Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ecolumière: i led diventano intelligenti, senza bisogno della domotica:

Ecolumière: i led diventano intelligenti, senza bisogno della domotica

novembre 13, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Uno dei discorsi più ripetuti nei convegni sulle città intelligenti riguarda i cittadini: “Perché le città diventino smart, bisogna che prima di tutto lo siano i loro abitanti”. Non basta avere un telefonino di ultima generazione, o fare la raccolta differenziata: quello che deve cambiare per davvero è il modo di guardare le cose. La storia di Ecolumière, start-up torinese vincitrice del Premio nazionale per l’Innovazione del network degli incubatori italiani PniCube grazie ai suoi led intelligenti e ad alta efficienza, dimostra come i cambiamenti più preziosi derivino spesso da un approccio più “smart” al lavoro, in questo caso in ambito accademico e imprenditoriale.

Partiamo dall’inizio. Flavio Ghirardi, imprenditore che commercializza lampade a led attraverso la sua società Neodelis, riceve spesso dai suoi clienti una richiesta precisa: avere lampade di questo tipo ma più personalizzabili, senza dover affrontare alti costi di opere domotiche per rifare gli impianti elettrici. Che fare? Ghirardi ci pensa un po’, e poi decide di affidarsi al Politecnico di Torino: con un accordo di ricerca, entra in laboratorio insieme a due ricercatori che fino a quel momento avevano fatto altro. “Io mi occupo di interfacce uomo-macchina, mentre il mio collega Maurizio Martina studia i sistemi di codifica per la comunicazione”, spiega oggi uno dei due ricercatori, Massimo Ruo Roch, che oltre al collega ha lavorato insieme allo stesso Ghirardi, laureato in fisica: “Il fatto di provenire anche lui dall’ambito universitario ha fatto sì che capisse benissimo l’importanza della ricerca”.

Dopo un anno e mezzo di esperimenti, la soluzione viene messa a punto, con risultati ottimi e altamente innovativi: lampade led in grado di regolare automaticamente l’intensità dell’emissione luminosa in funzione della luce naturale o artificiale e alla presenza o meno di persone nella stanza. Il tutto avviene senza bisogno di una centralina di controllo, come sarebbe invece necessario un un sistema domotico: “La centralina è distribuita nelle lampade stesse, dotate di sensori e in comunicazione le une con le altre grazie a un protocollo ottico brevettato”.

Una soluzione che garantisce un risparmio del 30-50% rispetto alle lampade led tradizionali, già molto più efficienti, in grado di garantire un risparmio del 25% in più rispetto a quelle a basso consumo che hanno sostituito le vecchie lampadine a incandescenza. Un grosso beneficio a fronte di un costo aggiuntivo del 10%: “Si rientra dell’investimento in sei mesi, e da quel momento si inizia a risparmiare molto sui costi di illuminazione”, spiega Ruo Roch. L’azienda oggi è ospitata nell’incubatore del Politecnico di Torino I3P e sta avviando la produzione: “In questo momento stiamo cercando partner industriali per produrre i led in Italia. Abbiamo contatti con due aziende piemontesi e contiamo di iniziare la commercializzazione tra dicembre e gennaio”.

Il prodotto è per adesso indirizzato soprattutto agli esercizi pubblici: hotel, ospedali, uffici, aziende. Quando siamo a casa, siamo di solito portati a fare maggiore attenzione, ma in questi luoghi è diverso e spesso le luci rimangono accese inutilmente. La concorrenza nel settore dell’illuminazione led è forte, ma “nessuno – chiarisce Ruo Roch – fa quello che facciamo noi. Nessun’altra azienda è riuscita  a inserire l’intelligenza dentro i led”.

I numeri e le previsioni fanno ben sperare: “L’Europa è il secondo mercato mondiale dei led, e l’Italia, che insieme a Francia e Germania è tra i Paesi  più attivi, occupa in questo ambito il 17%. Si stima che nel 2016 il 45% degli investimenti europei complessivi nel settore dell’illuminazione sarà proprio destinato ai led, in cui nel 2020 saranno investiti in led 14 miliardi”.

Molte le possibilità di innovazione e risparmio energetico aperte dall’invenzione di Ecolumière: “Siamo solo all’inizio, continueremo a studiare applicazioni nuove dei nostri led intelligenti, che offrono un alto livello di personalizzazione. Bisognerà poi ascoltare anche le esigenze del mercato”. Nei parcheggi sotterranei, per esempio, “le luci perennemente accese potrebbero essere sostituite da led in grado di avvertire l’avvinarsi delle persone, creando una specie di nuvola luminosa”. Negli hotel, invece, i led smart potrebbero offrire una soluzione “anti-furto”: “Gli hotel utilizzano i led solo nelle parti comuni, perché, ci hanno spiegato i gestori di alcune strutture a 4 e 5 stelle, nelle stanze vengono rubati dai clienti. Potremmo però creare un led che, quando non si trova più circondato da altre lampade smart smette di funzionare. Una cosa che, se ben comunicata, potrebbe eliminare il problema”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende