Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Hampi, la città di granito dove le rocce son come sirene:

Hampi, la città di granito dove le rocce son come sirene

gennaio 30, 2012 Impressioni di viaggio, Rubriche

Nel 1336 il principe Harihara Raya, fondatore della dinastia Sangama, insediò ad Hampi la capitale di uno degli imperi indù più grandi di tutti i tempi, che dominò buona parte dell’India tra il XIV e il XVI secolo: i Vijayanagar.

Mentre gli europei iniziarono a spostare le loro intenzioni coloniali verso Est e i musulmani invasero il nord dell’India, questo impero regnò tra le regioni del Maharashtra e il Karnataka. La città era il centro di commerci internazionali legati soprattutto a pietre preziose e i suoi ricchi bazar furono saccheggiati dall’invasione dei Sultanati del Deccan nel 1556. Una moltitudine di rovine dei Vijayanagar sono sopravvissute fino ad oggi tra edifici e monumenti situati in un area di 9 chilometri quadrati che richiama l’interesse degli archeologici, dei geologi e dei turisti indiani e internazionali. Hampi, situata nella parte settentrionale della regione indiana del Karnataka, viene anche chiamata la città delle rovine e nel 1986 è stata inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco.

Ma a rendere questa città storica una favola, in cui sembra che il tempo si sia fermato, più che l’intervento umano, è un fenomeno naturale: le formazioni rocciose di granito, un tipo di roccia ignea intrusiva molto antica, che fa anche parte del nucleo terrestre. La maggior parte dei graniti situati in questa zona sono riconducibili agli eoni Archeano e Proterozoico, che risalgono a centinaia di milioni di anni fa. I minerali che compongono  questa roccia sono i feldspati rossi o verdi, il quarzo bianco e il mica nero. Le loro origini geografiche possono essere riconosciute dalla composizione di queste sostanze, che variano spesso, dando ad ogni granito una sua firma. Le rocce sono state formate da un intensa attività vulcanica, con il raffreddamento del magma che si e’ intruso attraverso una forte pressione sotterranea. In superficie sono state modellate dall’azione del vento e della pioggia che, come scultori naturali, hanno causato l’erosione atmosferica creando un paesaggio spettacolare, che si può trovare in poche zone del mondo come la California.

Gli artigiani dei Vijayanagar utilizzarono il granito per costruire gli edifici e le altre strutture monumentali sezionando questi enormi massi. Il lato della scissione è sorprendentemente piatto, come una torta tagliata a fette da un coltello affilato. Tuttavia, per spaccare i blocchi di granito, i sapienti artigiani – ancora digiuni di chimica e metodi esplosivi – non usarano altro se non una tecnica antichissima, con pioli di legno secchi e acqua. Creando una catena di fori nella zona di divisione, in cui venivano inseriti i pioli, l’acqua veniva introdotta gradualmente sui pioli stessi che, passando dallo stato secco a umido, aumentavano di volume dividendo la roccia in un colpo solo. Camminando tra le rovine si possono ancora oggi notare dei fori sui massi, probabilmente segno di tentativi andati male. Una volta ottenuta la dimensione interessata, i blocchi venivano trasportati da una miriade di elefanti in questa immensa area che ha reso Hampi, con 500.000 abitanti, la piu’ grande citta’ indiana e la seconda piu’ grande del mondo nel 1500.

Ad oggi le attività economiche principali sono legate al turismo e all’agricoltura. Al primo sguardo il paesaggio suggerisce una terra arida, per via della dominanza rocciosa, ma nascoste tra questi massi si trovano diverse fonti d’acqua che permettono l’intensa coltivazione di banane e canna da zucchero, oltre alla presenza di palmeti da cocco. I fiumi e laghi dell’area circostante risultano essere balneabili, come raramente accade in India.

Le problematiche ambientali sono legate invece allo smaltimento dei rifiuti, soprattutto alle bottiglie di plastica, dannosa fonte d’inquinamento proveniente dalla cultura e dal turismo occidentale degli ultimi decenni, mentre prima venivano esclusivamente utilizzati bicchieri e caraffe di metallo. Per ora la questione ambientale sembra comunque essere entro limiti di controllo, anche se i fumi di scarico delle numerose fabbriche nelle vicinanze contaminano l’aria e i magici tramonti di Hampi.

Nella regione del Karnataka sono state scoperte miniere che abbondano di manganese e minerali ferrosi, la cui estrazione ha contributo allo sviluppo economico dell’area. Tuttavia lo sfruttamento di queste aree ha subito un’accelerazione eccessiva  a causa dell’aumento, sui mercati internazionali, del prezzo dei minerali, che mette così in pericolo anche il sito storico e archeologico di Hampi, un sito di rara bellezza, dove le rocce, nelle ore solari, assumono sfumature che incantano il turista di passaggio, riportandolo a una dimensione spirituale senza tempo, completamente disconnessa dalla frenesia dell’India moderna.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono disponibili anche sul blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende