Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Disintossicarsi dagli oneri di urbanizzazione. La cura di Cassinetta di Lugagnano:

Disintossicarsi dagli oneri di urbanizzazione. La cura di Cassinetta di Lugagnano

aprile 20, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Agli atti del Piano regolatore di Cassinetta di Lugagnano ci sono anche i disegni degli alunni della scuola elementare. Fogli bianchi su cui ai bambini è stato chiesto di disegnare cosa volevano e cosa non volevano per il proprio futuro. Un segno, tra i tanti, della strada controcorrente che l’amministrazione del piccolo Comune  del milanese ha imboccato ormai da nove anni. E cioè quella di una gestione dell’urbanistica a crescita zero: «Nessun nuovo insediamento sui terreni agricoli. Previsto solo il recupero degli edifici esistenti: ville del Settecento, cascine, ruderi, case che stavano cadendo a pezzi», sintetizza il sindaco Domenico Finiguerra, 39 anni e già al secondo mandato.

Tutto inizia nel 2002, come racconta orgoglioso Finiguerra. «Abbiamo inserito la Variante del Piano regolatore nel programma elettorale. La nostra è stata una scelta chiara e condivisa con i cittadini, anche attraverso assemblee pubbliche. C’è chi mi accusa ancora di aver fatto una scelta radicale ed estremista, ma estremista secondo me è chi continua a consumare suolo». E così, dal 2002, nel verde di Cassinetta, una manciata di case (gli abitanti sono 1.900) adagiate sulle sponde del Naviglio Grande, a cavallo tra il Parco del Ticino e il Parco Agricolo Sud Milano, non si vede un nuovo metro cubo di cemento. «Abbiamo portato un tipo di edilizia nuovo, diverso da quello dei grandi agglomerati che ha invaso molti comuni italiani. Anche il Comune è rimasto in una villa del Settecento».

Decretare la crescita zero, però, significa anche che nelle casse del Comune entrano molti meno oneri di urbanizzazione. Risorse spesso utili, soprattutto in tempi di ristrettezze dovute ai tagli e ai vincoli del Patto di Stabilità. «Rinunciando agli oneri, che sono una droga pesante per il bilancio comunale, abbiamo messo in pratica un modello di sviluppo alternativo, dal punto di vista ambientale e finanziario». E per trovare risorse finanziarie, la creatività può essere d’aiuto.

A Cassinetta, l’amministrazione si è inventata i matrimoni notturni: «Volete sposarvi a mezzanotte? Nessun problema. Il portone del comune si aprirà davanti ai vostri occhi e il sottoscritto sarà lieto di leggervi gli articoli di rito del codice civile, anche a lume di candela. Anche al termine di una poesia di Pablo Neruda o di Khalil Gibran», scrive il sindaco sul suo blog. «Puntiamo molto sui pregi paesaggistici e sulle belle ville del nostro territorio. I nostri matrimoni sono ormai famosissimi. Per recuperare risorse, abbiamo ridotto anche le spese dell’amministrazione: quindi maggiore sobrietà, nessuna luminaria natalizia e no alle auto blu, sostituite da una panda verde». E poi, investimenti in energie rinnovabili: «Abbiamo installato pannelli fotovoltaici sugli edifici pubblici e sostituito tutti i vecchi lumini del cimitero con quelli nuovi a led. Con un investimento iniziale di 2.000 euro, ne risparmiamo ogni anno 2.500». Un piccolo sacrificio è stato chiesto anche ai cittadini: «Abbiamo aumentato, ma solo per i cittadini con reddito più elevato, le tasse per i servizi come lo scuolabus o la mensa». Una decisione contro la quale, precisa il sindaco, «non c’è stata alcuna raccolta di firme o sollevazione popolare. Le persone accettano di sacrificarsi di fronte a un progetto credibile. Con i soldi ricavati dai matrimoni, per esempio, abbiamo istituito un fondo di solidarietà per le famiglie in difficoltà». D’altra parte, nel 2002 Finiguerra ha vinto con il 50,1% , nel 2007 è stato riconfermato con dodici punti in più, il 62,1%, «perché gli elettori hanno visto che abbiamo realizzato cose concrete».

Nel 2008, proprio per la gestione virtuosa del territorio, Cassinetta ha vinto il premio Comuni a 5 stelle dell’Associazione dei Comuni Virtuosi. E da allora, sono tanti gli amministratori che contattano Finiguerra per essere aiutati a fare la stessa scelta. Tre municipi della zona (Corbetta, Pregnana Milanese e Solza) hanno già imboccato la strada della crescita urbanistica zero, e molti altri ci stanno pensando.

Il prossimo anno, per il sindaco scadrà anche il secondo mandato e non si potrà ricandidare. Ha paura che nei prossimi anni a Cassinetta si cambi direzione? «No, perché la scelta che abbiamo fatto qui è ormai consolidata, e anche l’opposizione condivide la nostra politica urbanistica». Un nuovo modello di sviluppo che Finiguerra sta portando anche nei teatri, con lo spettacolo Un nuovo mondo è possibile, ideato con il cantautore Luca Bassanese. «Bassanese canta, mentre io recito alcuni monologhi in cui racconto le storie di sindaci virtuosi. L’idea è quella di uscire dalle aule dei convegni e portare i temi della tutela del territorio e dei beni comuni, dell’acqua pubblica e dell’integrazione a un pubblico diverso». E la gente apprezza: «Riceviamo centinaia di mail di cittadini che apprezzano questo modo diverso di governare».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende