Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Guide Me Right, il tuo “local friend” per vacanze responsabili (e non preconfezionate):

Guide Me Right, il tuo “local friend” per vacanze responsabili (e non preconfezionate)

settembre 13, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Il modo migliore per rispettare l’ambiente e la cultura di una meta turistica? Affidarsi ad una guida locale, lasciarsi accompagnare da un “indigeno” del posto, che voi non conoscete ancora, ma lui conosce meglio di chiunque altro la vostra destinazione, perché la vive quotidianamente.

E’ questa la filosofia e la mission di GuideMeRight, start-up fondata nel 2014  da  tre giovani che hanno puntato sulle “vacanze responsabili”. Un’idea di condivisione (la tanto citata sharing economy), che ha conquistato in poco tempo 16.000 persone iscritte alla community e 750 Local Friend, ovvero gli “amici” di vacanza che offrono 1.750 esperienze in più di 550 località in tutta Italia.

Sono numeri importanti per una start up nata sulla scia di esperienze simili già consolidate, come Airbnb, ma che però punta, come novità, a garantire un’integrazione di reddito a chi offre informazioni su itinerari, escursioni ma anche  sugli acquisti da fare durante la vacanza. Un sistema a rete ideato da Luca Sini, fondatore e attuale amministratore delegato di Guide Me Right.

Partiamo dunque dall’idea base che ha guidato Luca. “Sono stato io il primo a fare esperienza come local friend dopo l’Erasmus ospitando tanti studenti spagnoli. Poi con i miei soci e dopo aver concluso un master in Inghilterra, dedicato al turismo digitale, abbiamo presentato l’idea all’Open Campus, un servizio di coworking per start up in ambito digitale offerto da Tiscali. Dopo gli studi stavo cercando idee di business e ho messo insieme le mie esperienze personali, accademiche e la mia voglia di fare – che andava oltre l’invio del curriculum”. Questa la miscela che ha dato vita ad una nuova giovane impresa che, mette in guardia Luca, “è come stare su un’altalena, con un eccesso di alti e bassi. un percorso sicuramente emozionante, tortuoso e non da tutti“.

Il cammino di questa start up segue i movimenti economici e sociali di una società dove si scarta sempre di più il “preconfezionato” – dal cibo alle vacanze tutto compreso e tutto programmato - per affidarsi alla ricerca personale e all’autocostruzione del proprio percorso e piacere. Mica facile però, serve un aiuto. In questo caso arriva proprio da Guide Me Right, che pensa positivo sul futuro delle vacanze condivise. “Sono convinto   che forme di assistenza al turista, partecipate e condivise, avranno sempre più successo nel tempo”  spiega Luca  ”è un modo per colmare le lacune dell’offerta tradizionale  e che  anche la tecnologia non può soddisfare”. La mole di informazioni, guide, mettiamoci anche i tutorial, offerte in rete non possono sostituire l’emozione e l’esperienza offerta da un local friend in carne ed ossa“. Si tratta di organizzare il sistema “la nostra esperienza mi fa pensare che sarà possibile, in futuro, avere dei grossi centri tematici formati da persone che condividono passioni”.

Ad esempio, siete a Bologna e oltre la Torre degli Asinelli, la casa di Lucio Dalla e piazza Maggiore volete  assaporare quella parte della città che non si svela neanche nelle guide turistiche più alternative? Guide Me Right vi propone il menù della Local Friend Giulia a base di street food “cose molto buone a poco prezzo, dagli hamburger gourmet, alla piadina; dal tagliere di affettati, al pesce fritto; dal kebab ai tortellini take-away”.  In Toscana il local friend si chiama Marco  e vi propone una ”girata” che “inizia a Greve in Chianti tra botteghe artigiane di paglia intrecciata e ceramiche, macellerie storiche e caffè di provincia, dove potremo chiacchierare di questa terra, famosa in tutto il mondo. Poi su, verso l’antico borgo medievale per una scorpacciata di casine in pietra e gatti stravaccati in mezzo alla strada”. In Sardegna, invece, Luciano a Bolotana, paese della provincia di Nuoro,  vi offre la visita al suo  apiario e alla fine del tour nel mondo delle api è possibile “degustare il miele raccolto”. Cose semplici, ma preziose per riempire la valigia di emozioni e ricordi.

Il modello Guide Me Right ha fatto colpo all’estero e incuriosito un gigante delle vacanze come Booking: “Siamo stati selezionati da un loro programma che offre assistenza alle aziende – spiega orgoglioso il manager della start up -. In pratica ogni  dipendente ha a disposizione 8 ore di volontariato, ogni mese, da spendere per dare consulenza alle imprese. Un riconoscimento prestigioso ed utile”.  Va bene l’emozione, vanno bene i valori ma serve professionalità “stiamo lavorando per migliorare la qualità, per favorire chi vuole fare di questa esperienza una vera e propria professione“. Bando dunque all’approssimazione perché anche per il turismo responsabile servono  e sono necessarie  le giuste competenze.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende