Home » Campioni d'Italia »Rubriche » FIAMM, dalle batterie al “sale da cucina” alle Oasi nel deserto:

FIAMM, dalle batterie al “sale da cucina” alle Oasi nel deserto

dicembre 21, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Il percorso dell’azienda sulla strada della green economy è iniziato un ventennio fa, ma si è intensificato negli ultimi anni, con la produzione di tecnologie a supporto delle energie rinnovabili e della mobilità elettrica. Così uno storico gruppo industriale come Fiamm, tra i leader mondiali nel settore degli accumulatori per auto e industriali, ha scelto l’impervia ma remunerativa via della sostenibilità, sempre coniugata con ricerca e innovazione.

Francesca Dolcetta, Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne del gruppo di Montecchio Maggiore (in provincia di Vicenza), è la nipote dell’ingegner Giulio Dolcetta, che fondò l’azienda nel 1942: «Nel 1940, mio nonno entrò in società con il commendator Giacomo Pellizzari, che aveva creato la Elettra, una piccola azienda che lavorava per l’esercito, e due anni dopo la rilevò, trasformandola in Fiamm, che sta per Fabbrica Italiana Accumulatori Motocarri Montecchio». Da allora, l’azienda è cresciuta, ha stretto rapporti con le più grandi case automobilistiche (BMW, Fiat-Chrysler, Ford, Mercedes, GM-Opel, PSA, Renault-Nissan, Toyota, Volkswagen) e importanti gruppi industriali (Enel tra tutti), ha aperto stabilimenti negli Stati Uniti, in Brasile, India, Cina, Repubblica Ceca. È presente in 60 paesi con circa 3.000 dipendenti nel mondo, di cui circa 950 in Italia. Ha tre centri di ricerca stabili (in Italia, a Montecchio, in Svizzera e Francia) e collabora con diverse università. Il fatturato previsto per il 2011 si attesta intorno ai 500 milioni di euro.

«Quello della sostenibilità ambientale è un percorso che abbiamo intrapreso già da parecchio tempo, quando, una ventina di anni fa siamo diventati soci attivi del Cobat, il Consorzio per il corretto smaltimento e riciclo delle Batterie esauste. La svolta propriamente green è stata però negli ultimi quattro-cinque anni, con le batterie AGM (per le auto micro ibride, NdR) e al sale, oltre alle soluzioni per lo storage di energia rinnovabile».

Alla base dei prodotti più innovativi di Fiamm, c’è oggi una tecnologia 100% riciclabile, quella appunto delle batterie al sodio cloruro di nickel, a base di nickel e semplice sale da cucina, dette anche “al sale”. «Si tratta di batterie che offrono grandi possibilità di accumulo di energia e un alto grado di sicurezza», spiega Francesca Dolcetta. Caratteristiche che le rendono adatte per due diversi utilizzi: sia come batterie per le auto elettriche, sia per lo stoccaggio di energia rinnovabile, che, per sua natura, è discontinua. Nel 2011, Fiamm ha rilevato la FZ Sonick SA, società svizzera nata da un accordo strategico siglato l’anno scorso dal gruppo vicentino con l’azienda elvetica Mes-Dea, che produce queste speciali batterie, «utilizzate dagli autobus elettrici in diverse capitali europee, metropoli statunitensi e, negli ultimi anni, anche nelle città italiane, di Bologna, Firenze e Roma». Fiamm ha anche collaborato alla creazione della prima flotta europea di veicoli elettrici destinata al servizio postale francese.

Risultati altrettanto significativi sono stati ottenuti sul fronte dello stoccaggio di energia. A giugno, il gruppo ha presentato il progetto sperimentale Isola Energetica e il sistema Oasi. Due tecnologie che permettono di accumulare energia rinnovabile, per rilasciarla quando ce n’è bisogno, eliminando così uno dei difetti intrinseci delle rinnovabili. Nel primo caso, si tratta di «un impianto per la produzione di energia da fotovoltaico, dotato di un sofisticato sistema per lo storage di energia, che consente un notevole aumento dell’efficienza nell’utilizzo dell’energia da fonti rinnovabili e significativi risultati sul fronte della riduzione delle emissioni di CO2. Con le batterie al sale, l’energia può essere immagazzinata in questi grandi accumulatori e ceduta alla rete elettrica quando serve. Applicando ad impianti fotovoltaici o eolici gli accumulatori al sale, si creano isole di energia autonome, efficienti dal punto di vista energetico perché consentono di gestire in modo intelligente l’energia prodotta». La prima Isola Energetica, realizzata nello stabilimento di Almisano (Vicenza), produrrà energia da fotovoltaico per circa 200 mila kWh/anno, equivalente al consumo annuo di 40/50 famiglie, e consentirà un risparmio di emissioni Co2 pari a 106 tonnellate. «Per adesso è un progetto sperimentale, ma siamo intenzionati a riprodurlo in Cina e ci sono trattative in corso con gruppi industriali interessati ad acquistarlo», spiega Dolcetta.

Per i Paesi in via di sviluppo, dove ci sono aree non ancora raggiunte dalla rete elettrica, è stata invece pensata Oasi, un sistema “stand alone” «pre-assemblato, contenuto in un container e dotato di sistema inverter, che è in grado di produrre energia da pannelli fotovoltaici, da una pala eolica telescopica ed eventualmente da una piccola turbina idraulica o generatore a biomasse. Per immagazzinare parte dell’energia prodotta, in modo da poterla utilizzare in assenza o scarsità di sole e vento, il sistema è abbinato a batterie per accumulo».

Ma l’impegno del gruppo nel ridurre il proprio impatto ambientale si ritrova anche in azioni che suscitano meno clamore mediatico, ma che richiedono un’importante assunzione di responsabilità. Nel caso delle batterie al piombo, «potenzialmente pericolose per l’ambiente se non smaltite correttamente – spiega Dolcetta - noi garantiamo l’intera filiera e usiamo piombo riciclato». Fiamm ha poi stretto una partnership con l’azienda francese Astron, che produce illuminazione Oled, una tecnologia che permette di ottenere superfici d’illuminazione sfruttando il principio di conversione diretta dell’energia elettrica in luce, grazie all’utilizzo di molecole organiche. Risparmio energetico garantito e riciclabilità al 100%, ma anche vantaggi di design: «Queste luci occupano pochissimo spazio, e permetterebbero, per esempio, di integrare i fari posteriori dell’auto nel lunotto». Sempre nell’ambito dell’automotive, è in corso infine una collaborazione, con l’agenzia di design sonoro Lorelei, per mettere a punto suoni che rendano, paradossalmente, meno silenziose – e dunque meno pericolose per il pedone o il ciclista – le auto elettriche, pur con l’obiettivo di evitare fastidiosi suoni elettronici e prevenire l’inquinamento acustico.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende