Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Guide Me Right, il tuo “local friend” per vacanze responsabili (e non preconfezionate):

Guide Me Right, il tuo “local friend” per vacanze responsabili (e non preconfezionate)

settembre 13, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Il modo migliore per rispettare l’ambiente e la cultura di una meta turistica? Affidarsi ad una guida locale, lasciarsi accompagnare da un “indigeno” del posto, che voi non conoscete ancora, ma lui conosce meglio di chiunque altro la vostra destinazione, perché la vive quotidianamente.

E’ questa la filosofia e la mission di GuideMeRight, start-up fondata nel 2014  da  tre giovani che hanno puntato sulle “vacanze responsabili”. Un’idea di condivisione (la tanto citata sharing economy), che ha conquistato in poco tempo 16.000 persone iscritte alla community e 750 Local Friend, ovvero gli “amici” di vacanza che offrono 1.750 esperienze in più di 550 località in tutta Italia.

Sono numeri importanti per una start up nata sulla scia di esperienze simili già consolidate, come Airbnb, ma che però punta, come novità, a garantire un’integrazione di reddito a chi offre informazioni su itinerari, escursioni ma anche  sugli acquisti da fare durante la vacanza. Un sistema a rete ideato da Luca Sini, fondatore e attuale amministratore delegato di Guide Me Right.

Partiamo dunque dall’idea base che ha guidato Luca. “Sono stato io il primo a fare esperienza come local friend dopo l’Erasmus ospitando tanti studenti spagnoli. Poi con i miei soci e dopo aver concluso un master in Inghilterra, dedicato al turismo digitale, abbiamo presentato l’idea all’Open Campus, un servizio di coworking per start up in ambito digitale offerto da Tiscali. Dopo gli studi stavo cercando idee di business e ho messo insieme le mie esperienze personali, accademiche e la mia voglia di fare – che andava oltre l’invio del curriculum”. Questa la miscela che ha dato vita ad una nuova giovane impresa che, mette in guardia Luca, “è come stare su un’altalena, con un eccesso di alti e bassi. un percorso sicuramente emozionante, tortuoso e non da tutti“.

Il cammino di questa start up segue i movimenti economici e sociali di una società dove si scarta sempre di più il “preconfezionato” – dal cibo alle vacanze tutto compreso e tutto programmato - per affidarsi alla ricerca personale e all’autocostruzione del proprio percorso e piacere. Mica facile però, serve un aiuto. In questo caso arriva proprio da Guide Me Right, che pensa positivo sul futuro delle vacanze condivise. “Sono convinto   che forme di assistenza al turista, partecipate e condivise, avranno sempre più successo nel tempo”  spiega Luca  ”è un modo per colmare le lacune dell’offerta tradizionale  e che  anche la tecnologia non può soddisfare”. La mole di informazioni, guide, mettiamoci anche i tutorial, offerte in rete non possono sostituire l’emozione e l’esperienza offerta da un local friend in carne ed ossa“. Si tratta di organizzare il sistema “la nostra esperienza mi fa pensare che sarà possibile, in futuro, avere dei grossi centri tematici formati da persone che condividono passioni”.

Ad esempio, siete a Bologna e oltre la Torre degli Asinelli, la casa di Lucio Dalla e piazza Maggiore volete  assaporare quella parte della città che non si svela neanche nelle guide turistiche più alternative? Guide Me Right vi propone il menù della Local Friend Giulia a base di street food “cose molto buone a poco prezzo, dagli hamburger gourmet, alla piadina; dal tagliere di affettati, al pesce fritto; dal kebab ai tortellini take-away”.  In Toscana il local friend si chiama Marco  e vi propone una ”girata” che “inizia a Greve in Chianti tra botteghe artigiane di paglia intrecciata e ceramiche, macellerie storiche e caffè di provincia, dove potremo chiacchierare di questa terra, famosa in tutto il mondo. Poi su, verso l’antico borgo medievale per una scorpacciata di casine in pietra e gatti stravaccati in mezzo alla strada”. In Sardegna, invece, Luciano a Bolotana, paese della provincia di Nuoro,  vi offre la visita al suo  apiario e alla fine del tour nel mondo delle api è possibile “degustare il miele raccolto”. Cose semplici, ma preziose per riempire la valigia di emozioni e ricordi.

Il modello Guide Me Right ha fatto colpo all’estero e incuriosito un gigante delle vacanze come Booking: “Siamo stati selezionati da un loro programma che offre assistenza alle aziende – spiega orgoglioso il manager della start up -. In pratica ogni  dipendente ha a disposizione 8 ore di volontariato, ogni mese, da spendere per dare consulenza alle imprese. Un riconoscimento prestigioso ed utile”.  Va bene l’emozione, vanno bene i valori ma serve professionalità “stiamo lavorando per migliorare la qualità, per favorire chi vuole fare di questa esperienza una vera e propria professione“. Bando dunque all’approssimazione perché anche per il turismo responsabile servono  e sono necessarie  le giuste competenze.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende