Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Coex: un brevetto per fibre tessili 100% naturali e ignifughe:

Coex: un brevetto per fibre tessili 100% naturali e ignifughe

ottobre 14, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

È uno di quei casi di “serendipità”, in cui si trova qualcosa mentre si stava cercando dell’altro. L’idea di Coex, la prima fibra naturale totalmente ignifuga e completamente compostabile lanciata in queste settimane da Torcitura Padana, in collaborazione con l’azienda chimica Zanolo e le imprese tessili Limonta e Lodetex, è nata un po’ per caso. “Insieme a Zanolo, stavamo lavorando per cercare di ottenere filati con performance particolari, avevamo costruito anche macchinari ad hoc. A quel punto, il nostro partner si è ricordato di studi risalenti agli anni Settanta che si erano focalizzati sulle possibilità di rendere ignifughe delle fibre naturali e ci ha proposto di provare a lavorare su quelle ricerche”, racconta la presidente di Torcitura Padana Simona Pesaro, alla guida dell’azienda fondata nel 1966 dal padre Franco in provincia di Pavia. Dalla prima idea sono passati circa quattro anni di test, momenti di delusione e altri di fiducia: “Non è stato facile, anche perché gli studi che abbiamo ripreso in mano erano solo teorici: sono serviti circa mezzo milione di investimenti e molta tenacia. In certi momenti avevamo l’impressione di essere finiti in un vicolo cieco, ma poi trovavamo sempre una soluzione. Quando abbiamo capito che si era effettivamente aperta una strada, per due anni ci siamo focalizzati solo su questo progetto”.

Il segreto di Coex, protetto da brevetto, sta nel trattamento che subiscono le fibre a base cellulosica – cotone, lino, ma anche canapa, per esempio – prima di essere poi utilizzate per produrre i tessuti: “Abbiamo messo a punto un processo che fa sì che le molecole delle fibre si leghino a molecole di fosforo, zolfo e azoto. Queste sostanze agiscono in modi diversi per garantire la non infiammabilità: il fosforo alza una vera e propria barriera contro la fiamma, l’azoto “mangia” l’ossigeno che alimenta la combustione, lo zolfo fa sì che il tessuto a contatto con elevatissime temperature si carbonizzi direttamente, senza prendere fuoco”, spiega Simona Pesaro. Il processo non utilizza additivi che, al contrario dei tre elementi presenti nelle cellule organiche, potrebbero essere poi rilasciati dai tessuti perché non si legano alle molecole delle fibre, con conseguenti rischi di allergie. “Nel settore dei tessuti ignifughi, fino ad oggi tutti sintetici, è una rivoluzione: Coex è anallergico e compostabile al 100%. Inoltre, a contatto con alte temperature si carbonizza ma non si infiamma. Le fibre sintetiche, al contrario, prendono fuoco, con conseguenze dannose anche per la salute: bruciando sprigionano diossina e si liquefanno, causando ustioni”.

Le applicazioni sono tante, in campi dove fino ad oggi si usavano esclusivamente fibre sintetiche. A partire dall’arredo: “Siamo partiti da lì perché per noi rappresenta il mercato più immediato e da quel settore arrivavano anche richieste forti di fibre sempre più naturali. I primi oggetti realizzati con Coex sono in esposizione a Palazzo Morando a Milano fino al 18 ottobre, nell’ambito della mostra che celebra i 25 anni di Elle Decor”. Ma l’interesse si sta espandendo a macchia d’olio: “Stiamo lavorando a sviluppi specifici di Coex nel campo dei trasporti e in quello degli oggetti per l’infanzia”. E queste fibre potrebbero essere utilizzate anche “per produrre l’abbigliamento intimo di militari e paramilitari, come i Vigili del Fuoco, andando a sostituire le fibre ignifughe sintetiche poco confortevoli da indossare. Per lo stesso motivo, Coex può anche essere utilizzato per le sottotute dei piloti di Formula 1”. E grazie alla compostabilità, Coex trova impiego anche nell’ambito dei filtri e dei tessuti per l’agricoltura, come i teli per la pacciamatura.

Alla Torcitura Padana si lavora per adattare le fibre alle singole applicazioni, e già si pensa anche alle prospettive che questa invenzione apre: “La stessa reazione alla base di Coex dovrebbe verificarsi anche nel legno, che ha base cellulosica come le fibre naturali. Molti esperimenti sono ancora da fare, ma abbiamo già fatto l’estensione del brevetto e in futuro potremmo avere il legno che non brucia. Sarebbe utilissimo in molti settori, a partire dall’edilizia”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende