Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ecolumière: i led diventano intelligenti, senza bisogno della domotica:

Ecolumière: i led diventano intelligenti, senza bisogno della domotica

novembre 13, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Uno dei discorsi più ripetuti nei convegni sulle città intelligenti riguarda i cittadini: “Perché le città diventino smart, bisogna che prima di tutto lo siano i loro abitanti”. Non basta avere un telefonino di ultima generazione, o fare la raccolta differenziata: quello che deve cambiare per davvero è il modo di guardare le cose. La storia di Ecolumière, start-up torinese vincitrice del Premio nazionale per l’Innovazione del network degli incubatori italiani PniCube grazie ai suoi led intelligenti e ad alta efficienza, dimostra come i cambiamenti più preziosi derivino spesso da un approccio più “smart” al lavoro, in questo caso in ambito accademico e imprenditoriale.

Partiamo dall’inizio. Flavio Ghirardi, imprenditore che commercializza lampade a led attraverso la sua società Neodelis, riceve spesso dai suoi clienti una richiesta precisa: avere lampade di questo tipo ma più personalizzabili, senza dover affrontare alti costi di opere domotiche per rifare gli impianti elettrici. Che fare? Ghirardi ci pensa un po’, e poi decide di affidarsi al Politecnico di Torino: con un accordo di ricerca, entra in laboratorio insieme a due ricercatori che fino a quel momento avevano fatto altro. “Io mi occupo di interfacce uomo-macchina, mentre il mio collega Maurizio Martina studia i sistemi di codifica per la comunicazione”, spiega oggi uno dei due ricercatori, Massimo Ruo Roch, che oltre al collega ha lavorato insieme allo stesso Ghirardi, laureato in fisica: “Il fatto di provenire anche lui dall’ambito universitario ha fatto sì che capisse benissimo l’importanza della ricerca”.

Dopo un anno e mezzo di esperimenti, la soluzione viene messa a punto, con risultati ottimi e altamente innovativi: lampade led in grado di regolare automaticamente l’intensità dell’emissione luminosa in funzione della luce naturale o artificiale e alla presenza o meno di persone nella stanza. Il tutto avviene senza bisogno di una centralina di controllo, come sarebbe invece necessario un un sistema domotico: “La centralina è distribuita nelle lampade stesse, dotate di sensori e in comunicazione le une con le altre grazie a un protocollo ottico brevettato”.

Una soluzione che garantisce un risparmio del 30-50% rispetto alle lampade led tradizionali, già molto più efficienti, in grado di garantire un risparmio del 25% in più rispetto a quelle a basso consumo che hanno sostituito le vecchie lampadine a incandescenza. Un grosso beneficio a fronte di un costo aggiuntivo del 10%: “Si rientra dell’investimento in sei mesi, e da quel momento si inizia a risparmiare molto sui costi di illuminazione”, spiega Ruo Roch. L’azienda oggi è ospitata nell’incubatore del Politecnico di Torino I3P e sta avviando la produzione: “In questo momento stiamo cercando partner industriali per produrre i led in Italia. Abbiamo contatti con due aziende piemontesi e contiamo di iniziare la commercializzazione tra dicembre e gennaio”.

Il prodotto è per adesso indirizzato soprattutto agli esercizi pubblici: hotel, ospedali, uffici, aziende. Quando siamo a casa, siamo di solito portati a fare maggiore attenzione, ma in questi luoghi è diverso e spesso le luci rimangono accese inutilmente. La concorrenza nel settore dell’illuminazione led è forte, ma “nessuno – chiarisce Ruo Roch – fa quello che facciamo noi. Nessun’altra azienda è riuscita  a inserire l’intelligenza dentro i led”.

I numeri e le previsioni fanno ben sperare: “L’Europa è il secondo mercato mondiale dei led, e l’Italia, che insieme a Francia e Germania è tra i Paesi  più attivi, occupa in questo ambito il 17%. Si stima che nel 2016 il 45% degli investimenti europei complessivi nel settore dell’illuminazione sarà proprio destinato ai led, in cui nel 2020 saranno investiti in led 14 miliardi”.

Molte le possibilità di innovazione e risparmio energetico aperte dall’invenzione di Ecolumière: “Siamo solo all’inizio, continueremo a studiare applicazioni nuove dei nostri led intelligenti, che offrono un alto livello di personalizzazione. Bisognerà poi ascoltare anche le esigenze del mercato”. Nei parcheggi sotterranei, per esempio, “le luci perennemente accese potrebbero essere sostituite da led in grado di avvertire l’avvinarsi delle persone, creando una specie di nuvola luminosa”. Negli hotel, invece, i led smart potrebbero offrire una soluzione “anti-furto”: “Gli hotel utilizzano i led solo nelle parti comuni, perché, ci hanno spiegato i gestori di alcune strutture a 4 e 5 stelle, nelle stanze vengono rubati dai clienti. Potremmo però creare un led che, quando non si trova più circondato da altre lampade smart smette di funzionare. Una cosa che, se ben comunicata, potrebbe eliminare il problema”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende