in Cina avviene sistematicamente la censura di numerosi siti internet, che ostacola una corretta e ampia informazione, esponendo i cinesi al rischio di isolamento – almeno entro certi ambiti - dal resto del mondo.

Nel solo 2007 in Cina si sono consumate  626.000 tonnellate di fibra cruda, più del doppio del secondo consumatore mondiale ovvero l’India che ha raggiunto il consumo di 280.000 tonnellate. Stiamo parlando delle due “economie emergenti” con la popolazione più numerosa al mondo: non si ha idea delle drammatiche conseguenze che colpiranno l’Asia nei prossimi decenni. La più grande lobby cinese dell’industria minimizza le conseguenze sull’utilizzo della crisotile, ovvero l’amianto bianco, definendo le informazioni che circolano “esagerate” e sottolineando che un utilizzo responsabile del materiale è sicuro per la salute dei lavoratori. Eppure il direttore dei “sindacati” cinesi preannuncia l’arrivo di una catastrofe, confermando che il governo ha iniziato a creare leggi per tutelare i lavoratori dai rischi di salute in questo settore, ma che non ha il personale per controllare le condizioni di lavoro nelle miniere e nelle fabbriche.

Secondo le organizzazioni del lavoro internazionali, i cinesi hanno il più alto tasso di mortalità sul lavoro, solamente per le condizioni estreme in cui lavorano. E’ facile prevedere  quanto questa cifra, già tragica, sia destinata ad aumentare quando esploderanno in massa i casi di malattie provenienti dal contatto con l’amianto, che creeranno, secondo gli esperti, una larga “epidemia professionale“.

Nel 2008 nella sola provincia dello Zhejiang gli ispettori , addetti alla supervisione di un centinaio di officine, diedero valutazioni insoddisfacenti della maggior parte delle loro ispezioni. Nello stesso anno un giornalista locale visitò una delle officine, a campione, denunciando un ambiente estremamente polveroso e l’utilizzo di maschere inutili che garantivano solo una minima protezione dalla respirazione delle fibre aerodisperse. Su 8 lavoratori che avevano effettuato lastre al torace ben 5 presentavano anomalie nel polmone.

L’unica iniziativa concreta che la Cina ha intrapreso, per frenare questa potenziale tragedia di massa, è stata il bando delle altre tipologie di amiano ancor più pericolose di quello bianco, ovvero quello marrone e quello blu. A Pechino, la capitale, non può essere inoltre utilizzato nessun tipo di asbesto nelle costruzioni, ma in tutto il resto della Cina è in ampio sviluppo l’utilizzo del crisotile nelle nuove costruzioni. Per molti lavoratori è comunque troppo tardi. In un rapporto sviluppato due anni fa, alcuni ricercatori dell’ Università di Hong Kong riportarono che il numero di casi di mesotelioma nell’isola cinese stava ancora aumentando e che avrebbe raggiunto i livelli massimi dal 2014. Questo non fa presagire nulla di buono considerando che l’uso di asbesto a Hong Kong  raggiunse il suo picco nei primi anni Sessanta e che il mesotelioma può impiegare 40 o più anni per svilupparsi.

Saluto così l’Asia, dopo 8 splendidi mesi di viaggio, con un velo di tristezza per ciò che sarà il futuro di questo continente, che ho potuto apprezzare, in altri contesti, per i suoi valori umani. Purtroppo non si può più evitare la catastrofe in arrivo, ma si può fare molto per le giovani generazioni sensibilizzando e informando l’opinione pubblica e bandendo definitivamente ogni tipo di utilizzo produttivo dell’amianto.

Carlo Taglia

Il nostro corrispondente  trascorrerà il mese di giugno su un mercantile che, dalla Corea del Sud, lo porterà lentamente verso la Colombia. Il prossimo appuntamento con la rubrica di viaggio sarà\ dunque a luglio.

Le riflessioni di viaggio complete di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende