Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ecovillaggio Solare: bioarchitettura e rinnovabili nella Libera Repubblica di Alcatraz:

Ecovillaggio Solare: bioarchitettura e rinnovabili nella Libera Repubblica di Alcatraz

marzo 20, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Nello statuto, l’Ecovillaggio Solare di Alcatraz è definito come un “insediamento abitativo capace di autogovernarsi e autosostenersi nel rispetto della natura e dell’ambiente”. Nella valle del torrente Resina, in Umbria, al confine con la “Libera Repubblica di Alcatraz” (un luogo di libertà, che non ha nulla a che vedere con l’omonima prigione californiana). dove ha sede l’università fondata da Jacopo Fo, i lavori per il primo nucleo dell’Ecovillaggio sono quasi finiti. Quest’estate è previsto il trasferimento delle prime famiglie.

Un progetto che sta pian piano prendendo forma, dopo anni di riflessioni, discussioni, progetti. “Vogliamo andare incontro alle famiglie che hanno il sogno di andare a vivere in campagna, ma non possono permetterselo. Abbiamo iniziato 18 anni fa comprando i terreni e avviando  gli iter burocratici. L’idea, già allora, era di creare una città verde”, racconta il figlio del premio Nobel Dario Fo e di Franca Rame. L’arrivo di Banca Etica, che ha il ruolo di supervisore dell’intero progetto, e degli architetti Sergio Los e Natasha Pulitzer, con quarant’anni di esperienza nella bioarchitettura, ha fatto il resto.

Il risultato saranno piccoli gruppi di case, distanti tra loro qualche centinaio di metri, in certi casi un chilometro, intorno a una piazza con bazar e ristorante. Le abitazioni saranno realizzate ex novo o ristrutturate secondo diversi sistemi costruttivi, seguendo i criteri dell’efficienza energetica, e alimentate a energie rinnovabili. “E’ possibile scegliere una casa antica di pietra, ad alta efficienza energetica, o una casa avveniristica in lamellare di legno coibentato in classe A”, continua Fo. In questi giorni si stanno chiudendo i lavori della Casa Solare, edificio con struttura in legno e tamponamenti esterni in pietra, un prototipo per tutte le altre costruzioni che comporranno l’Ecovillaggio: ha un isolamento interno ed esterno, tripli vetri, una serra solare che cattura il calore del sole e riscaldamento radiante a pavimento, che permette di mantenere l’acqua a 35 gradi, contro i 60-70 richiesti dai tradizionali impianti con i caloriferi. Le abitazioni saranno alimentate con l’energia prodotta da pannelli solari fotovoltaici. La combinazione tra efficienza energetica ed energie pulite permetterà un risparmio consistente: “Le case avranno una bolletta zero o comunque molto bassa per riscaldamento e elettricità e bassi costi idrici, anche grazie al riutilizzo dell’acqua di scarto delle abitazioni, tramite una fitodepurazione, per esempio per irrigare gli orti, e il recupero dell’acqua piovana.

E un risparmio considerevole sarà dato anche dalle tante opportunità offerte da una vita vicino agli altri, con modalità diverse da quelle tipiche dei condomini delle città: “Proponiamo per esempio Gruppi di Acquisto Solidale anche per assicurazioni, banche, servizi telefonici, in modo da poter ridurre molto i costi per gli abitanti. Stiamo inoltre trattando con Volkswagen per realizzare un servizio di car sharing elettrico”. L’idea, spiega il sito del progetto, “è di creare un sistema abitativo che minimizzi i costi energetici e le spese condominiali e che possa fornire una serie ulteriore di risparmi. Ad esempio, posso coltivare il mio orto e il mio frutteto, il bosco e i campi mi forniscono legna, insalate selvatiche, erbe officinali, funghi e non compro la lavatrice perché uso quella collettiva”. Acquistando un appartamento, si compra anche una quota delle strutture collettive, come piscina calda e coperta, sala feste, irrigazione degli orti, impianto solare fotovoltaico, impianto idrico, tartufaia, lavanderia. Il costo va dai 2.100 ai 2.900 euro al metro quadro, e nel prezzo è compreso anche il proprio pezzo degli spazi in condivisione. I 230mila metri quadrati di parco con boschi e oliveti, parte della proprietà comune, permetteranno così di coprire i costi condominiali grazie anche, per esempio, alla vendita dell’olio e dei tartufi, o all’affitto di alcuni terreni. In media, una famiglia potrà risparmiare dai 2.000 ai 3.000 euro all’anno, a cui potranno aggiungersi altri tagli ai costi grazie “alla socializzazione di alcune incombenze, come quella di portare i figli alla fermata dell’autobus per la scuola o alle lezioni pomeridiane. Ma sarà anche positivo lo scambio di servizi e il baratto, che verrà gestito attraverso un sistema di banca del tempo e baratto circolare, permettendo a tutti di attingere a un catalogo di beni e servizi disponibili. Questo permetterà a ognuno di valorizzare la molteplicità delle proprie competenze creando un’integrazione indiretta del reddito”.

Dal 22 al 24 marzo è in programma ad Alcatraz una serie di incontri informativi sul progetto. La stessa Libera Università ha molto da insegnare, grazie alle esperienze di autosufficienza e autoproduzione: “Facciamo agricoltura biologica dal 1982, e una parte delle materie prime per il nostro ristorante è autoprodotta. Anche il primo impianto fotovoltaico di Alcatraz risale all’82, ma quello, al contrario, fu un disastro: allora non c’erano le competenze per montare i pannelli solari, li facemmo installare, ma non funzionavano. L’autosufficienza energetica, basata sulle fonti rinnovabili, l’abbiamo raggiunta nel 2009”. Sembra un sogno perfetto: una valle sostenibile, alimentata da energia pulita, abitata da persone provenienti da tutto il mondo, immersa nella campagna umbra. Ma le persone sono veramente disposte a lasciare tutto per trasferirsi in piena campagna, a 45 chilometri da Perugia, per ricominciare una vita diversa? Da Alcatraz la risposta è positiva: “Assolutamente sì. C’è una grande crisi della città. Centinaia di migliaia di persone vogliono spostarsi in campagna, grazie anche a Internet, che ormai facilita il lavoro in remoto*”.

Veronica Ulivieri

* Ti interessano le esperienze che coniugano telelavoro, ristrutturazione di edifici in bioedilizia, utilizzo di fonti rinnovabili e vita a più stretto contatto con la natura fuori dai grandi centri urbani? Segui su Greenews.info, a partire dal 4 aprile, la nuova rubrica “Progetto Guarene“, dove per un anno intero racconteremo l’avventura umana e professionale del trasferimento della nostra nuova sede.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende