Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » I pomodori dei “1200”:

I pomodori dei “1200”

maggio 3, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Ricordo e voglio ricordare mia nonna, già vecchia ma più giovane di quindici anni dopo. Me la voglio ricordare nel suo giardino, il giorno in cui, guardandosi attorno, mi disse che voleva piantare i pomodori. La sua bocca si era aperta in un sorriso da bambina e mi aveva presa per mano, dopo aver reso nota a tutti quell’idea strampalata. Mi aveva presa per mano e portata in una zona nel verde, avevamo passato la parte in cui crescevano le rose e anche quella dei lamponi, per arrivare in un angolo, vuoto ed incolto. Mi aveva indicato quella terra secca e mi aveva detto che lì avremmo piantato i pomodori. Avevo guardato quello spazio, all’estremità dell’orto fatto in casa. Me li ero immaginata, rubicondi e tondi, già pronti per essere raccolti e mangiati in insalata.

-Quanto ci mettono nonna a spuntare i pomodori qui in mezzo alle montagne? Riusciamo a mangiarli domani, a pranzo?

-Devi lasciare alla pianta il tempo per crescere, come noi esseri umani, maturiamo lenti.

-Maturiamo anche noi? Chi ci viene a raccogliere?

Mia nonna sorrise e mi lasciò una carezza sulla guancia.

Due ore dopo eravamo in tenuta da giardinaggio. Mia nonna: il grembiule a fiori, gli stivali di gomma, verdi. Io mi ero infilata la tuta da ginnastica e i guanti coi pallini gommati sul palmo, quelli professionali, mi stavano enormi, ma mi sentivo un’esperta. Il giorno prima nonna aveva comprato delle piante con un cartellino attaccato ad un ramo, Solanum lycopersicum, doveva essere il nome d’arte di quelle piante, erano già alte come me. Piantare pomodori a 1200 metri d’altitudine. Io la amavo e sentivo che se fosse riuscita a fare quello, con tutti contro, sarebbe stata un’eroina più forte di Sailor Moon.

Aveva infilato anche lei i guanti coi gommini sul palmo. Aveva preso la vanga e io avevo appoggiato le mani sopra la manopola per cercare di aiutarla. Abbiamo fatto un buco nella terra, per affondare una delle piante, dopo aver tolto il vaso di plastica che ne conteneva le radici. Nonna aveva spinto con gli stivali la vanga per farla affondare al meglio. Tutta la forza impiegata, mi rendo conto ora, era la sua. Tuttavia in quel momento mi sembrava di essere essenziale nel lavoro. Abbiamo adagiato le radici delle piante nei fossi, ricoprendoli di terra nuova fino all’orlo, fino a dove iniziava il verde dei primi rami, carichi di foglie. Erano belle e ordinate, le piante di pomodori, nel nostro orto fatto in casa. Era luglio.

Ogni giorno andavamo a guardarle. Tutto taceva. Ad ogni tramonto le irrigavamo. Fino al giorno in cui sono spuntati, due, verdi, piccoli, sembravano olive.

Nonna mi ha detto di avere pazienza, che col tempo sarebbero diventati più grandi e purpurei.

Certi ricordi ti si appiccicano addosso, non puoi farci nulla, li vedi nitidi davanti a te. Ad esempio il ricordo di quelle piante, il giorno in cui siamo andate a vederle e c’erano i due pomodori paonazzi e invitanti. Li abbiamo raccolti. Sembravamo due bambine. Io lo ero, lei lo era ritornata. Da quel momento ogni anno, abbiamo piantato pomodori a 1200 metri di altitudine, insieme e sempre fiduciose. Ora mangio i pomodori verdi del suo giardino, li ho conservati, li mangio stasera. Penso a lei. Che idea stramba coltivare pomodori in alta montagna. Questi sono gli ultimi della pianta, non hanno avuto tempo di maturare. Lei non ha avuto il tempo di vederli, gli ultimi. Non coltiverò più pomodori. Sono verdi, ma a me sembrano buonissimi. Hanno il gusto della speranza di far crescere pomodori lassù. Rivedo i suoi occhi che gioiscono, i suoi denti che si aprono in un sorriso, senza vergogna.  Mangio i pomodori verdi, aspri e penso a lei, vicina a me. Era una bambina che guardava tutto per la prima volta, ma con gli occhi di un’anziana, gli occhi stanchi per il tempo passato.

Ieri sono andata al mercato. Mi sono avvicinata ad una bancarella di frutta e verdura.

-Quanto vengono i pomodori?

-40 centesimi al chilo.

-Prendo tre pomodori.

Sono tornata a casa, ne ho spaccato a metà uno. Bianco. Ma i pomodori non sono rossi? Ne ho assaggiato un pezzo, annaffiato d’olio. Nessun profumo. Nessun sapore. Forse non erano pomodori coltivati a 1200 metri d’altitudine da un guanto coi pallini di gomma. Con l’ardore dell’impresa impossibile e l’affetto di sessant’anni di differenza che lavorano insieme.

Stephania Giacobone

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende