Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ecolumière: i led diventano intelligenti, senza bisogno della domotica:

Ecolumière: i led diventano intelligenti, senza bisogno della domotica

novembre 13, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Uno dei discorsi più ripetuti nei convegni sulle città intelligenti riguarda i cittadini: “Perché le città diventino smart, bisogna che prima di tutto lo siano i loro abitanti”. Non basta avere un telefonino di ultima generazione, o fare la raccolta differenziata: quello che deve cambiare per davvero è il modo di guardare le cose. La storia di Ecolumière, start-up torinese vincitrice del Premio nazionale per l’Innovazione del network degli incubatori italiani PniCube grazie ai suoi led intelligenti e ad alta efficienza, dimostra come i cambiamenti più preziosi derivino spesso da un approccio più “smart” al lavoro, in questo caso in ambito accademico e imprenditoriale.

Partiamo dall’inizio. Flavio Ghirardi, imprenditore che commercializza lampade a led attraverso la sua società Neodelis, riceve spesso dai suoi clienti una richiesta precisa: avere lampade di questo tipo ma più personalizzabili, senza dover affrontare alti costi di opere domotiche per rifare gli impianti elettrici. Che fare? Ghirardi ci pensa un po’, e poi decide di affidarsi al Politecnico di Torino: con un accordo di ricerca, entra in laboratorio insieme a due ricercatori che fino a quel momento avevano fatto altro. “Io mi occupo di interfacce uomo-macchina, mentre il mio collega Maurizio Martina studia i sistemi di codifica per la comunicazione”, spiega oggi uno dei due ricercatori, Massimo Ruo Roch, che oltre al collega ha lavorato insieme allo stesso Ghirardi, laureato in fisica: “Il fatto di provenire anche lui dall’ambito universitario ha fatto sì che capisse benissimo l’importanza della ricerca”.

Dopo un anno e mezzo di esperimenti, la soluzione viene messa a punto, con risultati ottimi e altamente innovativi: lampade led in grado di regolare automaticamente l’intensità dell’emissione luminosa in funzione della luce naturale o artificiale e alla presenza o meno di persone nella stanza. Il tutto avviene senza bisogno di una centralina di controllo, come sarebbe invece necessario un un sistema domotico: “La centralina è distribuita nelle lampade stesse, dotate di sensori e in comunicazione le une con le altre grazie a un protocollo ottico brevettato”.

Una soluzione che garantisce un risparmio del 30-50% rispetto alle lampade led tradizionali, già molto più efficienti, in grado di garantire un risparmio del 25% in più rispetto a quelle a basso consumo che hanno sostituito le vecchie lampadine a incandescenza. Un grosso beneficio a fronte di un costo aggiuntivo del 10%: “Si rientra dell’investimento in sei mesi, e da quel momento si inizia a risparmiare molto sui costi di illuminazione”, spiega Ruo Roch. L’azienda oggi è ospitata nell’incubatore del Politecnico di Torino I3P e sta avviando la produzione: “In questo momento stiamo cercando partner industriali per produrre i led in Italia. Abbiamo contatti con due aziende piemontesi e contiamo di iniziare la commercializzazione tra dicembre e gennaio”.

Il prodotto è per adesso indirizzato soprattutto agli esercizi pubblici: hotel, ospedali, uffici, aziende. Quando siamo a casa, siamo di solito portati a fare maggiore attenzione, ma in questi luoghi è diverso e spesso le luci rimangono accese inutilmente. La concorrenza nel settore dell’illuminazione led è forte, ma “nessuno – chiarisce Ruo Roch – fa quello che facciamo noi. Nessun’altra azienda è riuscita  a inserire l’intelligenza dentro i led”.

I numeri e le previsioni fanno ben sperare: “L’Europa è il secondo mercato mondiale dei led, e l’Italia, che insieme a Francia e Germania è tra i Paesi  più attivi, occupa in questo ambito il 17%. Si stima che nel 2016 il 45% degli investimenti europei complessivi nel settore dell’illuminazione sarà proprio destinato ai led, in cui nel 2020 saranno investiti in led 14 miliardi”.

Molte le possibilità di innovazione e risparmio energetico aperte dall’invenzione di Ecolumière: “Siamo solo all’inizio, continueremo a studiare applicazioni nuove dei nostri led intelligenti, che offrono un alto livello di personalizzazione. Bisognerà poi ascoltare anche le esigenze del mercato”. Nei parcheggi sotterranei, per esempio, “le luci perennemente accese potrebbero essere sostituite da led in grado di avvertire l’avvinarsi delle persone, creando una specie di nuvola luminosa”. Negli hotel, invece, i led smart potrebbero offrire una soluzione “anti-furto”: “Gli hotel utilizzano i led solo nelle parti comuni, perché, ci hanno spiegato i gestori di alcune strutture a 4 e 5 stelle, nelle stanze vengono rubati dai clienti. Potremmo però creare un led che, quando non si trova più circondato da altre lampade smart smette di funzionare. Una cosa che, se ben comunicata, potrebbe eliminare il problema”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende